Archivio: ULTIM’ORA

2/5/19
CRISTIAN BONIARDI FESTEGGIA, NOGARA SALVO E ARZICHIAMPO IN C

Alto più di 190 centimetri, spalle sicure, braccia forti proprio di chi ogni giorno deve avere ragione della terra: l'anno scorso, era in serie D all'ArzignanoChiampo sotto la guida di Vincenzo Italiano, ex Hellas Verona e oggi trainer del lanciatissimo Trapani, ed anche l'anno prima, Cristian Boniardi da Isola della Scala, dove è nato nel luglio del secondo millennio, festeggia sia la permanenza in Promozione del Nogara sia lo storico ingresso dei vicentini del diesse Mattia Serafini (27 anni!) in serie C. Aspettando, perché no, di condividere il balzo nella cadetteria dei siciliani del suo ex mister Italiano.
 
"Sono contento di aver difeso i pali del Nogara, un gruppo davvero fantastico, rafforzato a dicembre dalla presenza dei due coetanei, classe 1990, Andrea Badalotti (ex Suzzara) e Ayoub Nouhi. Sono stati loro a dare la svolta, oltre all'arrivo di mister Andrea Greggio, ad una squadra che aveva sofferto nel girone di andata, azzeccando poi nel ritorno un filotto di successi colti contro avversarie prestigiosi, vedi Albaronco, Seraticense e costringendo alla divisione della posta (3 a 3) la vincitrice CastelbaldoMasi. La quale, assieme agli albaronchesani, ha disputato un campionato a parte, avendo investito molto nella qualità e nell'esperienza di giocatori con un prestigioso pedigree".
 
Altra festa in casa Boniardi - il padre Francesco è stato alungo dirigente dei nostri dilettanti (ricordiamo Sona e SanguinettoVenera) -, visto che il fratello maggiore (classe 1991) Matteo, difensore, ex Zevio, domenica pomeriggio ha accompagnato la Scaligera di mister Alessandro Ghirigato nel ritorno in Prima categoria, battendo in casa la rivale Albaredo Calcio.
 
Tifosissimo dell'Hellas Verona, l'anno scorso Cristian è stato uno dei più solidi pilastri della Rappresentativa Veneta: oggi il neo-promosso Vigasio di mister Mario Colantoni gli ha già messo gli occhi adosso, facendolo seguire durante le sue prestazioni a Nogara. "Se ci sarà la possibilità di imboccare le scale del calcio che contano, beh, io cercherò di farmi trovare pronto; per adesso, mi godo la permanenza in Promozione del Nogara assieme ai miei compagni bianco-rossi".
 
Un pensiero sull'Arzichiampo: "Ci tenevo molto che vincessero i vicentini: conoscendo la dirigenza, il suo entusiasmo, la sua preparazione, non posso altro che dire che l'Arzichiampo si è meritato il balzo, soprattutto, dopo i play off sostenuti l'anno scorso. Vittoria, dunque, meritata, complimenti sinceri, condivido il loro splendido momento, e partecipo alla loro grande soddisfazione!"

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1059