Archivio: ULTIM’ORA

7/5/19
MISTER GIUSEPPE SARTORI LASCIA IL BO.CA.JUNIOR

DOPO AVER VINTO IL GIRONE DI VICENZA DI 3^ CATEGORIA, IL MISTER GIALLOBLU E' ORA PRONTO A NUOVE OPPORTUNITA' CALCISTICHE

Quest'anno, il Bo. Ca.Junior mister Giuseppe Sartori ha fatto una grande impresa vincendo il girone A vicentino di Terza categoria già a febbraio, lasciando di stucco tutte le formazioni rivali. Ben 63 i punti raccolti alla fine del torneo, con ben 20 punti di distacco dalla seconda, il San Tomio che ha chiuso con 43 punti. I meriti, è chiaro, sono di tutti in ugual misura, partendo dalla presidenza dei fratelli Giusti, Alessandro che è presidente e Cristiano che è il vice presidente. Al direttore generale Alberto Renaldin, al direttore sportivo Nicola Brutto fino ai dirigenti Graziano Dalla Benetta, Antonio Frontera e Gionata Manega. E naturalmente tutta la rosa dei giocatori assieme al vice allenatore Gilbert Jeremy Lissens.

Ad inizio stagione la coppia di attaccanti formata da Mattia Elia, classe 93' proveniente dal Gazzolo, e Jacopo Dall'Omo ex Cologna Veneta, prometteva  gol a ripetizione. Dopo la quarta giornata però, Mattia Elia ha subìto un infortunio con complicanze che lo terrà fuori per molto tempo. Ritornerà in campo, se tutto andrà bene, solo nella prossima stagione. Ha fatto invece benissimo la punta classe 1996 Jacopo Dall'Omo, il quale ha vinto il titolo di capocannoniere del girone segnando la bellezza di 40 reti, lasciando molto dietro il suo primo rivale, Denis Prepelita della Polisportiva Pedezzi, che ha chiuso la stagione con 17 centri.

Di comune accordo con la società il tecnico Giuseppe Sartori ha deciso che l'anno prossimo percorrerà una nuova strada, smanioso di provare una nuova avventura: "Mi sono molto divertito a guidare quest'anno il Bo.Ca. Junior, una compagine davvero forte in tutti i reparti. Ragazzi che hanno cimentato il gruppo da soli, fornendo prestazioni convincenti che ci hanno fatto trionfare alla grande. Le rivali non sono mai riuscite ad impensierirci, e noi, con merito, abbiamo giocato un campionato da protagonista. La società della famiglia Giusti mi è sempre stata vicina e non mi ha mai fatto mancare nulla. Colgo l'occasione per ringraziare tutti, nessuno escluso, coloro che vogliono bene a questo sodalizio. Credo di essere riuscito a dare la mia impronta ai ragazzi che hanno lavorato sempre con dedizione. Mi hanno regalato una soddisfazione che non dimenticherò mai".

Ora Sartori è pronto a vagliare nuove proposte, chi ha bisogno di lui sa come trovarlo. Sulle caratteristiche del buon allenatore dice: "Chi allena deve capire la mentalità e la personalità dei propri giocatori, cercando di trarre da loro il meglio. Deve essere come un padre di famiglia, aiutandoli e motivandoli nella maniera giusta. Un tecnico carismatico, motivatore e un bravo psicologo".

Di carattere schietto e genuino, Sartori ha sempre percorso la sua carriera, sia da giocatore che poi da tecnico, con lo sguardo fiero, dicendo sempre in faccia quello che pensa. Brillante nello schierare bene in campo le sue squadre con forte lancio offensivo, come conferma lui stesso: "Se avessi avuto quest'anno Mattia Elia avrei visto entrare nelle porte avversarie gol a grappoli. Un ragazzo encomiabile come bravura e passione. Non da meno è Jacopo Dall'Omo che ha fatto un record (40 gol in 21 gare) difficilmente battibile. Il suo cartellino è di proprietà del Bo.Ca. Junior, è un ragazzo con il fuoco dentro, un'attaccante che, se usa la testa fino in fondo, è senza dubbio di caratura superiore, non certo da Terza, può volare molto più in alto".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:734