Archivio: ULTIM’ORA

8/5/19
LA MONTEBALDINA RAGGIUNGE L'OBIETTIVO SALVEZZA

Non sbaglia un colpo capitan Pizzini, difensore della Montebaldina Consolini del presidente Davide Coltri in Prima categoria. Con la sua esperienza, davanti alla difesa, quest'anno ha sempre fornito buone prestazioni, quando ha giocato, visto che è stato vittima di una fastidiosa pubalgia che l'ha penalizzato. Nell'ultima partita di campionato, senza eccessivi pericoli per la classifica, sconfitta per 1 a 0 in casa dei gialloblu contro il Valpolicella di mister Marastoni. La Montebaldina ha concluso il suo torneo a quota 37 punti assieme allo stesso Valpolicella che l'ha raggiunto alla 30^ giornata guadagnando la salvezza diretta. Con un punto in meno ha chiuso il Croz Zai di mister Doriano Pigatto che si è anch'esso salvato.

I play out salvezza li faranno invece il Parona, che sfiderà in gara d'andata e ritorno l'Arbizzano, ed il Peschiera che se la vedrà contro il Pedemonte. Il Calmasino è invece retrocesso direttamente in Seconda al termine di una stagione davvero sotto tono. "Una stagione, la nostra, molto tribulata, non lo nego - afferma Pizzini -. Abbiamo pagato tanti infortuni e giocatori che ci hanno lasciato, non riuscendo ad imbastire l'organico che la società voleva avere e vedere in campo il più possibile al completo. Abbiamo anche cambiato mister, Simone Cristofaletti ha rassegnato le dimissioni, per volontà sua a dicembre, per dare una scossa a noi giocatori della prima squadra. E' arrivato al suo posto mister Salvatore Piccinato che ha preso in mano la squadra regalandoci tranquillità e consapevolezza dei nostri mezzi. Abbiamo ben presto respirato una nuova aria e siamo andati più forte".

Pizzini ama il calcio ed il suo bambino. Ora ha una nuova compagna, la dirigente del Calmasino Francesca Quarti, da lei, dichiara Luca, vuole un figlio. "Non è una cosa normale avere un rivale calcistico in casa e nello stesso raggruppamento - e ride -. Lei è del Calmasino ed io della Montebaldina. Ma abbiamo fatto quadrato, sperando che le nostre rispettive compagini si sarebbero alla fine salvate. A Francesca è andata male è sono molto dispiaciuto. Ma sono certo si rifaranno l'anno prossimo in Seconda categoria".

Fa poi i complimenti al presidente Davide Coltri: "Una persona eccezionale, che non fa troppe pressioni dentro e fuori il rettangolo di gioco. Ama il calcio per i palati fini e vorrebbe sempre vincere, quando è possibile. Ha volte è andata male ma ci ha sempre rassicurato, sopratutto nei momenti più bui della nostra stagione agonistica. Ha saputo dare una sferzata quando era necessario. Mister Piccinato ha lavorato nella testa di noi giocatori alla perfezione. Sciogliendo i nodi negativi e caricando ogni singolo componente della prima squadra al massimo. Tengo anche a sottolineare la bravura di mister Cristofaletti, capace di farsi da parte con intelligenza per il bene della squadra. E poi noi giocatori, che siamo stati fortissimi cogliendo una salvezza che per certi versi era difficile da raggiungere".

Pizzini vorrebbe giocare all'infinito, ma sa che non è possibile: "La pubalgia a volte non si vuole far da parte, ma quando sto bene vado ancora forte. Finchè avrò questa fortissima passione voglio giocare. Sto molto bene a Caprino e se la società mi vorrà anche l'anno prossimo resterò qui a disposizione della squadra".

Chiude salutando il suo grande amico, il marocchino Rkaiba: "Un giocatore dall'estro sopraffino che a volte non crede fino alla fine nelle sue possibilità. Ha doti tattiche uniche, è una punta che può segnare una valanga di reti ogni anno. Deve solo raddrizzare la mira sotto porta, poi non gli manca nulla, anche per giocare in categorie superiori".

Di carattere ottimista, Pizzini non vuole alzare giustamente bandiera bianca. La speranza di vederlo nuovamente all'opera è altissima. Le rivali sono avvisate. Per lui batte nel petto il cuore gialloblu della Montebaldina Consolini di Caprino Veronese.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:637