Archivio: ULTIM’ORA

14/5/19
UN ACCOPPIATA TUTTA VERONESE NEL LECCO PROMOSSO IN SERIE C

Un connubio ed un unione di intenti tutta veronese per il Lecco, neo promosso, nella prossima stagione targata 2019-20, in serie C. In panchina riconfermato l'allenatore pescantinese Marco Gaburro che ha firmato, nei giorni scorsi, il rinnovo di contratto che lo legherà alla squadra in riva al Lario ancora per un anno. Scelto è presentato anche il nuovo direttore sportivo del club di via Don Pozzi, è il veronese Mario Tesini, compagno di studi proprio di Marco Gaburro. Entrambi si sono laureati in Scienze Motorie all'Università di Verona e si conoscono da più di vent'anni.

Tesini 43 enne rampante, classe 1976, sposato e padre di tre figli, non vede l'ora di sedersi davanti alla scrivania lariana. Un direttore sportivo che di questi tempi è veramente fuori dagli schemi. Non è raccomandato da grossi procuratori come è in voga nel calcio in questi tempi. Non è sponsorizzato da nessuno ma è amico di Gaburro da vecchia data e condivide la stessa mentalità nel modo di fare calcio. Gaburro quindi lavorerà con un professionista di sua fiducia assieme al vice allenatore Mauro Brambilla, anche lui riconfermato in biancazzurro.

Significative ed importanti le prime parole del diesse Tesini in conferenza stampa: "Non ho giocato a calcio a livelli importanti, ma "mastico" sport fin da piccolo. Sono figlio di un atleta: mio padre era un lanciatore di pesi degli anni sessanta ex Nazionale. Dopo l'università a Verona, e dopo essermi dato da fare nei dilettanti a livello locale, mi sono fatto le ossa nel Mantova nell'allora presidente Fabrizio Lori passando dalla serie C2 fino alla serie B. Collaboravo con il d.s. Giuseppe Magalini e facevo il talent scout. Nel 2009 sono approdato alla Sambonifacese, che ha fatto la serie C2 per ben quattro anni, ho lavorato con loro per tre anni. Con i rossoblu venni a giocare a Lecco dove vinsi e poi persi nelle stagioni 2010-11 e 2011-12. Ma a San Bonifacio dovevo lavorare con le valorizzazioni e i minutaggi. Un conto e lavorare in una piazza vera come quella bluceleste, un'altra lavorare dove la passione del presidente doveva essere accompagnata dai soldi ottenuti dalle valorizzazioni".

Tesini ha scoperto, nel corso della sua carriera pre Lecco, il brasiliano Jorginho, ora al Chelsea di mister Maurizio Sarri, quando giocava nella giovanili dell'Hellas Verona, ma anche Andrea Brighenti, che ora milita nel Monza del presidente Silvio Berliusconi e Mattia Finotto, oggi attaccante del Cittadella in prestito alla Spal. Tesini ha lavorato inoltre per il Chievo, l'Ascoli e il Brescia. Un duo scaligero che fa del duro lavoro sul campo il proprio credo. "Quest'anno - chiude Marco Gaburro - abbiamo fatto una grande ed emozionante impresa vincendo il nostro girone di serie D con un incredibile record di punti vantaggio sulla seconda. Ringrazio tutti i ragazzi e la società per questa entusiasmante stagione. Adesso dobbiamo resettare tutto ed essere pronti a dire la nostra nella prossima stagione in serie C. Non sarà facile ma c'è la metteremo tutta per fare bene".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1213