Archivio: ULTIM’ORA

28/5/19
LUGAGNANO E REAL LUGAGNANO SI FONDONO PER IL BENE DEL PAESE

La notizia era nell'aria, ma ora è diventata realtà. Il Real Lugagnano del presidente Sergio Coati e l'Asd Lugagnano del presidente Giovanni Forlin hanno deciso di unire le forze e gli intenti sportivi, per costituire una nuova società che è pronta a dire la sua nella prossima stagione di Prima categoria. Quest'anno i due sodalizi del paese di Lugagnano, hanno giocato entrambi una buona stagione nel girone A di Prima categoria, dandosi battaglia, sia all'andata che al ritorno, nei loro primi derby dal forte sapore campani

    ico.

    Alla fine, dopo le 30 gare di campionato, il Lugagnano allenato da mister Massimo Gasparato ha conquistato la quinta piazza in classifica con 44 punti, frutto di 12 vittorie, 8 pareggi e 10 sconfitte, con 48 gol fatti e 37 subiti, guadagnandosi l'accesso al 1° turno dei play-off poi persi per 2 a 0 in casa dei viola del PSG Concordia. I rossoneri del Real Lugagnano, ben guidati da Fabio Di Nicola (fino a due giornate dalla fine), hanno ottenuto il settimo posto (in coabitazione con il Real GrezzanaLugo di mister Antonio Ferronato) con 38 punti, frutto di 9 vittorie, 11 pareggi e 10 sconfitte, segnando 40 reti e subendone 39. "Siamo soddisfatti nel nostro campionato da neo promossi - dice il presidente Sergio Coati -, la mia squadra ha espresso le sue potenzialità, specialmente nel girone di andata. Un buon gruppo ben plasmato dal nostro mister Di Nicola che nel girone di ritorno ha avuto una pericolosa flessione".

    Il presidente Coati ci piega poi come si è arrivati alla fusione tra il Real Lugagnano e il suo Asd Lugagnano: "A dir la verità era già un po' che se ne parlava. Io, ed il presidente dei gialloblu Forlin, amiamo il nostro paese, Lugagnano. Da qui è nata l'idea di unire le due entità calcistiche formando una nuova società che si chiamerà semplicemente Lugagnano. Vogliamo formare un settore giovanile con maggiore qualità mettendo assieme la nostra esperienza, maturata nelle due società, con tecnici qualificati. Formeremo una buona squadra in Prima categoria con giocatori che vogliono bene a Lugagnano".

    Gli fa eco Giovanni Forlin, primo dirigente del Lugagnano: "Non serve, in questi tempi difficili, avere due squadre nella stessa categoria e dello stesso paese. Tutti noi dirigenti vogliamo il bene di Lugagnano, un paese attivo e molto appassionato di calcio. Siamo molto carichi e determinati nell'allestire questo nuovo progetto. Ci crediamo fortemente e siamo già al lavoro per la prossima stagione. La nostra ricetta è credere nei giovani del settore giovanile, pronti ad entrare a fare parte della prima squadra a farsi le ossa a fianco di ragazzi in gamba con più esperienza in un campionato arduo come è la Prima categoria". Forza Lugagnano, la vetrina della Prima ti aspetta!

    Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1241