Archivio: ULTIM’ORA

28/11/17
RUZZENENTE (ROSEGAFERRO): “SIAMO A POSTO COSI’!”

Non perfezionerà alcuna operazione nell’ormai vicinissimo mercato di dicembre, la Polisportiva Rosegaferro del presidente Federico “Da Montefeltro” Dal Gal e del diesse rossoblu, il quadernese Alberto Ruzzenente. “La campagna-acquisti” sorride Ruzzenente “l’abbiamo già completata lo scorso agosto, siamo questi e tali rimarremo fino al prossimo maggio”.

Il girone “B” di Seconda categoria proietta l’Audace calcio di mister Matteo Meneghetti al primo posto di questo combattuto raggruppamento… “E’ la squadra più completa, con un Francesco Gasparato, classe 1980, che fa sempre la differenza. Contro di noi ha fatto un gran bel gol, da giocatore che con la Seconda categoria non ha proprio niente a che vedere”.

Quali, invece, sono le papabili ai play off del vostro girone?
“L’Alpo Club ’98, la Scaligera Lavagno, il Casteldazzano e quel SommaCustoza, che ci ha appena battuto nel derby”.

Chi, fino ad ora, ha deluso le aspettative della vigilia del campionato?
“Mi sarei aspettato di vedere più in alto il Borgoprimomaggio di mister Tiziano Salvagno, i "viola" hanno costruito in estate una squadra non certo per un campionato interlocutorio. Ma, alla fine, mancano ancora parecchi punti e ha tutte le carte in regola per riprendersi e lottare per le prime posizioni”.

La squadra-rivelazione del girone B finora? 
“La Nuova Cometa di mister Cristian Cordioli, anche se ultimamente in grande flessione, e la Scaligera Lavagno di mister Ivan Benin, che invece prosegue nella sua marcia nelle zone altissime della classifica”.

Qual è il giocatore della Polisportiva Rosegaferro che è il valore aggiunto del gruppo guidato da mister Simone Mirandola? “Tommaso Garbujo, classe 1995, ex Povegliano: è una mezza punta veloce, capace di puntare l’uomo e saltarlo ogni volta, un dribblomane nato”.

Il vostro obbiettivo di quest'anno?
“Salvarci senza dover fare i conti con l’appendice dei play out. Come realtà calcistiche giovanili, siamo presenti in tutti i Tornei indetti dalla Figc, e questo, per noi, è un grande motivo di orgoglio. Il nostro movimento tocca i 150 tesserati”.

Occupate il 9° posto, ma la classifica è molto raccolta…
“Siamo in credito di un buon paio di punti con la fortuna: paghiamo gli infortuni occorsi al nostro portiere, a Nicolò Cambi e a Cristian Caldana. Non avendo una “rosa” ampia, questi incidono in maniera abbastanza sensibile”.

Come hai trovato il girone B di Seconda Categoria? 
“Livellato, a livello qualitativo, verso il basso, rispetto all’anno scorso. Tranne l’Alpo Club ’98, squadra completa in tutti i reparti, fatico a individuare altri gruppi con qualità ben distribuite nei principali settori del campo”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1398