Archivio: ULTIM’ORA

3/1/18
IL SAN GIOVANNI LUPATOTO SI GODE IL PRIMATO SOLITARIO

Non si può definire una sorpresa, la capo

    a del girone A di Promozione, il San Giovanni Lupatoto del presidente Daniele Perbellini. Da tre anni è stato riaperto un nuovo ciclo che è stato festeggiato al meglio con il meritato salto dalla Prima categoria fino alla Promozione. Da tre partite siede sulla panca biancorossa mister Andrea Manganotti, cugino del più popolare allenatore, con alle spalle ben 40 anni di calcio, Lucio Manganotti. Non ha fatto molto, ammette con umiltà, il rampante mister biancorosso. Ha cercato di irrobustire i reparti, regalando nuovi stimoli alla squadra che era già forte di un intelaiatura di gioco ben amalgamata e coesa. Con lui, in pratica, il San Giovanni ha continuato la strada intrapresa, fatta di coscienza nei propri mezzi e di fortissimo entusiasmo.

    I ragazzi sul campo, hanno fatto il resto, come dice Siro: "Voglio formulare forte apprezzamento al duro lavoro svolto da mister Lucio Manganotti, persona che stimo ed ammiro da tempo, per i tanti anni passati nel nostro calcio dilettantistico. Io fino a poco tempo fa allenavo i giovani del vivaio del San Giovanni Lupatoto. E' stata una precisa decisione della dirigenza della società quella di affidarmi la guida della Prima squadra. Io mi sono messo subito a disposizione ma tengo nel mio cuore anche i miei ragazzi della formazione Juniores, che l'anno scorso hanno perso un ragazzo, salito al cielo. Ci manca a tutti".

    Considera assai veritiera l'attuale classifica, il suo San Giovanni guida il gruppone con 31 punti, 4 punti in più delle due più dirette inseguitrici, l'Aurora Cavalponica e l'Alba Borgo Roma. Da tenere d'occhio anche Garda, Albaronco e Longare Castegnero, tre formazioni in grado di dire la loro per la vittoria finale, come sottolinea il mister biancorosso: "E' bello guardare le rivali dall'alto. Ma il bello deve ancora venire, come si dice in questi casi. Non dimentichiamo che siamo una neo promossa che dobbiamo acquisire maggiormente la giusta mentalità ed un pizzico di cinismo in più, indispensabile in questa categoria per fare più punti possibili. Ci aspetta un girone di ritorno tremendo. Dobbiamo stare con le antenne ben puntate verso l'alto, guardando alle nostre potenzialità e solo a noi stessi. Pratichiamo un buon calcio, ed abbiamo in rosa ragazzi seri ed appassionati che vogliono bene ai questi colori. La dirigenza è sempre presente e attenta. Cercheremo di procedere passo dopo passo".

    Andrea ci parla poi delle prossime gare che aspettano la sua brigata. "Domenica andiamo a trovare il Povegliano di mister Marco Pedron, una squadra ostica, poi giocheremo in casa contro l'Albaronco ed infine, sempre nel mese di Gennaio, ospitiamo il rinforzato Castelbaldo Masi. Tre gare per noi durissime, che diranno di che pasta siamo fatti. Io sono fiducioso ma dico sempre ai miei ragazzi che dovranno tirare fuori gli attributi. Intensità e raziocinio faranno il resto".

    Il San Giovanni Lupatoto è stato fondato nel 1912 e da allora ne è passata di acqua sotto i ponti. Il sodalizio dei "lupi biancorossi" è retto dal presidente Daniele Perbellini, il direttore sportivo è Stefano Rinaldi, consigliere è Gianluca Zecchin mentre due sono  le stimate segretarie, Simona Toffali e Roberta Piubello. Se i biancorossi sono in vetta è merito anche della terribile e temibile coppia d'attacco formata da Santhos Corazza, giunto quest'anno dall'Albaronco, e dalla bandiera e capitano biancorosso Nicola Avesani. I due, insieme, hanno finora segnato ben 19 goal dei 28 totali. Proprio Nicola Avesani, vice cannoniere del girone con 11 reti, afferma: "Il ritorno lo vedo veramente duro e combattuto per tutte le squadre che compongono il nostro girone. Dovranno lottare per i loro rispettivi obiettivi senza mai guardarsi dietro. Servono subito punti fondamentali per alimentare la classifica. Sicuramente le nostre rivali metteranno in campo grande impegno ed orgoglio nel sfidare la prima della classe. Questo sarà un'ulteriore ostacolo per noi nel girone di ritorno".

    Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1797