Archivio: ULTIM’ORA

23/1/18
BOMBER LORENZO PINAMONTE RILANCIA IL LAZISE

Non si ferma mai il bomber classe 1978 Lorenzo Pinamonte. Dopo aver chiuso la carriera da professionista, partendo dal Garda da ragazzino arrivando  a militare con successo segnando goal di buona fattura nelle fila di diverse squadre di serie C italiane e del campionato di serie B inglese, vedi Bristol City, Carlisle United, Brighton e Brentford, Lorenzo ha fatto domenica scorsa la sua ennesima personale prodezza con il Lazise del presidente Alfredo Brunazzo nel girone A di Seconda categoria. L'aitante bomber quarantenne, che oggi milita nella formazione Amatori Lazise, è stato schierato dal primo minuto di gioco nella difficile gara a Corbiolo contro gli "scoiattolini" del presidente Sandro Zanini, ha firmato due splendide reti aprendo le marcature al 8° del primo tempo con una bella rasoiata delle sue e chiudendo il match su calcio di rigore al 45° della ripresa. Risultato finale 3 a 2 per il Lazise a Corbiolo.

Un sorridente Pinamonte ci dice: "Dai, ho fatto semplicemente il mio dovere. Un attaccante quando gioca deve sempre segnare, è il suo ruolo. Sono stato onorato di aver dato una mano al mio amico Brunazzo, persona che stimo ed apprezzo moltissimo. Sta portando a buoni livelli, con passione e sacrificio, il Lazise in Seconda categoria. Mi sento ancora in forma e direi che il fiuto del gol non mi è mai mancato".

Con i compagni degli Amatori si è portato a casa il titolo regionale. Non gli pesa correre ad allenarsi dopo la dura giornata lavorativa all'Hotel Nettuno che gestisce assieme alla famiglia a Porto di Brenzone, sul lago di Garda. Tifa Hellas Verona e quando riesce va a vederlo. "Non è un buon momento per i colori gialloblu dell'Hellas Verona. Serviva, dopo la sconfitta in casa per 3 a 0 contro il Crotone, una bella scossa. Pensavo che mister Pecchia salutasse il gruppo, ma non è stato così. La società, che conosce meglio del sottoscritto la situazione, ha deciso di non cambiare ed andare tutti in ritiro forzato ad Imola per preparare al meglio la sfida contro la Fiorentina. Staremo a vedere se ci hanno visto giusto".

Lorenzo guarda tutti i giorni pianeta-calcio e segue con interesse il Lazise di Seconda categoria. "Siete sempre il numero uno! Notizie fresche e dettagliate tutti i giorni sui dilettanti veronesi. Procedete così, andate davvero forte. Tornando al Lazise direi che con i tanti giovani di valore e diversi elementi navigati, sta facendo bene nel girone A di Seconda. Certo che la capo

    a è lontanissima con ben 14 punti di differenza, un divario da non sottovalutare. Ma i play-off sono li a tre punti e nel calcio può accadere di tutto. Contro il Corbiolo ho visto una squadra coesa e determinata, fiera di vestire la maglia del Lazise. Se ci sarà ancora bisogno del sottoscritto, io sono prontissimo a mettermi a disposizione di mister Brunazzo".

    Ha un carattere solare, come la sorella Lorena che continua a far la spola con l'India dove ha adottato un bambino a distanza, attraverso l'Associazione Onlus “Namastè Onore a Te” di San Lazzaro di Savena in provincia di Bologna, ed ha fondato da zero la società del team calcistico Namastè-Nettuno a Pozhiyoor, in uno sperduto villaggio di poveri pescatori nel vasto Kerala. Domenica prossima il Lazise del presidente allenatore Alfredo Brunazzo ospiterà al Comunale le Greghe di Lazise la Polisportiva Consolini, un match che si preannuncia di sicuro interesse. "Se riesco vado sicuramente a vedere la partita - dice Lorenzo -. Con un gioco effervescente ed equilibrato, il Lazise può vincere e raccogliere altri tre punti importanti".

    Ricordiamo che il Lazise è nato nel 2010 ed è presieduto da Alfredo Brunazzo, vice presidente è Lilia Perinelli, segretario Leonardo Inchingolo, direttore sportivo Flavio Piccoli mentre il direttore tecnico è Luigino Rossi. Danno una mano a mister Brunazzo, il vice allenatore Gaetano Bonometti, l'allenatore dei portieri Vittorio Perinelli, il fisioterapista è Luca Tambè mentre il medico sportivo è Luca Sebastiano che ha lavorato anche nell'Hellas Verona ai tempi di mister Andrea Mandorlini.

    Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1666