Archivio: ULTIM’ORA

29/1/18
VIAGGIA CON IL VENTO IN POPPA LA CAPOLISTA ISOLA RIZZA

LA SQUADRA DI MISTER STEFANO SACCHETTO COMANDA IL GIRONE B DI PRIMA CATEGORIA E DOMANI E' IMPEGNATA NEI QUARTI DI FINALE DI COPPA CONTRO IL VALPOLICELLA

Compie 53 anni di vita l'Acd Isola Rizza del presidente Franco Brunelli. Una squadra che ha sempre dato battaglia quando scende in campo la domenica pomeriggio, mettendo anima e cuore. Quest'anno, dopo il sesto posto della stagione passata in Prima categoria a 44 punti alla pari del San Giovanni Ilarione, si è prefissata di migliorare il piazzamento colto nella stagione 2016-17 e adesso è la capo

    a assoluta del girone B di Prima categoria con 40 punti già raccolti nelle 19 gare già giocate, con 12 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte. Il trio delle meraviglie, formato da Nogara, ValdalponeRoncà e Cologna Veneta, è sempre sul treno dei vincitori, ed insegue caparbio a quota 34 punti.

    Da due anni in pianta stabile, attirato dal progetto messo in luce dalla dirigenza dell'Isola Rizza, mister Stefano Sacchetto è sereno ed allena ogni settimana con la massima intensità e con tanti stimoli, rafforzati dal bel gioco che gli regalano la domenica i suoi ragazzi. Domenica scorsa i bianco e azzurri hanno spodestato un ottimo Tregnago che ha una rosa formata da diversi giocatori di valore. Risultato finale, dopo novantacinque minuti assai movimentati e mai noiosi, di tre a due per l'Isola Rizza che ha messo la freccia proprio in piena zona Cesarini, al 90° minuto, con la punta classe 1990 Matteo Granetto, bravo a trafiggere l'incolpevole numero uno del Tregnago classe 1981 Simone Peretti, regalando una vittoria importantissima e i tre punti ai ragazzi di mister Stefano Sacchetto. "Una gara bella che ha fatto divertire il pubblico presente sugli spalti dell'“Antonio Perlato” di Tregnago. Tutte e due le squadre, a mio modesto parere, meritavano di vincere. La zampata finale di Granetto ha chiuso i conti a nostro favore. Bene e avanti così!".

    Allena senza grosse pressioni, come piace a lui, e l'affiatamento con la squadra è al top, così come come la dirigenza, formata dal presidente Franco Brunelli, dai due vice Claudio Prando e Raffaello Brunelli, dal direttore generale Graziano Molinaroli e dal prezioso segretario Mario Burato. Da una mano a mister Sacchetto il fidato fisioterapista Lorenzo Storari. "Sei punti di differenza dal terzetto che ci insegue non sono molti. Se perdi due partite sei fritto. La mia squadra però non deve guardare alla classifica ma concentrarsi su quello che combina di partita in partita, divertendosi e cercando di aumentare sempre più il ritmo. La rosa è variegata ed i miei ragazzi praticano un gioco veloce con palla a terra, proprio come piace al sottoscritto. Una squadra è formata dal gruppo e non dai singoli, lo dico sempre ai ragazzi. Abbiamo rispetto per i nostri avversari ma non temiamo nessuno".

    Dietro ad un grande uomo, come diceva qualcuno, c'è sempre una grande donna. La moglie di Stefano, la signora Lorenza, non si interessa di calcio, ma lo accompagna sempre con amore, tra lavoro e passione sportiva, lasciandolo libero di esprimersi. "A mia moglie non faccio mai mancare nulla, come ai miei figli - dice Sacchetto sorridendo -. La mia famiglia mi lascia sempre tranquillo perchè loro sanno che la passione per il calcio la porto dentro fin da bambino. Mi rispettano e mi sostengono con sincerità ed amore".

    Ama ispirarsi ad allenatori di fama, come Ancelotti e Montella, e vuole fare un grandissimo ringraziamento all'attuale presidente della neonata società Atletico Città di Cerea, l'amico Luca Bronzato. "Luca è una persona eccezionale che mi ha dato fiducia, come allenatore, quando guidavo gli amatori, chiamandomi poi ad allenare i ragazzi della Juniores regionale a Cerea. Tempi per me bellissimi e di forte crescita umana e come tecnico. Da li ho iniziato ad allenare con fermezza passando poi in categoria".

    Domenica prossima la squadra di mister Sacchetto ospiterà il Casaleone, società dove ha vinto quache anno fa il campionato di Seconda categoria ottenendo la promozione in Prima categoria. "Quando affronterò il Casaleone proverò una selva di emozioni. I ricordi belli non si cancellano mai. Io conosco bene come giocano i miei avversari e loro sanno come gioca il mio Isola Rizza. Sarà una gara al cardiopalma, che vinca il migliore!".

    Intanto mercoledì 31 gennaio alle ore 20,30 i biancazzurri torneranno in campo nel Trofeo veneto di Prima categoria. Giocherà sul terreno di San Pietro Incariano contro il Valpolicella di mister Simone Cristofaletti per i quarti di finale della manifestazione. Mister Sacchetto ci saluta dicendo: "Vogliamo andare avanti spediti sia in Coppa che in Campionato. Il Valpolicella è avvisato. Cercheremo di vincere mostrando qualità e determinazione".

    Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1653