Archivio: ULTIM’ORA

2/2/18
VILLAFRANCA, OCCHIO AI…PISANI SULL’USCIO!

Come recita l'adagio, meglio un morto in casa che un...Pisani sull'uscio. I pisani erano, ai tempi in cui il proverbio fu coniato (ma, anche nelle Marche si usa questo detto!), i gabellieri, i riscossori delle tasse da parte dello Stato Pontificio. Ma, domani, la 20ma giornata del girone “A” di Eccellenza veneta, non proporrà proverbi, bensì il big match, quello tra la capo

    a Villafranca e l’inseguitore Caldiero. Le sfidanti sono distanti soltanto due punti, con il “Villa” di mister Alberto Facci in vetta con 38 punti e i “termali” dell’omologo Cristian Soave che inseguono a 36. Dietro di altre due tacche il Montecchio Maggiore.
     
    Per il difensore giallo-verde Alessandro Pisani - classe 1993, cresciuto nei giovani del Chievo, passato poi in Lega Pro all’A.C. Sambonifacese di mister Flavio Carnovelli, dove ha militato anche in serie D, quindi, a Pergine Valsugana (D), infine le due stagioni in Eccellenza a Vigasio prima di arrivare all’ombra di Giunone (2° anno per lui in gialloverde) – quello che il Caldiero sta vivendo è “un momento cruciale, molto importante perché la squadra sta rosicchiando punti sugli azulgrana capo
      i: “Alla boa” ricorda “El Pisa” “eravamo a -5, poi, il distacco si era dilatato fino a 7 punti, per poi ridursi domenica scorsa a -2. Loro sono forti e lo dimostra tutta l’andata trascorsa al vertice della classifica. E’ un gruppo molto solido, è il complesso più forte e completo di tutti. All’andata finì sull’1 a 1”.

      Qual è il tuo compagno cresciuto in maniera esponenziale quest’anno? “Maicol Bonetti, giunto in estate dal Lugagnano, è quello che mi ha stupito di più ed è già andato in gol 10 volte; Giovanni Guccione e Lorenzo Zerbato sono per noi delle splendide conferme”.

      Il Villafranca dovrà fare senza degli appiedati dal Giudice Sportivo, il centrocampista classe '90 Filippo Tanaglia e il difensore classe '94 Davide Foroni… “Sono convinto che i validi sostituti li hanno in casa. Un giocatore che non vorrei trovarmi di fronte di loro è senz’altro Stefano Bortignon. Una vita nella Virtus Borgo Venezia, due stagioni vissute con lui a Vigasio. Per l’Eccellenza, Stefano è un giocatore che fa la differenza, alla pari dei nostri Guccione e Zerbato”.

      Il discorso-scudetto è riservato soltanto a voi e al Villafranca?
      “In un Torneo tanto equilibrato prevedo la minaccia di chi sta andando, ora come ora, a mille, e cioè il Montecchio Maggiore. I bianco-rossi vicentini hanno punte molto forti che possono risolverti la gara da un momento all’altro, continuano a vincere e subiscono pochi gol. Hanno un esterno molto bravo e giovane ed anche Hakim Calgaro (1989) che è davvero forte e molto pericoloso sotto rete”.

      Situazione scontri diretti: come è?
      “Il Villafranca è leggermente avvantaggiato perché le big (mi riferisco a Vigasio e Pozzonovo) le ha già quasi tutte incontrate. Noi, invece, le incontreremo verso la fine”. Siamo sicuri che un "Guerriero della luce" come Alessandro Pisani, abituato nell'azienda paterna, a garantire fasci luminosi, sarà in grado di indicare ai compagni gialloverdi il sentiero più luminoso, magari sperando di accecare la capo

Visualizzazioni:1251