Archivio: ULTIM’ORA

6/5/18
UNA PARTITA SPECIALE: IL 18° TROFEO CARRÀ-ROMANO

La diciottesima edizione del trofeo Roberto Carrà-Loris Romano, si è svolta quest’anno nel Comune di Bonavigo, in concomitanza con la Festa della Fragola. Anche quest’anno l’Arma dei Carabinieri ha aderito all’invito dell’U.N.P.L.I. (Unione Nazionale Pro Loco Italiane), ed ha presentato una selezione di calciatori, diretta da Vincenzo Napolitano, di stanza a Legnago, per affrontare in una partita di calcio la selezione Pro Loco Amministratori Comunali, organizzata da Federico Tambalo, figlio dell’indimenticato ex Presidente del Concamarise Renzo Tambalo. La partita, in due tempi di trenta minuti ciascuno, è stata diretta dall’ex arbitro professionista Gianluca Cavallaro, coadiuvato dagli assistenti Matteo Pellini ed Enzo Burato.

Una gara dai due volti, quella a cui ha assistito il numeroso pubblico presente sugli spalti dell’”Orvile Venturato”, indimenticato patron della Samo, a cui sono dedicati gli impianti sportivi. Nel primo tempo l’Arma dei Carabinieri ha preso il sopravvento sui rivali, che nel secondo tempo hanno ribaltato a loro favore le sorti dell’incontro. Al 3’ Francesco Frappampina, di stanza a Legnago, imbuca per Simone Bazzani, Comandante della Caserma di Minerbe, il quale si presenta solo davanti a Michele Bonfante (portiere dell’ALK Vigo calcio a cinque) e mette la palla in rete. Pronta la reazione della Pro loco che all’11’ si presenta dalle parti di Daniele Padovan (marito dell’assessore ai lavori pubblici Elisa De Berti) con Gian Marco Milanese, autore di una bella incursione, sventata in extremis dall’ottimo Simone Coraini, di stanza a Legnago e parente dei famosi Coraini di Bevilacqua e Vigasio. Poco dopo una staffilata di Stefano Brendaglia, si stampa sul palo. Ci si aspetta il pareggio da un momento all’altro ed invece l’Arma raddoppia al 29’: Giuseppe D’agostino serve Bazzani che controlla e mette in rete alla sinistra di Simone Rossini, inventatosi portiere in sostituzione dello “stirato” Michele Bonfante.

Nella ripresa cambia lo spartito e la musica si fa più interessante per la Pro Loco che all’8’ accorcia le distanze. Guido Totti serve in verticale Andrea Girardi, sindaco di Minerbe, il quale dribbla il portiere e mette la palla in rete seppur defilato. Al 12’ da segnalare il bel colpo di testa di Michele Stendardo (portiere del Porto Legnago, di stanza nella Caserma di Legnago), oggi in veste di difensore, che manda di poco a lato. Al 15’ incursione di Simone Bazzani, mai visto così in forma, tiro ad incrociare e palla che si stampa sul palo. Al 18’ partono in tandem Girardi e Milanese, il quale con un bel pallonetto beffa il portiere e pareggia i conti per la Pro Loco. Non è finita! Al 25’ Enrico Zandonà (ex Sanguinetto) crossa dal fondo e, nel tentativo di contrastare l’aitante Totti, Michele Stendardo con un colpo di testa all’indietro, beffa Pavan e fa autogol. Un violento nubifragio si scatena sui presenti, ma il gioco non s’interrompe ed i Carabinieri tentano invano gli ultimi assalti alla ricerca del pareggio. Contrariamente allo scorso anno, dove c’è stata una miriade di reti (8 a 6 per la Pro Loco il risultato finale), quest’anno la gara è stata altrettanto combattuta, ma con un risultato negli standard calcistici.

A fine gara tutti sotto il tendone allestito per la Sagra, per un momento di convivialità, nello spirito delle Pro Loco. Il noto scrittore Francesco Occhi, ha presentato la serata ringraziando le squadre per la loro abnegazione. Quindi ha ringraziato i numerosi Sindaci presenti, Silvano Boninsegna di Isola Rizza, Loreta Isolan di Roverchiara, Stefano Negrini di Correzzo, Andrea Tuzza di Villa Bartolomea, Simone Zamboni di Terrazzo, Andrea Girardi di Minerbe ed Ermanno Gobbi di Bonavigo, il quale ha ricevuto dalle mani del sindaco di Villa Bartolomea Andrea Tuzza, il Trofeo U.N.P.L.I. che passa di mano in mano ogni anno, dal paese uscente al paese ospitante. Presenti anche gli assessori dei Comuni di Bovolone, Sanguinetto e Castagnaro.

Maria Teresa Meggiolaro, Presidente del Consorzio U.N.P.L.I., con un velo di commozione ha ricordato le figure di Roberto Carrà, uno dei soci fondatori, e di Loris Romano, Sindaco di Villa Bartolomea, assassinato nel 2006 mentre svolgeva le sue funzioni. Ha poi sottolineato l’importanza delle Pro Loco, per quanto riguarda la valorizzazione del territorio, dei prodotti locali, la collaborazione con le istituzioni, compresa l’Arma dei Carabinieri, “che è sempre un piacere riuscire a battere”, come successo nelle ultime due edizioni, dopo un periodo di magre figure. Poi si sono succeduti al microfono altri personaggi, tra cui Giorgio Zamboni ed Elisa De Berti, la quale ha omaggiato con uno splendido cesto di fragole, le vedove Carrà, Ivana Mantovani, e Romano, Cinzia Franceschetti; scroscianti gli applausi! Presente anche il Presidente della Provincia Antonio Pastorello, padre dei due giocatori del Cologna Veneta, Alessandro e Davide, freschi vincitori del campionato di Prima categoria. La serata è stata l’occasione propizia per scambiare opinioni e socializzare tra gli abitanti dei vari paesi presenti, oltreché dei Sindaci a confronto. L’appuntamento è per il prossimo anno a Minerbe, che salvo imprevisti, sarà il Comune ospitante.

Antonio Dal Molin per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:768