Archivio: ULTIM’ORA

14/5/18
LA COPPA VENETO PRIMAVERA E DEL VERONA

L'AGSM BATTE IL TAVAGNACCO IN RIMONTA (4-1)

Sul campo da finale dello stadio "Arles Panisi" di Mogliano si affrontano Verona e Tavagnacco: in gioco c'è la Coppa Veneto Primavera. Le gialloblù vanno sotto, ma rialzano la testa e vincono per 4 a 1 grazie alla stratosferica doppietta di Ambrosi e alle reti di Poli e Franco. Nel primo quarto d'ora le gialloblù hanno un paio di occasioni molto pericolose che non riescono a sfruttare, entrambe con Pasini che cerca il fondo sulla sinistra. Le friulane crescono e, a dispetto dell'andamento di gara, hanno la prima grande chance della partita: Iacuzzi salva un pallone che sembrava destinato alla rimessa laterale e trova una verticale insidiosa per Roder, serve un doppio grande intervento di Fenzi.

Dopo un paio di avvicendamenti da fuori il Tavagnacco ha preso iniziativa e viene premiato con il gol dello 0 a 1 al 22': azione sulla destra e palla in mezzo, Fenzi si supera sulla prima battuta, ma non può far niente quando la libera Iacuzzi chiude di potenza da pochi passi. La reazione gialloblù non è immediatamente propositiva e la squadra sembra un po' scossa, ma arrivati alla mezzora inizia a spingere e intensifica la spinta a sinistra. Al 34' il calcio d'angolo di Pasini è battuto corto per lo schema e lo scambio con Goula: il cross dell'attaccante scaligero è una pennellata di dose e precisione per la testa di Ambrosi, 1 a 1. La partita riprende il corso dell'inizio, con il Tavagnacco che sale a singhiozzo mentre le gialloblù offendono ma senza frenesia. Un calcio di punizione dal limite al 43' basta e avanza al Verona per mettere in mostra uno schema fantascientifico: Giubilato invece che calciare appoggia a Nichele, che a occhi chiusi cerca la testa di Ambrosi. Così arriva il vantaggio gialloblù per 2 a 1. Le friulane accusano il colpo e subiscono due minuti dopo il 3 a 1: lancio lungo verso Pasini, che controlla alla grande e tenta subito di superare Demarchi, la sua parata diventa però un campanile che conclude la sua parabola a due metri dalla porta e sui piedi di una fredda Poli.

Tavagnacco sfuria in avvio di ripresa, ma non riesce a tenere alto il ritmo più di qualche minuto. Così di riflesso le gialloblù la giocano con calma, sfruttando tutta l'ampiezza nel possesso, e rispondono alla grande opportunità di Minutello con Poli: dribbling sul portiere in uscita ma cross di scarso successo. A questo punto, arrivati oltre i venti minuti, è tornato in cattedra il Verona, sia in fase di gestione sia in fase di attacco. L'ingresso di Franco genera nuova corsa a sinistra, arma che le gialloblù possono sfruttare per mettere in difficoltà un Tavagnacco che fatica a scrollarsi di dosso il peso del risultato. Infatti è proprio la neo entrata che, nel finale, s'inventa un gol direttamente dalla bandierina del calcio d'angolo che spedisce in paradiso il Verona: Il triplice fischio finale sancisce il 4 a 1 e la coppa è delle giovani gialloblù!

Verona: Fenzi; Esquilli, Meneghini (82' Cavalca), Ambrosi, Bouby; Goula, Bardin, Nichele; Giubilato (90' Toldo), Poli (69' Franco), Pasini. A disp.: Zanoni, Santinato, Gobbi, Tiberio. All. Padovani.
Tavagnacco: Demarchi; Stella, Gallo (79' Govetto), Pozzecco, Verritti, Tortolo, Minutello, Cotrer (69' Miotto), Iacuzzi, Roder, Fracaros. A disp.: Fontana, Grosso, Miani, Castro, Blasutto. All. Iacuzzi.
Marcatori: 22' Iacuzzi (T), 34' Ambrosi (V), 43' Ambrosi (V), 45' Poli (V), 92' Franco (V).
Ammoniti: Meneghini, Nichele (V).

L'Ufficio Stampa di AGSM Verona per www.pianeta-calcio.it
Foto di Federico Fenzi (AGSM Verona)

Visualizzazioni:867