Archivio: ULTIM’ORA

31/7/18
LA CROZ ZAI E' PRONTA PER INSEGUIRE UN NUOVO SOGNO

La società gialloblu del presidente Paolo Gaspari, dopo l'amara retrocessione in Prima categoria, volta pagina e pensa al futuro. La squadra si è presentata, come di consuetidine, presso la baita del proprio campo, con la grande voglia di rivalsa. Al Croz Zai si è abituati a disporre di quello che si ha in casa. I giovani, con le loro aspettative e le loro velleità, sono la base per continuare a fare calcio da queste parti. Il calcio dilettantistico racchiude emozioni indescrivibili e grande passione. I gialloblu, al loro primo anno in Promozione, hanno sfiorato il miracolo salvezza grazie ad una banda di ragazzi che in campo hanno dato veramente tutto. I punti di penalizzazione, per un fatto accaduto l'anno precedente, sono stati purtroppo per loro letali. Il Croz però non si piange addosso e vuole alzare in fretta l'asticella. Il sogno di ritornare, ancora una volta in Promozione, non è certo svanito.

Dice il presidente Giampaolo Gaspari: "Vogliamo aprire un nuovo ciclo con ragazzi che vogliono bene alla nostra maglia. Non ci poniamo limiti, ma vogliamo giocare un campionato da protagonisti. Abbiamo inoltre fatto domanda per eventuale ripescaggio in Promozione, anche se sarà molto difficile".

Alla guida dei gialloblu ci sarà ancora mister Doriano Pigatto, chiamato l'anno scorso a campionato in corso ed autore di una rimonta incredibile. "Siamo una squadra giovane e ben costruita con giocatori di provate capacità. Il gruppo è pimpante con elementi molto interessanti e di categoria. Vogliamo fare un ottimo campionato mostrando sul campo tutte le nostre velleità. Sono positivo e molto fiducioso".

Hanno cambiato maglia molti giocatori fra i quali i gemelli Poltronieri, Scolari, Zenari, Bonfadelli, Lavarini, Bonturi e Filipovic, mentre si attende il pieno recupero del centrocampista Nicolò Ceolini alla prese con la riabilitazione dopo il serio infortunio occorsogli. Ritornerà in campo l'anno prossimo. Tanti i nuovi arrivati, tutti di qualità, ma la campagna acquisti, assicura il direttore sportivo Germano Pistori, non è ancora conclusa: "Stiamo ultimando altre trattative interessanti, con un portiere d'esperienza, con un grintoso difensore brasiliano che ha giocato nella serie B Slovena ed una punta di peso. Siamo dispiaciuti di come sia finita l'ultima stagione in Promozione. Abbiamo fatto un girone di ritorno pazzesco ma a causa di una penalità inflitta dal giudice sportivo, siamo purtroppo retrocessi dopo la doppia sfida contro la squadra vicentina del Longare Castegnero ai play-out."

Sono fieri di indossare la maglia gialloblu del Croz Zai nella prossima stagione agonistica 2018-19 in Prima categoria i seguenti giocatori: il difensore Jacopo Roveda classe '92 ed il centrocampista Pietro Smacchia '93 provenienti dall'Ares, i difensori Dario Tessari, '88 ex Borgo Soave, Alessandro Sieger ex Rosegaferro, Giacomo Accordini '99 ex Team Santa Lucia nonché i giovani provenienti dalla Virtus, la punta Donatiello ed il centrocampista Panato entrambi classe 1999. Arrivano anche la punta Zeno Montolli (ex Primavera) e il promettente centrocampista Morando, ex Team Santa Lucia e Alba Borgo Roma.

Il diesse Germano Pistori, al suo secondo anno al servizio di questa società aggiunge: "Vedendo le nostre prossime avversarie in Prima categoria sarà arduo per tutti vincere. Se guardo le squadre come sono strutturate, e come si sono mosse sul mercato, francamente mi sembra una mini Promozione: Montebaldina, Lugagnano, PescantinaSettimo, Croz Zai, Olimpica Dossobuono, Quaderni, San Zeno, sono tutte squadre molto forti, ma anche le altre non sono da meno. Vincerà chi manterrà un percorso regolare, senza troppi alti e bassi. Io vedo un Croz Zai determinato e positivo. Sono arrivati giocatori di qualità e di quantità che conoscono bene la categoria. Confido nella bravura di mister Pigatto che è anche bravissimo a parlare ai giovani".

La società gialloblu, oltre al presidente Paolo Gaspari, conta sull'importante apporto del vice presidente Lucio Franceschetti, che da oltre 25 anni è nella dirigenza crozzina, e su quello del vulcanico diggì Tarcisio Spada dirigente molto attento al fattore comportamentale ed etico dei giocatori. Alle spalle di questo trio dirigenziale operano molti collaboratori e volontari che sono ugualmente molto importanti per la società.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1977