Archivio: ULTIM’ORA

2/8/18
L’AMBROSIANA CERCA UNA SALVEZZA TRANQUILLA

Ieri sera, presso l’osteria Perbacco, nel cuore dell’opulenta Sant’Ambrogio della Valpolicella, si è presentato il GSD Ambrosiana 1927. Come sempre il grande anfitrione dell’evento si è confermato il presidente dei “diavoli rosso-neri”, Gianluigi Pietropoli (il figlio, nonché attaccante 1995, Francesco, ha curato la sequenza delle immagini proiettate su un piccolo schermo, con notizie su ogni giocatore della “rosa” 2018-19), al suo 12° anno consecutivo di massimo dirigente. Proprio sotto la sua dirigenza, e del suo vice, l’imprenditore Mauro Testi, in soli 10 anni l’Ambrosiana ha scalato le vette dei Tornei del nostro calcio, balzando dalla Seconda categoria alla Serie D. E, quello che andrà ad iniziare tra qualche settimana è il 2° anno di serie D per mister Tommaso Chiecchi, al suo 5° anno ininterrotto di condukator dei valpolicellesi.

“Ringrazio” ha esordito Pietropoli “anche chi per un motivo o per l’altro quest’anno non fa parte più del nostro gruppo per averci garantito la passata stagione la permanenza nel nuovo per noi campionato di serie D e a dipingere così una pagina storica del nostro libro. Iniziamo la nostra seconda avventura col bagaglio di un anno in più di esperienza maturata sul campo, dopo aver pagato all’inizio della stagione 2017-18 un dazio che era comunque comprensibile per noi che venivamo da un altro tipo di Torneo. Ottimi i comportamenti di tutte le nostre formazioni giovanili, giunte quest’anno a contare qualcosa come ben 15 squadre”.

Degli Juniores Nazionali rosso-neri, ben 4 elementi sono stati “promossi” in Serie D: “Forse” specifica Pietropoli “siamo il gruppo di serie D con più giovani: ben 18 su 24 tesserati hanno meno di 18 anni! E, questo è uno stimolo per continuare a investire sempre di più nel nostro florido settore giovanile”. La ciliegina sulla torta del mercato ambrosiano deriva dall’acquisto dell’ultima ora: “Abbiamo preso” spiega il massimo dirigente rosso-nero “Santos Diego Oliveira, la punta che negli ultimi 6 campionati di serie D ha vinto tutti e 6 i Tornei in cui ha militato. E’ un classe 1987, l’anno scorso ha giocato per il Matelica di Macerata, ma vanta trascorsi in B (a Vicenza, Biseglie e a Cittadella), ed altri di serie C1 (Cittadella e Padova, con i bianco-scudati per 2 stagioni), oltre che di serie D (vedi Matelica, Delta Calcio Rovigo, Socio Culturale Castiadas, Brindisi, Fidelis Andria, Venezia)”.

Poi, è stata la volta delle commemorazioni: in primis, la “memoria storica” Beppino Bombana, colui al quale si ascrive a partire dal dopo guerra (1946) la ripartenza, la rifondazione dei “diavoli della Valpolicella”. “Beppino” l’ha tratteggiarto Pietropoli “nell’Ambrosiana ha fatto proprio di tutto: dal Segretario al magazziniere, ma, non ha mai voluto ricoprire la carica di presidente. E, questa sera, noi vogliamo conferirgli il premio e il titolo di “presidente onorario” del GSD Ambrosiana”. E, alla “memoria storica” è stata consegnata una targa ricordo per “la grande passione e l’amore che ha sempre dimostrato per il calcio ambrosiano”.

“Allora” ricorda Bombana; il quale non segue più una partita di calcio dei suoi amatissimi beniamini da ben 6 anni, ma si informa telefonicamente – rimproverando chi non gli risponde in maniera tempestiva, subodorando, non a torto, la sconfitta degli ambrosiani - nel minimo dei dettagli del risultato che la Prima squadra ottiene ogni domenica pomeriggio “ebbene, alla partita o a Pescantina o a Fumane ci si andava in bicicletta, e con un altro atleta accomodato sulla canna, tanto per farvi capire com’era allora la mia Ambrosiana”.

Il vice-presidente rosso-nero, l’imprenditore, classe 1961, l’ex punta Mauro Testi, non ha nascosto la sua grande emozione nell’aver rivisto un “grande” del calcio dell’Ambrosiana: “A me” ha detto, trattenendo a stento la comprensibile emozione del momento e per il personaggio “viene la pelle d’oca solo a far due calcoli veloci. Ho giocato 25 anni nell’Ambrosiana, mentre sono quasi 15 che sono dirigente; ma, la somma di queste due esperienze non basta ad avvicinare il totale degli anni che Beppino Bombana ha dedicato al calcio di Sant’Ambrogio. Chiedo allo staff tecnico guidato dal riconfermato mister Chiecchi di trasmettere nel suo nuovo gruppo il senso di appartenenza alla maglia dei suoi ragazzi, l’attaccamento alla maglia, la passione per l’Ambrosiana calcio”.

“Fare per il 5° anno consecutivo” ha detto mister Tommaso Chiecchi “il trainer di una stessa società, beh, questo è già un grosso traguardo nel mondo del calcio sia professionistico che dilettantistico. Ringrazio la società Ambrosiana per avermi rinnovato tale incarico, sto apprezzando le valide persone che sono al suo governo. Stiamo per affrontare un campionato difficile, ma nello stesso tempo, bellissimo. Speriamo di mantenere la categoria e cercheremo di far crescere i giovani di alto livello di cui dispongo. Che sono ancora più forti di quelli che avevamo l’anno scorso”.

Il diesse Mattia Bergamaschi, al suo 6° anno di fila al servizio dei “diavoli della Valpolicella”, confida in un anno di “consolidamento in serie D: abbiamo cercato di migliorare la “rosa” dal punto di vista sia tecnico che della mentalità, promuovendo in Prima squadra giovani molto interessanti. E’ difficile fare meglio dell’anno scorso, in quanto raggiungere 40 punti significa fare bene. Ci confronteremo con avversarie che hanno investito tantissimo. Noi dobbiamo, prima di tutto, pensare a salvarci, magari centrando l’obbiettivo qualche domenica prima della conclusione ufficiale del Torneo”.

Poi, un elogio, quasi sperticato, all’opera di scouting svolta da alcuni anni dal giovane Daniele Fasoli: “E’ il miglior scopritore di talenti che potevamo permetterci” hanno detto all’unisono sia Testi che lo stesso Bergamaschi. La Segretaria della Delegazione Figc scaligera, Ilaria Bazzerla, ha porto i saluti del C.R.V. Figc-Lnd, ricordando a Sarego di aver svolto lo stesso incarico quando Tommaso Chiecchi (Chievo, Spal, Brescello, Lumezzane, Lucchese, Foggia, Modena, Vittoria, Pro Patria, Lecco) concludeva la sua brillante carriera, e di averlo così ritrovato ieri sera nel ruolo di mister: “Verona è la prima Delegazione quanto a numeri in un Veneto, che, a sua volta è il secondo più fertile bacino di tesserati e di quantità di società che operano nel calcio. Nel nostro panorama, l’Ambrosiana ricopre un ruolo importante, è una punta di diamante”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, il Consigliere Regionale per Verona, il ceretano ex difensore del Padova e del L.R.Vicenza, Mario Furlan: “Parliamo di un club solido, animato da dirigenti che fanno il passo a seconda della gamba. Capacità, umiltà e programmazione, ecco i segreti dell’ascesa del calcio ambrosiano. E’ un club che non si ferma alla superficialità, ma va in profondità, alla ricerca dei veri valori del calcio. Il Veneto, quest’anno, si è laureato campione d’Italia con i Giovanissimi (Liventina) e con gli Allievi (Giorgione). Rappresentate il binomio efficace di politica-sport, complimenti e vita lunga!”.

Per la comunità di Sant’Ambrogio, ha parlato il primo cittadino Roberto Zorzi: “L’Ambrosiana diffonde nel Veneto ed oltre il buon nome della nostra operosa cittadina. L’anno scorso, noi dell’Amministrazione, abbiamo vinto la corsa per la modernizzazione del “Montindon”, e siamo stati ripagati di tanti sforzi dalla salvezza raggiunta da voi dirigenti ed atleti”. A fargli da esatta eco, l’Assessore allo Sport per il Comune di Sant’Ambrogio, Silvano Procura. E’ stata, infine, la volta della passerella di tutti i componenti la “rosa” del GSD Ambrosiana 2018-19: e a lanciarli non poteva essere che la splendida “velina” arilicense, Alessandra.

QUESTA LA “ROSA” 2018-19 DEL G.S.D. AMBROSIANA:
PORTIERI: Matteo Zanchetta (2000, dal Chievo), Mattia Squaranti (2000, r).
DIFENSORI: Francesco Contri (Arzignano Val Chiampo), Mattia Dall’Agnola (1999, r), Dario Biasi (1979, dall’F.C. Valgatara), Matteo Agri (1998, Virtus B.V.), Mattia Colella (2000, r), Yarboye Prince (1988, Lia Piave Tv), Enrico Rossi (2000, Ambrosiana).
CENTROCAMPISTI: Simone Turrini (2000, Ambrosiana), Lorenzo Lonardi (1999, Ambrosiana), Stiven Rivic (1985, r), Marco Filippini (1994, r), Tommaso Gioia (2001, Ambrosiana).
ATTACCANTI: Riccardo Testi (1995, r), Francesco Pietropoli (1995, r), Niccolò Pangrazio (1991, r), Niccolò Righetti (2000, Ambrosiana), Davide Tonani (1992, Calvi Noale Ve), Enrico Manconi (2000, Ambrosiana), Alessandro Aloisi (Hellas Verona, 1999), Pietro Borgogna (1999, Chievo), Diego Santos Oliveira (1987, Matelica di Mc, serie D).
 
STAFF TECNICO 2018-19 DEL G.S.D. AMBROSIANA:
Mister Tommaso Chiecchi
allenatore in 2^ Stefano Garzon
preparatore atletico Edoardo Romano
preparatore portieri Andrea Scamperle
massaggiatore Antonio Schena
aiutante 1^ squadra Vincenzo Forestiero
 
STAFF DIRIGENZIALE 2018-19 DEL G.S.D. AMBROSIANA:
Presidente Gianluigi Pietropli
vice-presidenti Mauro Testi ed Antonio Savoia
diesse Mattia Bergamaschi
dir. Settore giovanile e talent scout Daniele Fasoli
Supervisore Settore Giovanile Mauro Perina
Resp. Organizzativo Settore Giovanile Gianni Tridi
Segretaria Roberta Bazzica
Magazziniera Stefania Zambelli
Addetto Stampa dr Pietro Marini.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1606
- Adv -
- Adv -
- Adv -