Archivio: ULTIM’ORA

5/9/18
SARA' UN ANNO DI TRANSIZIONE PER IL S.MARTINO DI MISTER DAMINI

Mister Pippo Damini, classe 1982, si è già avviato al 3° anno di conduzione tecnica del San Martino-Speme del presidente Alessandro Sabaini, del diesse Giuliano Menegazzi, (che si rituffa nel mondo del calcio dilettantistico dopo l'ultima esperienza al CastelnuovoSandrà), e del diggì Alessandro Menini: "Quello che si è appena inaugurato con la Coppa" spiega Damini "sarà l'anno di transizione del San Martino perché ci sono stati molti cambi a livello di entrate nel gruppo. Atleti che dovranno inserirsi nel nuovo mosaico, in cui sono stati confermati i pezzi da novanta, l'ex virtussino Massimo Lechthaler, bomber Giacomo Boseggia, l'avanti Andrea Ciuffo (classe 1999), Marco Irprati, Francesco Tomè. Purtroppo, tra una cosa e l'altra, siamo partiti in ritardo, ma i nuovi arrivi - Pietro Filippini, Matteo Rambaldo, Andrea Oliboni, il 2001 (gulp!) Nicolò Pisani e Cerpelloni - non hanno fatica ad acclimatarsi".

Qual è il vostro obiettivo per questa stagione appena iniziata? "L'obiettivo è ottenere la salvezza il prima possibile, da strappare con i denti e con le unghie perchè agiremo in un contesto dove gareggeranno altre squadre molto ben attrezzate ed oltrettutto con un avversario in più (visto che quest'anno l'Eccellenza è a 17 squadre). Su tutte, io dico, per le veronesi, il Caldiero, la Belfiorese, il Sona ed il Vigasio. Delle "extra veronesi", promuovo, avendolo già incontrato ed apprezzato l'anno scorso, il Montecchio Maggiore, in quanto non conosco il valore effettivo delle new entry padovane".

"Il calendario - la 1^ giornata in casa contro il S.Giovanni Lupatoto, appena incontrato in Coppa, poi, Piovese e alla 3^ di andata l'F.C. Valgatara - avrebbe potuto riservarci una partenza maggiormente in salita, avessimo incontrato subito alcune di quelle avversarie che ho messo prima in pole position per la conquista del titolo e la promozione in serie D. Mah, non sarà mica vita facile nemmeno, eh, contro Valgatara e Team S.Lucia Golosine, compagini abituate a gettare il cuore ogni festa oltre l'ostacolo. Che è anche quello che dovremo fare noi".

Infine, sempre il riccioluto mister sanmartinese chiude dicendo: "Tra i giovani, mi aspetto un grosso campionato da Cengiarotti, promettente ragazzo classe 2000, e dal difensore suo coetaneo Betante, oltre, s'intende, la riconferma del 1999 Gianmarco Menegazzi e del suo coetaneo Carlo Faedo, entrambi centrocampisti. Ma, i loro compagni avranno l'obbligo di prenderli per mano da buone chiocce".

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1672