Archivio: ULTIM’ORA

7/10/18
IL LEGNAGO TRAVOLTO IN CASA DAL VILLA D’ALMÈ (0-4)

BIANCAZZURRI IN CRISI, UN PUNTO IN 4 GARE. MERCOLEDÌ A REZZATO PER LA COPPA ITALIA, DOMENICA AD OLGINATE CONTRO LA CENERENTOLA DEL GIRONE ANCORA A ZERO PUNTI.

Il Legnago è in crisi o “soffre” le squadre bergamasche? Dopo Scanzorosciate e Virtus Bergamo, anche la matricola Villa d’Almè Valbrembana, squadra dell’omonimo comune di circa 7mila abitanti in provincia di Bergamo, fa tre punti e ben quattro reti al “Sandrini”. Il Legnago ha creato occasioni, ma ha dimostrato una grande allergia nell’inquadrare la porta difesa da Matteo Gritti, 38 anni. L’allenatore biancazzurro Manuel Spinale, rispetto alla formazione schierata all’inizio a Domegliara contro l’Ambrosiana, inserisce Cess al posto di Gulinatti. In panchina ci sono Cuoco, Dabo, Rizzo, Righetti, Gulinatti, Taylor, Congiu, Matei e il brasiliano Sylvestre. Il Villa d’Almè si presenta con la numerazione fissa sulle maglie dei propri giocatori.

All’8 al tiro Bance con facile parata di Colella. Il Legnago vuole vincere per agganciare in classifica il Villa D’Almè e al 14’ conclude a rete Veratti, Gritti devia in angolo. Al 20’ bel tacco di Michelotto per De Gregorio che crossa in area, Vita conclude alto. Al 22’ ancora Michelotto effettua un bel traversone per Veratti che inzucca alto. Al 27’ bella “bicicletta” in area del Legnago di Giacomo Mammetti con palla fuori dai pali. Al 31’ il difensore napoletano Raffaele De Gregorio crossa bene in area bergamasca, ma né Veratti, né Vita, riescono al incornare il pallone e l’occasione sfuma. Poco prima del riposo ospiti in vantaggio per un errore difensivo di Marin, Sonzogni innesca Montalbano che batte Colella. 

Nella ripresa De Gregorio cerca subito il gol ma non inquadra la porta. Al 10’ Spinale inserisce Gulinatti al posto di Marin e il brasiliano Matheus Sylvestre al posto di Michelotto. All’11’ Veratti effettua un bel cross, Sylvestre di testa mette a lato. Poi Vita ha uno spunto personale con tiro che sorvola la traversa. Al 14’ un tiro di Veratti, parato. Al 18’ sugli sviluppi di un corner battuto da Gulinatti, capitan Parrino incorna fuori. Al 19’ rapida  ripartenza ospite e Mammetti mette all’incrocio dei pali lo 0 a 2. Alla mezzora il tris ospite firmato da Alessandro Corti, classe 2000, ex Primavera dell’Inter, su traversone di Mammetti. Il Legnago cerca almeno il gol della bandiera ma il giovane Congiu, entrato al posto di Veratti, mette fuori e poi Parrino impegna il portiere ospite Gritti di testa. Prima della fine ancora Corti di testa sorprende la smarrita difesa del Legnago per il 4 a 0 degli ospiti.

Mercoledì prossimo 10 ottobre a Rezzato, comune di 14 mila abitanti in provincia di Brescia, il Legnago è ospite dei bresciani alle ore 18.30 per la gara unica dei sedicesimi di Coppa Italia. Domenica prossima trasferta ad Olginate contro una squadra ancora a zero punti in classifica. Il Legnago potrà utilizzare Niccolò Zanetti che si è visto ridurre la squalifica da 15 mesi a un mese, cioè fino al 10 ottobre. Zanetti, difeso dall’avvocato Nicola Paolini,  fiduciario dell’Associazione calciatori, si è visto ridurre la squalifica da 15 mesi a un mese dalla corte d’appello federale presieduta dall’avvocato Italo Pappa. Evidentemente il giudice sportivo aveva calcato la mano sul rapporto arbitrale per una aggressione all’arbitro durante il torneo a sei del 7 luglio scorso nel  bresciano.

A fine gara Mario Pretto, direttore generale del Legnago, annuncia il suo silenzio stampa: “Non parlo, lascio parlare il campo.” Manuel Spinale è sereno: "Brutta sconfitta difficile da raccontare. Dopo un paio di occasioni prima del riposo abbiamo regalato il primo gol, poi ancora occasioni per noi e altri tre gol dei bergamaschi. Fino al primo gol abbiamo tenuto bene il campo ma nel calcio vince chi fa gol. Il modulo? Conta l’atteggiamento più del modulo.” Giovanni Mussa, allenatore ospite dice: ”Bravi noi a colpire in contropiede. Noi squadra da trasferta? Abbiamo giocato bene anche in casa con l’Ambrosiana ma abbiamo perso una gara che meritavamo di vincere. Ho visto i filmati delle partite del Legnago, finora ha raccolto meno di quanto meritava e sicuramente salirà in classifica.”

Legnago Salus (4-3-3): Colella, Lovato, De Gregorio, Marin (10 st Gulinatti), Parrino, Talin, Cess (8’st Matei), Kouame (30’ st Taylor), Veratti (30’st Congiu), Michelotto (21’st Sylvestre), Vita. All. Spinale
Villa D’Almè Valbrembana (4-4-2): Gritti, Sala, Tarchini, Mazza, Montalbano (18’st Ravasio), Lazzaroni (18’st Baggi), Bance (5’st Corti) , Picozzi, Mammetti (39’st Valli), Sorzogni (42’st Todeschini), Del Carro). All. Mussa
Arbitro: Djurdievic di Trieste
Reti: pt 44’ Montalbano; 19’st Mammetti, 30’ e 42 st Corti
Note: Spettatori 250 circa. Ammonito Kouame Angoli 6-1 Recuperi 2’ e 4

Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:681