19.8 C
Verona
martedì, 2 Giugno 2020
More

    Bozzini: “E’ forse giunto il tempo di programmare la ripartenza nel calcio dilettantistico”

    Il mister della Polisportiva Caselle Giuseppe Bozzini ci ha inviato via mail alcune sue “riflessioni” (senza alcuna presunzione di verità) sulla possibilità di ripartenza dell’attività agonistica nei nostri dilettanti. Questo il suo pensiero: “Il futuro del calcio dilettantistico non dovrebbe rincorrere gli eventi e le decisioni delle varie leghe professionistiche. La passione del gioco e del divertimento è una componente importante nella vita delle persone e soprattutto dei giovani. Certamente l’avvento dell’epidemia Corona-virus, ha messo in discussione la cosa più importante, la salute delle persone, modificato stili di vita e libertà individuali. Le misure di quarantena e la interruzione dell’attività sportiva introdotte dalle autorità governative e dalla LND erano, e sono necessarie. Partendo però dalla realtà delle condizioni sanitarie ed economiche del paese, e tenendo conto della regola AUREA sportiva che assegna solo alle partite e al campo (e non a tavolino ) la vittoria o la sconfitta, i punti realizzati, le classifiche e le conseguenti promozioni o retrocessioni, occorre programmare la ripartenza delle attività, per dare certezze e futuro alle migliaia di sportivi. Con il Corona virus e il rischio di contagio, in attesa della scoperta di un vaccino, molto probabilmente, anche se ora in forma più contenuta, noi tutti dovremmo convivere per almeno un anno e più. Quindi le misure del distanziamento sociale e le relative precauzioni dovranno essere tenute in considerazione sia per lavorare, che per andare a scuola e per la vita sociale e sportiva. Per quanto riguarda il Calcio dilettantistico, se vogliamo che tutti dalle scuole calcio alle prime squadre possano allenarsi e giocare con un minimo di sicurezza, penso sarà necessario riorganizzare e riprogrammare l’attività. Occorrerà in primo luogo fare in modo che gli impianti sportivi vengano utilizzati, diluendo la presenza e garantendo spazi individuali opportuni. Per un bel po’ di tempo, ho paura che dovremmo scordarci quella bellissima sensazione di appartenenza che derivava dal trovarsi numerosi, piccoli e grandi calciatori, genitori, tifosi, all’interno dello stesso impianto sportivo. Sarà quindi necessario rimodulare il numero di allenamenti settimanali per poter ruotare nell’utilizzo degli spogliatoi e dei campi per garantire le varie attività a tutte le categorie di giocatori della stessa società, mantenendo così il distanziamento sociale opportuno. La stessa programmazione dei tornei e delle partite dovrà tener conto del rispetto di questa precauzione e quindi la programmazione non potrà che essere riformulata”.

    “Si potrebbe – chiude Bozzini – prevedere di giocare le partite ufficiali ogni quindici giorni e non settimanalmente. Questo perché, nella eventualità che sfortunatamente qualche giocatore dovesse risultare ancora positivo al Corona virus, con la conseguente quarantena per la squadra, il rinvio di una o due partite per quella squadra con un calendario ridotto e con una programmazione quindicinale delle partite sarebbe più facile da gestire, senza dover fermare tutto il campionato. Pertanto mi chiedo perché invece di buttare tutto ciò che in questo anno si è fatto (visto anche le poche risorse economiche disponibili) con il rischio di penalizzare o favorire qualcuno, non si riprogrammano le partite non disputate nel campionato 2019-2020 traslando il calendario dei vari campionati fino a giugno 2021. Ripartendo da settembre di questo anno, lasciando la possibilità nei mesi di giugno, luglio, agosto alle società di riorganizzarsi, anche riaprendo il mercato per i calciatori e gli allenatori. Rallentare l’attività per un anno aiuta a ripartire e a concludere con play off e play out i campionati, e forse concretamente tornare a correre verso un calcio giocato!”

    www.pianeta-calcio.it

    © Riproduzione Riservata

    Leggi ancora ...

    pagine visitate
    123.397.179
    visitatori online
    162

    Ultimi articoli

    L’ASD Pastrengo 2006 getta le basi per la nuova stagione

    L’ASD Pastrengo 2006 del presidente Umberto Segattini, che da 10 anni guida la società gialloverde, è in attesa dell’ufficialità della meritata promozione...

    Raimondo De Angeli (Vigo): “Lasciati soli e con costi proibitivi per i protocolli sanitari”

    Per il presidente del G.S.P. Vigo 1944, Raimondo De Angeli finora gli addetti ai lavori del nostro calcio, dai massimi dirigenti ai...

    Iniziano i giochi. Ecco le prime “bombe” di calcio mercato

    Cominciamo a segnalare le prime "bombe" di uno dei mercati più strani degli ultimi anni. E, seguendo la logica sia del buon...

    La Polisportiva Pedemonte del presidente Alberto Fedrigo conferma mister Antonio Ferronato

    Compie quest’anno 25 anni di vita la Polisportiva Pedemonte guidata con maestria dal presidente Alberto Fedrigo. Gli danno una mano oltre agli...

    Mister Matteo Fattori ha voglia di tornare ad allenare

    Dopo un anno fermo ai box, mister Matteo Fattori vuole tornare in pista. Dopo aver guidato il Garda e il Bardolino, due...

    I Nostri Social

    Verona
    poche nuvole
    19.8 ° C
    20.6 °
    18.9 °
    56 %
    1.5kmh
    13 %
    Mar
    26 °
    Mer
    24 °
    Gio
    20 °
    Ven
    22 °