Eccellenza – girone A: il punto sulla 1^ giornata

Valgatara partenza da...Ferrari, S.Martino ok sul Montecchio, la Belfiorese passa ad Albignasego, botta e risposta tra Sona e Garda

580

Partiti! Il girone “A” di Eccellenza, quello con meno concorrenti veronesi e la presenza (quasi storica!) di due compagini trevigiane è decollato con il colpaccio, 0 a 1, inferto nel posticipo delle ore 17.00 al Team S.Lucia di mister Andrea Scardoni, dall’F.C. Valgatara del più giovane trainer, Jody “Scheckter” Ferrari (classe 1984, al suo 3° anno consecutivo sulla panca del “Barça della Valpolicella), mattatore lo spietato cecchino dagli 11 metri Marco Marchesini, classe 1999. Nel Trevigiano, in casa della Godigese di mister Destro, maramaldeggiano i nero-verdi dell’Abano Terme 1950 di mister Lunardon: 0 a 2 e doppietta realizzata dal termale Gerini (un gol per tempo). 

In riva al Fibbio, bella risposta del San Martino-Speme del riconfermato coach Pippo Damini e del nuovo corso dirigenziale – dopo l’èra Bruno Pellizzoni e all’indomani deòlla scomparsa dell’indimenticabile dirigente Giuliano Campedelli – contro la corrazzata Montecchio Maggiore della famiglia Aleardi, guidata dal trainer veronese Matteo Girlanda. Nelle file dei bianco-rossi montecchiesi, bocche di fuoco di tutto rispetto, quali Giovanni Guccione (ex Caldiero e Vigasio), Santhos Corazza, Dimas e Matteo Casarotto; della serie, dici niente? Ebbene, per il San Martino decidono i gol realizzati uno per tempo da Edoardo Rossi e l’ex Virtus classe 2000 Kabu Balde.

Settembre, mese di sagre paesane, e di rigori: a Castelfranco Veneto, nel Trevigiano, ne sono stati assegnati 4 e siglati 3: in Giorgione-Arcella di Padova (mister è Cavalletto), prevale, alla fine, l’equilibrio del 3 a 3. Il centravanti bianco-nero-scudato patavino, il 1996 Fatmir Sakajeva ne realizza addirittura due di penalty (la terza marcatura è a cura del 1999 Lorenzo Barzon). Per i trevigiani allenati da Esposito, esultano il 1995 Gregorio Livotto (ex Calvi-Noale), il 2000 ex Cartigliano ed ex Montebelluna Nicolò Visinoni, e su rigore il 1994 Adriatik Podvoriga.

Botta e risposta in Sona ed A.C. Garda: in vantaggio nel primo tempo i rosso e blu del timoniere pastrenghese Giuseppe Brentegani (classe 1963) con Scariolo, replicano i “rosso e blu del Benaco” guidati dal mantovano Paolo Corghi con Ceretta. Stupisce la Belfiorese del vicentino coach Paolo Beggio e del diesse Mirko Cucchetto che passano 0 a 2 ad Albignasego, in casa dei padovani allenati da mister Boscaro: anche qui a decidere un gol per tempo, autografati dal neo-borgo-veneziano, ma vicentino di origini, Federico Marchetti, classe 1988, e da Francesco Baltieri, classe 1993.

Nulla di fatto tra la matricola Cereal Docks Camisano di mister Federico Molinari e l’altra matricola, però, basso-patavina, del CastelbaldoMasi di “patron” Michele Ottoboni da Menà di Castagnaro di Verona, compagine affidata al padovano Antonioli. Le due occasioni da gol più limpide le hanno avuto le “tigri bianco-rosse” del diesse G.Luca Biasio. Tra i vicentini, Massimiliano Mezzina, classe 1998, l’anno scorso campione di Coppa Italia di Eccellenza con la casacca del Caldiero, e davvero insuperabile il portiere 2001 David Aprile, titolare, oltre tutto, del proprio cartellino. Nei “castellani”, invece, la “colonia” di veronesi è formata dal portiere, ex Belfiorese, Luca Berto, da Simone Dal Degan (1980), dal 2000 Alberto Sacconi (ex Caldiero e l’anno scorso al Sitland Rivereel), dall’ex Caldiero, il vicentino Francesco Peotta, dalle “colonne” difensive Alessandro “Scirea” Pisani ed Alessandro Tonolli (ex Caldiero pure questi due atleti), dall’ex Legnago Salus, il 2000 Mattia Pennacchio, e dal “puffo al tritolo di Boschi Sant’Anna”, al secolo Alex Montagnani, classe 1991.

A Pozzonovo, incredibile ma vero!, vince, 2 a 3, il Borgoricco di mister Agostini. Derby all’insegna della padovanità, deciso dai bianco-giallo-blu de “Borgo” con reti a firma di Edoardo Cappella, classe 1992. Per il Pozzonovo, vantaggio con il 1985 Andrea Di Bari, che incorna di testa, battendo l’estremo Tieppo. Per i “borgatari”, segna ancora Agostini non solo una volta, ma ben due!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata