Capitan Samuele Avanzi (Sona): “Siamo in continua crescita ma il nostro girone è molto combattuto ed incerto”

451

Non perde il passo, da grande squadra qual è, il Sona del presidente Paolo Pradella. Con l’arrivo dei due Brentegani, padre e figlio, il primo allenatore della prima squadra ed il secondo validissimo direttore sportivo, i colori rossoblu sono di nuovo in primo piano nel difficile campionato di Eccellenza di questa avvincente stagione sportiva 2019-20. Respira l’aria frizzante e limpida d’alta quota il Giorgione di mister Esposito che dopo 7 gare disputate è al comando del girone A con 17 punti. Domenica scorsa ha battuto i gardesani di mister Paolo Corghi cogliendo la quinta vittoria consecutiva in campionato. Brillante anche il Sona di Beppe Brentegani, tecnico che dosa bene le parole ma che sa tantissimo di calcio, che insegue a soli due punti di distacco da solo al 2° posto.

Domenica scorsa, grazie ad un colpo di testa della punta bresciana Federico Peli, Avanzi e compagni hanno messo nei guai il coriaceo Abano vincendo nelle paese delle Terme per 1 a 0. “Una partita da noi ben giocata – dice il capitano Samuele Avanzi -, ben coperti dietro ma sempre pronti a ripartire per provare a vincere. Dopo un solo minuto il grande Peli ha incornato il portiere dell’Abano Muraro con la loro difesa ferma a guardare. Mi aspettavo la pronta reazione padovana ma loro sembravano imballati ed al 39° del primo tempo sono rimasti in 10 uomini con Gerini espulso dal direttore di gara Bissolo di Legnago. Nella ripresa la musica è cambiata perchè l’Abano, seppur in inferiorità numerica, ha tentato il tutto per tutto ed ha creato diverse palle gol sventate dal mio amico e portierone Carletti. Abbiamo retto bene e alla fine tutti a festeggiare negli spogliatoi altri tre punti speciali che rafforzano il nostro 2° posto”.

Sta andando secondo i piani il cammino dei rossoblu, e il tecnico ex Bardolino Beppe Brentegani ha saldamente in pugno la squadra e lo spogliatoio. Leader carismatico e molto amato dai suoi giocatori che sta percorrendo la giusta strada che porta al primo obiettivo da raggiungere che è quello della salvezza. L’esperto mister sa bene che le rivali rappresenteranno sempre una minaccia costante fino alla fine del torneo.

Pensiero condiviso anche da Samuele Avanzi: “E’ un campionato bello da vedere e da giocare, senza ombra di dubbio molto combattuto. Il Giorgione è una squadra molto forte con giocatori, specialmente in attacco, di categoria superiore. Ma la davanti siamo tutte li, noi del Sona, il Castelbaldo Masi del nuovo tecnico veronese Marco Tommasoni, il San Martino Speme e la Belfiorese. Ora però è troppo presto per formulare giudizi e fare una scala dei valori. Il campionato è appena all’inizio e c’è ancora tantissima legna da accatastare, quindi può ancora succedere di tutto. Noi andiamo avanti giornata dopo giornata, badando al sodo con umiltà e credendo nelle nostre potenzialità. Siamo un gruppo ben assortito in ogni reparto e possiamo toglierci molte soddisfazioni e spero incamerare molte vittorie. Prima ci salveremo e meglio sarà!”

Domenica prossima il calendario prevede la sfida tra Sona ed Albignasego, una gara che per l’ex Villafranca Samuele Avanzi si preannuncia non facile. “Noi andiamo in campo ogni domenica sapendo che dovremmo sudare tantissimo per uscire dal campo con un risultato utile in saccoccia. L’Albignasego non farà nessun sconto, dobbiamo offrire una prova convincente e gagliarda, ogni giocatore dovrà dare il suo prezioso contributo e alla fine sapremo come sarà andata”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata