12.9 C
Verona
martedì, 27 Ottobre 2020

Cristian Carigi (PescantinaSettimo): “Possiamo stupire ancora!”

Ha lavorato sodo il PescantinaSettimo del capitano Cristian Carigi per preparare la prossima sfida del 1° turno di Coppa Italia di Eccellenza che giocherà sul terreno di casa contro il Valgatara di mister Jodi Ferrari. Nella prima giornata, nella sua gara d’esordio al Comunale di Villafranca, i rossoblu hanno conquistato un pareggio a reti bianche contro la truppa locale allenata dal nuovo mister Paolo Corghi, arrivato quest’anno in blaugrana dopo aver chiuso il suo buon triennio al Garda del presidente Vittorino Zampini. I ragazzi del “Valga” invece hanno conquistato l’intera posta battendo 3 a 1 proprio il Garda, grazie alla doppietta di Matteo Rambaldo e il sigillo di Pietro Filippini, entrambi arrivati quest’anno dal San Martino Speme. Per i gardesani aveva accorciato le distanze nel secondo tempo su rigore Tommaso Aloisi. “Direi che per essere stata la gara d’esordio in Coppa Italia, dopo ben sette mesi di stop dall’attività agonistica, possiamo dire di essere soddisfatti – dice il centrocampista classe 1985 Cristian Carigi, al suo quinto anno al PescantinaSettimo -. Certamente dobbiamo alzare di più i ritmi e trovare l’amalgama di squadra e corale. Ma la Coppa è un ottimo banco di prova per fare minutaggio ed oliare i meccanismi in vista dell’inizio campionato previsto per domenica prossima”.

L’entusiasmo nella società del presidente Lucio Alfuso regna sovrano. Dopo più di 20 anni il PescantinaSettimo è tornato in Eccellenza, una vetrina ambita da molte società, come sottolinea Carigi: “E’ per noi giocatori e per lo staff tecnico e dirigenziale un orgoglio essere tornati in una categoria che ritengo che ci competa per organizzazione e blasone. Ci aspetta un campionato di Eccellenza durissimo, contro squadre che tutte più o meno si sono attrezzate bene. Noi sappiamo che possiamo batterci contro chiunque, mostrando il nostro impianto di gioco con tanto temperamento ed umiltà. Il nostro obiettivo in campionato è chiarissimo: salvarci il prima possibile ed abbiamo le potenzialità per farlo, ma come sempre sarà il campo a formulare i verdetti e la classifica finale. Siamo una squadra con tanti ragazzi nuovi che però si sono già inseriti molto bene nel gruppo storico che ci ha permesso di vincere consecutivamente negli ultimi tre anni i campionati di Seconda, Prima categoria e Promozione. Questo anche grazie al nostro mister Gianni Canovo che è davvero un allenatore speciale, che legge bene le gare e che ha dato la sua forte impronta alla nostra prima squadra”.

Parlando del girone A di Eccellenza, Carigi dice: “E’ un girone ben assortito con tante veronesi e dove a mio giudizio non ci sono squadre materasso. Bisogna di sicuro partire con il piede giusto e sbagliare il meno possibile. In questa categoria ogni domenica in campo nessuno ti perdona niente. Certo che è in ogni caso un anno difficile da vivere perchè dobbiamo convivere con un virus, il Covid-19, che conosciamo tutti gli effetti che ha avuto nel mondo. Tuttavia dobbiamo conviverci e combatterlo usando le misure date dal Ministero della Sanità. Speriamo che vada tutto bene e che non si debba fermare un’altra volta, come avvenuto nella stagione passata, i nostri campionati dilettantistici”.

Una famiglia, quella dei Carigi, che è innamorata del calcio e di fare calcio a Pescantina. Mamma Luisa segue le gare a bordo campo ed il padre Stefano è il direttore sportivo della prima squadra del PescantinaSettimo. “Siamo un cantiere aperto – dice Carigi -, abbiamo affrontato domenica scorsa in Coppa il Villafranca una signora squadra. Io sono il capitano ma la mia squadra è formata da più capitani. C’è senso di responsabilità da parte di tutti e il gruppo deve essere sempre più solido. Testa alta e tanta fame di punti per dare ancora una volta la nostra impronta al campionato. Dobbiamo cercare di trovare subito la quadra giusta come squadra e spogliatoio. Ora siamo lucidi e concentrati sulla prossima sfida casalinga contro il Valgatara, un avversario davvero tostissimo”. Per la cronaca si apprende, ma i dati non sono ancora certi, di un possibile caso di un giocatore colpito dal Covid-19 che fa parte dell’Arcella, squadra padovana, rivale in campionato proprio dei pescantinesi. Un giocatore della rosa bianconera che ha giocato domenica scorsa contro il Calvi Noale nel primo turno di Coppa Italia di Eccellenza. Complice l’isolamento fiduciario, la partita di domani tra Borgoricco-Arcella è stata rinviata per precauzione in vista di accertamenti.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

Vigo – Raldon 1 a 1

Il Vigo butta via un tempo, senza fare un tiro in porta, senza vincere un contrasto di gioco, inanellando una serie di...

E’ possibile fare gli allenamenti?

Presa visione del D.P.C.M. del 24 ottobre 2020; Viste le numerose richieste pervenuteci dalle Società in base alla possibilità o meno di...

Pareggio del Valgatara per 1 a 1 ad Abano

Pareggio amaro che va stretto al Valgatara che è stato protagonista contro l'Abano di una partita dai due volti. Primo tempo assolutamente...

Il punto sulla 7^ giornata del girone B di Serie C

Buon pareggio al “Rocco”di Trieste per la Virtus Verona di mister Gigi Fresco e pareggia i conti nel finale con il neo...

Serie D girone C: Il punto sulla 6^ giornata

Un punto per il Caldiero del presidente Filippo Berti, quello ottenuto ieri in casa contro il Chions, che non soddisfa i termali...

I Nostri Social

Verona
nubi sparse
12.9 ° C
13.3 °
12.2 °
93 %
1.5kmh
75 %
Mar
16 °
Mer
16 °
Gio
16 °
Ven
16 °
Sab
14 °