Eccellenza girone A: il punto sulla 13^ giornata

Un Sona da 30 e lode s'impone al "Donato-Smanio" di Castelbaldo, un S.Martino combattivo esce indenne (2-2) da Arcella, il Garda passa a Valgatara. Domenica infausta per Belfiorese e Team S.Lucia Golosine, atterrate dalla Godigese e dal Camisano.

505

Al “Donato-Smanio”, tana delle “tigri bianco-rosse” del Castelbaldo Masi di “patron” Michele Ottoboni la legge dell’ex di turno – mister Marco Tommasoni, veronesissimo sulla panca dei patavini – si rinnova, ma in maniera sfavorevole. Di fronte, c’è il Sona nel quale il coach biancorosso – ex anche di Team S.Lucia Golosine e dell’Olimpia Ponte Crencano – ha ben operato, ma, i rosso e blu del trainer pastrenghese “Cecco” Beppe Brentegani ha la meglio per 1 a 2. E, consolida in maniera autorevole la propria leadership a 30 punti nel girone “A” di Eccellenza veneta, oltre a blindare ulteriormente la propria stagionale imbattibilità. I bianco-rossi del diesse Gian Luca Biasio, che annuncia una sorta di rivoluzione copernicana in questi giorni di apertura di mercato dicembrino, passano in vantaggio al 1° minuto con “Speedy Gonzales” Alessandro Montagnani, classe 1991, il “puffo al tritolo di Boschi Sant’Anna”. Ma, il Sona non demorde, mostra fiero tutti i suoi galloni e tintinnanti medagliette sul petto e aziona l’uno-due con Christian Scariolo (1990) e Filippo Zambelli (2001). Una compagine, quella sonese, la quale può contare contare su due imperiali “colonne” difensive in Samuele Avanzi da Sirmione, classe 1991, e su Filippo Tanaglia, classe 1990, ex entrambi Villafranca.

Secondo, a 25 freccette, il Giorgione di mister Stefano Esposito, ieri superato per 1 a 2 nella Marca trevigiana, più precisamente a Castelfranco Veneto, da un redivivo Pozzonovo di mister Sabbadin, che sta attraversando il suo miglior momento di rinascita. In vantaggio i trevigiani grazie all’avanti 1996 Giulio Bizzotto, poi, il pari del pozzonovese Andrea Birolo (1991), quindi, a fare da spartiacque tra le due sfidanti è un gol all’incontrario realizzato dal neo entrato Behiratche. Pozzonovo, terz’ultimo, a 11 punti, uno in più del Team Santa Lucia Golosine di mister Andrea Scardoni, ieri battuto per 2 a 1 dal Ceral Docks Camisano di mister Federico Molinari. Biancazzurri vicentini in duplice non filar (la vendemmia è finita da settimane!), ma vantaggio con l’ex Montecchio ed Abano Alessandro Tescaro, classe 1997, e con la punta datata 1985 Marco Viola. Andrea Mantovanelli, difensore nato nel 1997, firma il gol della magra consolazione biancoblu. Il Montecchio Maggiore, ora 3° incomodo a 23 punti (uno in più del CastelbaldoMasi) di mister Matteo Girlanda, secondo due stagioni fa a Sant’Ambrogio di Tommaso Chiecchi, inciampa, a Borgoricco, pur essendo effimeramente passato in vantaggio con Dimas. I padovani di mister Bertan riescono a rovesciare il verdetto come un guanto grazie ai colpi precisi effettuati dal 1996 Alberto Busòn e poi dal bomber 1992 Edoardo Cappella.

Restando nel Padovano, 3 a 0 dell’Abano Terme di mister Lunardon rifilato ai “cugini” dell’Albignasego dell’omologo Boscaro. Rosso comminato a Bassi dell’Albignasego, il quale si perderà il match interno, quello contro il Castelbaldo Masi. Ancora una doppietta firmata da Torregrossa, poi, acuto emesso da Turea. Al 6° posto a 18 carati brilla come un diamante questo bel San Martino-Speme, che, nonostante la grave diatriba tra le due cordate capitanate l’una da Bruno Pellizzoni, l’altra da Alessandro Sabaini, rischierebbe come quel famoso cavallo che, sotto due padroni, rischia di morire. E, invece, complimenti al team guidato da Pippo Damini, perché, nonostante questa sorta di antipatica spada di Damocle che continua a penzolare sulla testa, riesce ugualmente a dimostrare attaccamento alla maglia, offrendo grandi prestazioni. E, ieri, i sanmartinesi hanno dato del buon filo da torcere, 2 a 2, ai padroni di casa dell’Arcella di mister Tentoni, andando in buca prima col “bocia del ’99” Gianmarco Menegazzi, figlio dell’attuale diesse Giuliano, e contrabattendo la doppietta avversaria griffata da Milosevic, con la rete del duemillenario (è nato il 4 dicembre) Balde Kaabu.

L’A.C. Garda, “bello di notte e di Coppa”, vince, 0 a 2, in casa dell’F.C. Valgatara di mister Jody “Schekcter” Ferrari: i precisi “mazzieri” rosso e blu gardesani, sguinzagliati da mister, il mantovano Paolo Corghi, sono Serxhio Avdullari (1° gennaio 2001) e Nicolò…”state”… Boni, altro interessante “bocia del ’99”. Seppur in inferiorità numerica, fattore questo che brucia, eccome, in casa della Belfiorese, la squadra allenata da Paolo Beggio, cade in casa propria per 1 a 3 e per mano della Godigese. E’ ancora Francesco Baltieri a tenere alto il gonfalone belfiorese, in cui si registra la mancanza di un buon terzino sinistro, e che deve immediatamente invertire rotta per non trovarsi impelagato nelle secche della bassa classifica. Pesano le 3 reti dei trevigiani, realizzate da Giacomo Cusinato, da Gazzola e da Fardìn.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata