Eccellenza girone A: il punto sulla 21^ giornata

Un Team con ...Peli sullo stomaco blocca il Sona, Garda sommerso dal Camisano, Bonetti (Valgatara) nega la vittoria al Castelbaldo, il San Martino-Speme evita di precipitare in fondo al Pozzonovo.

412

La 21ma giornata del girone “A” di Eccellenza veneta non registra nessuna scossa tellurica in vetta alla graduatoria, sempre in mano al Sona del pastrenghese trainer “Cecco” Beppe Brentegani. I rosso e blu pareggiano, 1 a 1, in casa di un Team S.Lucia Golosine di mister Andrea Scardoni, che non vuole saperne di lasciare dopo 9 anni di guerre combattute fino all’ultima stilla una categoria così importante, qual è l’Eccellenza. Il Sona lievita ora, sempre nel suo primato solitario, a quota 46 freccette, e si era illuso, dopo il gol del “bresciano” Federico Peli di poter inanellare, anche negli impianti sportivi di via Sant’Elisabetta, la sua vittoria numero 14. Invece, gli “aquilotti” bianco e blu santa-luciani dell'”Elettrico” presidente Beppe Bettini (“dobbiamo azzeccare il filotto di risultati utili consecutivi; ora, al netto di quest’affermazione, tutto è possibile!”) pervengono al pari definitivo di 1 a 1 con il suo giocatore più caratteristico, Riccardo Olivieri, uno forgiato nell’ambiente e che non molla mai (su punizione il suo gol del definitivo pareggio). Perde così la grande occasione di rosicchiare un paio di punti la damigella di corte Montecchio Maggiore del lupatotino trainer Matteo Girlanda: a Castelfranco Veneto, i bianco-rossi monscledensi cadono, 2 a 1, andando sotto i trevigiani di due reti (marcatori per l’undici di mister Stefano Esposito il centrocampista 1990 Matteo Nicoletti e la punta 1995 Nicolò Visinoni). Non basta per raddrizzare la barca il gol messo a segno dal 1998 Matteo Casarotto.

Terzo, a quota 40 punti il Castelbaldo Masi di “patron” Michele Ottoboni: ieri, al “Donato-Smanio”, le “tigri bianco-rosse” del veronese coach Marco “Ricciolino” Tommasoni non riescono ad andare al di là dell’1 a 1 contro uno spavaldo F.C. Valgatara di mister Jody “Scheckter” Ferrari, in tentativo di fuga con Cesar Pereira, ma poi raggiunto da una zampata sferrata dall’azulgranata, l’ex Caldiero, nonché classe 1991 Maicol Bonetti da Mozzecane. Al “Giovanni Dal Maso” di Camisano, il Cereal Docks di mister Federico Molinari affonda, 4 a 1, la Pinta dell’A.C. Garda dello skipper mantovano Paolo Corghi: che domenica prossima dovrà fare a meno – nella gara che li vedrà ospitare il ringalluzzitosi Giorgione – il difensore 1993 Riccardo Piger. Per i biancazzurri vicentini, grande partita dell’ex Caldiero Massimiliano Mezzina: per lui 20 minuti strepitosi, ed autore, con un delizioso quanto imprendibile pallonetto, di uno dei 4 gol: la maniera migliore per festeggiare il suo 22mo compleanno (è un 1998). Lo imitano, nell’impresa, i compagni di scuderia Alessandro Tescaro (1997), il difensore 1992 Pietro Gennaro e il compagno di reparto del pacchetto arretrato, il 1994 Mattia Maistrello.

L’Arcella di mister Davide Tentoni cade, 0 a 1, in casa nel derby tra padovane vinto dal Borgoricco dell’omologo Alessandro Bertan: la conclusione da tre punti la effettua il neo entrato Isaac Sbrissa, la sua palla che…Sbrissa in fondo al sacco. Restando in territorio padovano, 1 a 2 e ad Albignasego passa il “co-fanalino di coda” (a 16 watt d’illuminazione) Godigese di mister Antonio Paganin: forte del duplice vantaggio firmato da Mason e dal centrocampista 1998 Driss Oudahab. Per i bianco-granata padovani dell'”Albi”, inutile il gol in rimonta griffato dal duemillenario Julian Margarint.

Ad Abano Terme, 2 a 2 il risultato finale, la Belfiorese di mister Paolo Beggio apre e chiude il tabellino dei marcatori: e lo fa grazie a Franco…Balla con i lupi Ballarini e con Michele Vesentini, le due più calienti “bocche di fuoco” dei biancazzurri del diesse Mirko Cucchetto. Per i nero-verdi termali di mister Matteo Lunardon, invece, hanno illuso il 1996 Manuel Cecconello, su rigore, e il numero 10 classe 2001 Matteo Fiorìn. Il San Martino-Speme dei puri dilettanti guidati da mister Pippo Damini evitano di cadere in fondo al Pozzonovo: 1 a 1 il risultato finale, con marcature arrivate tutte nella ripresa, con Andrew Amoh (1998) raggiunto a una manciata di minuti al termine dal padovano Terragìn.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata