24.9 C
Verona
lunedì, 21 Giugno 2021

Il punto sul torneo di Eccellenza: 8^ giornata

Grande ammucchiata-scudetto dove tutto può ancora succedere: chi ci capisce qualcosa è bravo!

Ancora tutta da decifrare la testa del mini Torneo di Eccellenza nel girone “A” veneto. Dai 13 agli 11 punti, infatti, sono raccolte ben 5 squadre, e tutte hanno ancora la possibilità – contando sul proprio successo e sulle disgrazie altrui – di poter strizzare l’occhiolino alla serie D. Tagliate fuori il Calcio Schio, a quota 5 punti, il Cereal Docks Camisano (a 7), il Montecchio Maggiore (la delusione bianco-rossa è a quota 8 punti) e il Vigasio, altra Superfavorita tagliata fuori dalla lotta-scudetto già da una settimana (i “Guerrieri del Tartaro” di mister Massimiliano Bucci, ieri, al turno di riposo, restano al palo dei 9 punti). Per il resto, è grande ammucchiata-scudetto. F.C.D. Valgatara e San Martino-Speme guidano il plotoncino appaiate a quota 13 punti: i valpolicellesi, addirittura, vincendo il reclamo – inoltrato in occasione della gara giocata a Marano e perduta per 1 a 4 contro il Bassano, per la presunta presenza del secondo portiere, che invece non compare nella lista del gruppo-squadra dei giallo-rossi vicentini -, avrebbe già staccato il biglietto di ingresso versa la sua “storica” serie D. Ieri, intanto, aspettando notizie dalla Disciplinare di via della Pila a Marghera, gli azulgrana di mister Jodi “Scheckter” Ferrari, classe 1984, hanno avuto ragione, 2 a 1, del Montecchio Maggiore dell’omologo Alberto Stefani. In vantaggio i bianco-rossi vicentini, “feudo” di “patron” Romano Aleardi, grazie alla sua punta più pericolosa, quel Matteo Casarotto, classe 1998, che è di categoria superiore. Ancora il solito mozzecanese Maicol Bonetti, classe 1991, a riportare i monscledensi con gli scarpini a terra, trasformando il penalty dell’1 a 1. Ad una manciata di secondi al termine, è l’ex Virtus Vecomp Matteo Lallo a decidere da quale parte il piatto della bilancia e dell’incontro deve pendere insaccando il 2 a 1 per i blaugrana.

A Villafranca, gran bella partita, ricca di pubblico – l’ingresso era libero per tutti! -, gol ed emozioni, quella tra gli azulgranata di mister Paolo Corghi e lo scatenato quanto lanciato San Martino-Speme di mister Alberto Baù. Finisce 3 a 3, ma con sempre gli ospiti ad andare per primi al boccino e guidati da un Andrea Oliboni – ex di turno – che è salito letteralmente in cattedra, firmando la doppietta (anche su rigore) e provocando l’autorete di Foroni. Il quale, a sua volta, nel finale si reso protagonista – quasi volesse riparare all’inevitabile errore – del gol del definitivo pareggio, svettando di testa a incornare la terza rete villafranchese. Sanmartinesi senza una loro vera punta, ma composto da tanti trequartisti velocisti, e con “Pinturicchio” Luca Avesani scagliato nell’arena solo a mezz’ora della ripresa. Villafranchesi senza il “Duca” Luca Taddeo, mai gettato in mischia dal coach mantovano, classe 1972. “Il Villafranca” ha chiosato a fine gara il diggì Mauro Cannoletta, padre del bravo Nicolò, classe 2001, “non ha giocato come il suo solito in quanto ha sentito troppo la partita. E’ piaciuto di più il San Martino-Speme, forte dello slancio che il magic moment lo accompagna da un mesetto a questa parte”. Ed ancora: “Straordinario Oliboni, il quale però nella stagione in cui ha giocato con noi non si è espresso molto”.

E’ di Andrea Cibìn il gol dell’1 a 1 (suo quarto in campionato), di un “nascosto” “Lukaku” Faye Pape, invece, quello del momentaneo 2 a 2. Il ben strutturato 1994 Davide Foroni, diventato capitano dopo l’uscita dal campo dell'”eterno” Stefano Bortignon (1983), chiude in bianco e nero, in chiaro-scuro, il tabellino delle marcature, in quanto lo vedono protagonista sia nel bello che nel brutto gioco. Mano a mano che il tempo trascorreva, che la clessidra faceva piovere la sua inesorabile sabbia, aumentava la tensione in campo, dove si è arrivato a qualche vis a vis, ma mai alle mani; di conseguenza, sono fioccati, da parte del direttore di gara, il vicentino Michele Liviero, i cartellini gialli.

Sonante vittoria casalinga dello Schio di mister Giuseppe Camparmò nel derby vicentino allo stadio “De Rigo” contro il Camisano di mister Federico Molinari, gara che non aveva più nulla da dire alla classifica. Giallorossi locali che raccolgono la loro prima vittoria in questo campionato con un netto 5 a 1 arrivato dopo una gara iniziata subito in salita dopo il gol a freddo di Mario che con un preciso destro batte Chiarello per lo 0 a 1 Camisano. Lo Schio non si scompone e a metà tempo pareggia con gran tiro cross di Francesco Pilan che fa secco Dengo su calcio di punizione. Grande equilibrio con occasioni da una parte e dall’altra ma in chiusura di tempo lo Schio trova il gol del nuovo vantaggio con Sacchetto che insacca dopo il palo colpito da Lovato. si va al riposo con lo Schio in vantaggio per 2 a 1. Nella ripresa il Camisano prova a reagire ed attacca a testa bassa esponendosi però alle ripartenze dei locali che al 27° fanno 3 a 1 con una gran botta di Dal Dosso. Il Camisano accusa il colpo e lo Schio dilaga prima con Bonato, che ribadisce in rete dopo una respinta di Dengo sul tiro di Pilan, e poi con Piazzon che appoggia in rete la palla servita da Primucci. Finisce 5 a 1 per lo Schio che si aggiudica il derby vicentino chiudendo in crescendo questo campionato che era iniziato malissimo.

Finisce 3 a 1 allo stadio “Mercante” di Bassano fra i giallorossi locali di mister Francesco Maino e i padovani dell’Arcella di mister Davide Tentoni davanti a più di 500 spettatori. Il Bassano trova il vantaggio poco dopo il quarto d’ora di gioco con un’incornata di testa di bomber Giovanni Guccione che infila Berto sul secondo palo per l’1 a 0 e suo 5° centro stagionale. La squadra di mister Maino controlla la gara e il primo tempo si chiude sull’1 a 0. Nella ripresa sono sempre i vicentini a dettare il gioco e Bounafaa al 12° raddoppia con un gran tiro dal limite dell’area che fa secco Berto. Poco dopo gli ospiti accorciano le distanze con un tocco ravvicinato di Coffini dopo una gran parata di Segantini. L’Arcella ci crede ma sono i vicentini a trovare il gol dopo una grande iniziativa di Guccione che innesca Bounafaa che con una bordata non lascia scampo a Berto. Sul 3 a 1 i padroni controllano la gara fino al triplice fischio finale che certifica la vittoria e l’aggancio al 4° posto all’Arcella a -2 dalla vetta. Classifica che a 90 minuti dalla fine dice San Martino e Valgatara a 13 punti, Villafranca a 12, Bassano e Arcella a 11, Vigasio 9, Montecchio 8, Camisano 7 e Schio a 5 punti. Domenica prossima, nell’ultima giornata, l’Arcella ospita il Valgatara, San Martino Speme il Bassano e il Villafranca attende il Vigasio. Completa il programma Montecchio Maggiore-Schio, gara ininfluente per la classifica mentre riposa il Camisano.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
24.9 ° C
26.4 °
22.5 °
69 %
2.1kmh
0 %
Lun
31 °
Mar
31 °
Mer
32 °
Gio
31 °
Ven
21 °