15.2 C
Verona
giovedì, 4 Giugno 2020
More

    Il ChievoVerona tiene a precisare sul caso Balotelli

    In riferimento a quanto scritto da Alessandro Catapano sull’edizione di ieri de La Gazzetta dello Sport (pagina 2: “Balotelli a Verona, i fischi, gli ululati, la rabbia di Mario, il disprezzo degli altri: un film già visto, era già successo dieci anni fa. Il 6 dicembre 2009, nello stesso stadio, avversario il Chievo, lui vestiva la maglia dell’Inter. Beccato per tutta la partita, sbottò al triplice fischio «Ogni volta che vengo qui a Verona – disse a caldo – mi rendo conto che questo pubblico mi fa sempre più schifo»), l’A.C. ChievoVerona precisa che: “nell’occasione riportata da Catapano, sarebbe più corretto e onesto ricordare che durante quella partita ci furono solo fischi, come avviene per ogni avversario, in ogni stadio del mondo. Non ci furono ululati da parte di nessuno. Come non ci fu disprezzo verso nessuno: né verso il calciatore, né verso l’uomo Mario Balotelli. Come dichiarò, peraltro, nel dopo gara anche Josè Mourinho, allenatore dell’Inter: «Il Chievo è una bella società, in città, c’è un ambiente con molto fair play. Le parolacce possono esserci per Balotelli, come ce ne sono state per me. Ma il pubblico di Verona non è diverso da quello di altri stadi. Il pubblico è uguale un po’ in tutti gli stadi. Forse però Mario andrebbe rispettato sul campo un po’ di più».

    Furono chiari a tutti, invece, durante quella partita i buu razzisti (non certo da parte del pubblico veronese) rivolti verso il giocatore del ChievoVerona Luciano. Com’è chiaro a tutti, inoltre, che la tifoseria del ChievoVerona è da sempre riconosciuta come la più sportiva e corretta d’Italia (18 Trofei Fair Play “Gaetano Scirea” vinti come tifoseria della Serie A TIM più corretta d’Italia, l’ultimo ricevuto anche al termine della scorsa stagione). Un orgoglio per tutto il nostro Club, che fa dei principi etici e dei valori di fair play due pilastri fondamentali e insostituibili da sempre. Trattandosi di tematiche delicate, che meritano la massima attenzione da parte di tutti, restiamo sorpresi da cotanta leggerezza e superficialità mostrata da Catapano nel riportare nell’articolo odierno de La Gazzetta dello Sport un episodio che con il razzismo, la città di Verona e la tifoseria del ChievoVerona non c’entrano assolutamente niente.

    Daniele Partelli, Ufficio Stampa A.C. ChievoVerona

    © Riproduzione Riservata

    Leggi ancora ...

    pagine visitate
    123.408.087
    visitatori online
    14

    Ultimi articoli

    Capitan Alberto Artuso è pronto a vestire la maglia della Belfiorese per il sesto anno consecutivo

    La Belfiorese del presidente Giuseppe Mosele, che da cinque anni è il primo dirigente del sodalizio biancoblù, ha deciso di separarsi da...

    Per mister Pippo Damini giocare con le mascherine non è vero calcio

    E', dopo Jody Ferrari (classe 1984), che è alla guida dell'F.C. Valgatara, il mister più giovane che opera in Eccellenza: Pippo Damini,...

    Marco Tommasoni è il nuovo tecnico del Sona

    La notizia era nell’aria, il Sona calcio del presidente Paolo Pradella, prossimo a calcare nella prossima stagione i campi della serie D...

    L’ASD Pastrengo 2006 getta le basi per la nuova stagione

    L’ASD Pastrengo 2006 del presidente Umberto Segattini, che da 10 anni guida la società gialloverde, è in attesa dell’ufficialità della meritata promozione...

    Raimondo De Angeli (Vigo): “Lasciati soli e con costi proibitivi per i protocolli sanitari”

    Per il presidente del G.S.P. Vigo 1944, Raimondo De Angeli finora gli addetti ai lavori del nostro calcio, dai massimi dirigenti ai...

    I Nostri Social

    Verona
    cielo coperto
    15.2 ° C
    16.1 °
    14 °
    87 %
    2.1kmh
    92 %
    Gio
    17 °
    Ven
    22 °
    Sab
    24 °
    Dom
    21 °
    Lun
    23 °