La Virtusvecomp Verona, sposa pienamente la posizione del presidente Ghirelli sulla proposta della defiscalizzazione

    Il Presidente Ghirelli, a nome di tutta la Lega Pro, ha inteso lanciare un segnale forte facendo ritardare l’avvio dell’inizio delle gare di domenica prossima di 15 minuti.

    306

    “Le piccole realtà come la nostra, in serie C, senza un aiuto concreto del Governo sul tema fiscale, hanno grosse difficoltà e potrebbero averne ancora di più in futuro” cosi Gigi Fresco presidente da oltre sei lustri della terza squadra veronese, dopo Hellas Verona e Chievo Verona, interviene sulla questione fiscale, che il Presidente Ghirelli a nome di tutta la Lega Pro, ha evidenziato ieri con un comunicato importante. Infatti, non è pensabile, che proprio ieri la Commissione Bilancio al Senato abbia approvato un emendamento alla manovra che agevola società e federazioni col passaggio al professionismo delle donne sportive. È stata introdotta una defiscalizzazione, da gennaio 2020 fino al 2022, per le società che stipulano con le atlete contratti di lavoro sportivo, vale a dire l’esonero del versamento del 100 per cento dei contributi previdenziali. “Naturalmente, siamo favorevoli a questo tipo di intervento ed anche al rilancio del calcio femminile, ma non possiamo tacere e sottostare che per quanto riguarda la nostra categoria nulla é stato deciso – continua Fresco – con altrettanta sincerità dobbiamo evidenziare che la proposta della defiscalizzazione è stata strutturata, creata e presentata in varie occasioni dalla Figc e dalla Lega Pro al fine di consentire una maggiore sostenibilità alla nostra categoria. Un progetto che non vuole un semplice intervento spot ma un intervento coordinato con altri asset affinché si possa concretamente arrivare alla sostenibilità dei club di Lega Pro, progetti questi ultimi che vede tutti noi favorevoli e solidali con”.

    Ufficio stampa Virtus Verona per www.pianeta-calcio.it

    © Riproduzione riservata