Andrea Donatoni (Olimpica Dossobuono): “”E’ un girone “A” di ferro ma ci siamo anche noi!”

882

E’ sempre stato un portiere di valore, il classe 1985 Andrea Donatoni. Bravo fra i pali, e anche nelle uscite, guida la difesa con carattere e sgrida i propri compagni della difesa con personalità quando non chiudono bene gli spazi. Si sa, l’esperienza serve moltissimo, specialmente nei nostri campionati dilettantistici veronesi. Il ruolo del portiere è sempre stato delicato e pieno di responsabilità e Andrea vuole continuare a fare la sua parte in questo mondo che da sempre lo attira. Ha appena salutato, dopo quattro anni di militanza, il CastelnuovoSandrà, dove ha collezionato 97 presenze. Ora è approdato all’ambiziosa Olimpica Dossobuono del presidente Rinaldo Campostrini, nel girone A di Prima categoria. “Quattro belle annate non si dimenticano – esordisce Donatoni -. A Castelnuovo si respira un aria limpida, facevo parte di una squadra fatta di giovani calciatori che sanno dialogare e cucire il gioco nella maniera migliore, lo testimoniano i risultati che abbiamo fatto. Bello, e per certi versi sorprendente, il trionfo nella stagione 2017-18 quando abbiamo vinto il girone A di 1^ categoria approdando in Promozione con alla guida il bravissimo tecnico Fabrizio Gilioli. Uomo di spessore e grande caratura. Un plauso a lui e a tutta la dirigenza lacustre”.

Non vuole parlare di ciclo chiuso a Castelnuovo, ha solo rispettato la decisione societaria che ha voluto puntare su un giovane fra i pali. “Una decisione che ci sta, il prossimo 17 ottobre festeggio il mio compleanno e devo spegnere 34 candeline. Una bella età, non c’è che dire – esclama ridendo il nuovo n. 1 giallorosso -. Quest’estate ho vagliato le varie proposte che mi sono state fatte ma la chiamata del direttore sportivo Carlo Fantoni mi è subito piaciuta. Qui si vuole intraprendere un nuovo percorso con il giusto mix tra veterani e giovani promettenti provenienti dal settore giovanile giallorosso. Io voglio far parte di questo progetto con fermezza. Il mister, Matteo Meneghetti e il suo staff sanno il fatto loro. E’ un grande piacere per me vestire la maglia dell’Olimpica Dossobuono”.

Sono arrivati con lui in maglia giallorossa anche i nuovi acquisti Daniele Varalta, 1992 dal Rosegaferro, Edoardo Bonetti, classe 1998 rientrato dal prestito all’Atletico Vigasio, Alberto Francescon, classe 1998 ex S.Giacomo Treviso, Alessandro Giuliani, ex Caselle, Aliu Diallo, classe 1997 ex Borgo Trento e la punta classe 1992, ex PescantinaSettimo, Stefano Bonato. Andrea Donatoni non è preoccupato di giocarsi il posto con l’altro portiere Mauro Tedesco.

“In ogni squadra si coltiva una sana competizione e anche a Dossobuono sarà così. Il mister, in base allo stato di forma, sceglierà chi mandare in porta alla domenica pomeriggio. Ma niente paura, io mi farò trovare sempre pronto”. Cadidavid, Alba Borgo Roma, Lugagnano, Concordia, Caselle promettono bene per il campionato. Andrea Donatoni salutandoci dice: “E’ un girone “A” veramente di ferro con tante squadre di carattere con organici ben assortiti. Voglio vedere nelle possibili papabili alla vittoria finale anche noi dell’Olimpica. Vogliamo cercare di rimanere il più possibile nella parte sinistra della classifica e lottare per il salto di categoria. Umiltà e grinta da vendere faranno il resto, speriamo di non patire degli infortuni che potrebbero pesare molto sull’economia del campionato”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata