15.4 C
Verona
lunedì, 28 Settembre 2020

Il Bovolone 1918 vuole tornare al centro dell’attenzione

Serata “en plein air”, stanotte, quella vissuta sul prato degli impianti sportivi del “Cavallaro”, in viale Olimpia, dove la Prima squadra del Bovolone 1918 e la compagine degli Juniores si sono presentati alla stampa e alla nuova stagione agonistica 2020-21. Il nuovo presidente dei rosso-neri “mobilieri”, l’imprenditore Marco Gonzato, confida in una “partenza positiva, sicuramente migliore di quella dell’anno scorso, e che gli obiettivi – specialmente quello di valorizzare i giovani talenti del vivaio – possano essere raggiunti”. Insomma, l’èra del dopo Paolo Zago, imprenditore di Aselogna di Cerea chiamato due stagioni fa a riportare in alto le sorti del football bovolonese a fronte anche della dote di una Prima categoria conquistata in seguito al 2° posto ottenuto al vertice del Concamarise.

Ebbene, l’èra Zago – che la fidanzata Maria Sole renderà felice papà a fine dicembre di un maschietto – ha passato la staffetta a quella di un Gonzato, molto orientato alla cura dell’importante Settore Giovanile (mister della Juniores è l’ostigliese Stefano Gardona, già mister in passato degli Juniores regionali dei “leoni della Bassa” del Casaleone, del Legnago ma anche delle prime squadre del Bergantino e della Dak Ostiglia). Gonzato sarà affiancato dall'”enciclopedia vivente”, l’imprenditore di Villafontana, il diesse e direttore dell’Area Tecnica Vanni Moretto, papà del bomber Luca, già iscrittosi al prossimo corso di allenatore Uefa B, e dall’esperto Davide Spadini, bovolonese doc, nel ruolo pure lui di diesse. La soddisfazione di aver incassato la fiducia sulla panca rossonera sprizza visibilmente da tutti i pori e dalle parole di mister Gianni Domenico Letteriello, un legnaghese che nella dirigenza-Gonzato ben miscela la grande esperienza, la competenza per il calcio e una certa sensibilità verso il sociale e quindi una buona apertura verso le leve più giovani.

Dopo i saluti di rito espressi dal primo cittadino di Bovolone Emilietto Mirandola (“La società rossonera ha dimostrato grande unità e capacità di ripartire da zero!”) e dall’Assessore allo Sport Orfeo Pozzani (“Il “Cavallaro” è una Ferrari ed ora abbiamo il pilota!”), papà del molto promettente ed abbronzato attaccante Vittorio, classe 2002, il quale crescerà all’ombra dell’ultra navigato “panzer d’area” Luca Scarabello, del neo acquisto e super-bomber ex Casaleone Luca Pasquali, e della “sua vittima” di gavettoni indispensabili per combattere il caldo africano, l’imprendibile, lo sgusciante classe 2000 Aaquib Mustaphà.

Un intervento è stato richiesto sul palco dal capitano Riccardo Gusella, classe 1993, con i capelli ancora più lunghi del solito raccolti da un cappellino alla Giovanotti piazzato con l’unghia all’indietro, ed in gara per il titolo di “mister Bovolone Calcio” con il “ragazzo immagine, il boy Instagram”, il 21enne legnaghese Filippo “Il Bello” Falchetto. “L’obiettivo primario” ha detto l’ex – maggio 2018 – “re di Coppa di 1^ categoria veneta” con la maglia dell’Isola Rizza, Riccardo Gusella, appunto, “è quello di riuscire subito ad amalgamare il gruppo perché questo è fondamentale per una squadra e per il raggiungimento dei suoi propositi. Un ingrediente che l’anno scorso ci è tanto mancato e che nella prossima stagione che andrà ad iniziare tra poco vogliamo instaurare il prima possibile all’interno del nostro spogliatoio”.

Gli fa èco l’ex serie D con il Legnago Salus Emanuele Friggi, prestigioso “cavallo di ritorno” bovolonese: “Ritorno con tanto entusiasmo da dove sono partito e in una società che ha le idee chiare su quello che si deve fare e si deve raggiungere. Noi cosiddetti “veterani” abbiamo il dovere di aiutarci e di “accompagnare” nella crescita i nostri compagni più giovani, aiutandoci reciprocamente e conservando una buona dose di umiltà”. Presente al “Cavallaro” anche il presidente del C.R.V. Figc-Lnd, Giuseppe Ruzza: “Anche se dovremo fare i conti con i vari ed aggiornati dcpm, il Governo ora come ora ha prorogato lo stato di emergenza sanitaria fino al 15 ottobre. Ma, ciò, al momento non ci impedisce di decollare nella nuova stagione il 27 settembre e, se tutto andrà bene, i Tornei (già decisi a 18 squadre in Eccellenza) faranno calare il sipario domenica 16 maggio 2021”.

Soddisfazione da parte della massima autorità regionale per le regole che finora sono state rispettate dal mondo dello Sport Veneto in generale: “Mentre vi parlo” aggiorna il bollettino giornaliero dei contagi Bepi Ruzza “nel Veneto gli infettati dal Covid-19 risultano 122, ma a far lievitare questa triste e paurosa cifra non è il calcio, ma un certo disordine giovanile: non si possono vedere accalcati sul muretto di Jesolo qualcosa come 500 giovani! Ergo, non dobbiamo mai scordarci di rispettare le regole del distanziamento sociale e bisogna essere sempre armati di mascherina e soprattutto di grande prudenza. Ne andrebbe di mezzo il nostro bene più prezioso, che è la nostra salute”.

L’ex presidente ora dirigente Paolo Zago, noto tabacchicoltore e proprietario di un’azienda vinicola (suo il vino offerto durante la cena), chiamato anche lui a intervenire sul palco – dove occhieggiano i tre diversi tipi di mute di maglie – oggi si dedica all’aspetto marketing del Bovolone 1918: “Manca un ultimo e importante tassello per il calcio a Bovolone ed è la realizzazione del campo da calcio in sintetico!” Ottimo il risotto al tastasal cucinato dal mastro risottaro Federico Tambalo da Concamarise; è stato preceduto da fettine di prosciutto e melone e a chiudere la serata – da vero “dulcis in fundo”! – la buonissima torta confezionata dalla Pasticceria “da Giuliano” in Bovolone, uno dei tanti generosi sponsor che aiutano i rossoneri. E, come dessert, non si poteva certo gustare di meglio!

QUESTA LA “ROSA” 2020-21 DEL BOVOLONE 1918:
PORTIERI: Bertolazzi Francesco (99) e Passilongo Marco (2002).
DIFENSORI: Bonadiman Riccardo (2002), Corso Alessandro (1989), Friggi Emanuele (1988), Gusella Riccardo (1993), Passilongo Filippo (2002), Rexhepi Denis (2001), Rossignoli Leonardo (1993), Samrani Salah Eddine (2000), Singh Jaskarin (1997).
CENTROCAMPISTI: Bissoli Giacomo (1987), Falchetto Filippo (1999), Gasparini Simone (1994), Gobbi Leonardo (2002), Rossi Simone (2002).
ATTACCANTI: Aaquib Mustaphà (2000), Pasquali Luca (1986), Pozzani Vittorio (2002) e Luca Scarabello (1985).

STAFF TECNICO 2020-21 DEL BOVOLONE 1918:
Mister Letteriello Gianni
vice Christian Pedaci
preparatore atletico Bergamini Matteo
preparatore dei portieri Picone Amos,
mister Juniores Gardona Stefano
fisioterapista Pasetto Matteo
QUADRI DIRIGENZIALI 2020-21 DEL BOVOLONE 1918:
Presidente Gonzato Marco
Direttore Area Tecnica Vanni Moretto
Direttore Sportivo Davide Spadini
Team manager Giancarlo Furia
Dirigenti: Bissoli Claudio, Marangoni Massimo, Migliorini Mauro, Zago Paolo.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

pagine visitate
124.501.899
visitatori online
102

Ultimi articoli

Seconda categoria girone D: il punto sulla 3^ giornata

Si preannuncia, davvero, un girone - come al solito - molto combattuto nel "D" di Seconda categoria, meglio conosciuto come quello della...

Seconda categoria girone C: il punto sulla 3^ giornata

Delle 4 compagini che hanno la leadership del girone C in larga parte vicentino, ben 3 parlano il dialetto veronese. E sono...

Seconda categoria girone B: il punto sulla 3^ giornata

Tutto ancora da decifrare l'avvincente girone "B" di Seconda categoria, che, al momento, vede al comando il trio Lescano, quello formato da...

Seconda categoria girone A: il punto sulla 3^ giornata

Un allegro quintetto sta facendo l'andatura nel girone "A" di Seconda categoria: è quello composto da Colà Villa dei Cedri, SommaCustoza, Pol....

Prima categoria girone B: il punto sulla 3^ giornata

Ed eccolo il terzetto, al quale è affidata la leadership del girone "B" di Prima categoria: Pro Sambonifacese (mister Maurizio Battistella), Bevilacqua...

I Nostri Social

Verona
pioggia leggera
15.4 ° C
15.6 °
15 °
67 %
1kmh
75 %
Lun
17 °
Mar
20 °
Mer
21 °
Gio
21 °
Ven
20 °