Il portiere Mauro Tedesco crede nella forza dell’Olimpica Dossobuono

399

Domenica scorsa pareggio a reti inviolate fra l’Olimpica Dossobuono di mister Matteo Meneghetti e il Malcesine di mister Marco Martini, una gara difficile e molto combattuta dove entrambe le formazioni in campo hanno cercato di vincere ma dove alla fine hanno dovuto dividersi la posta. Dopo le 11 gare giocate finora i giallorossi del presidente Rinaldo Campostrini hanno conquistato 20 punti e sono a soli tre punti di distacco dalla capolista Alba Borgo Roma di mister Devis Padovani che di punti ne ha 23 ma con una gara in meno. Il portiere giallorosso classe 1993 Mauro Tedesco, nonostante gli ultimi due pareggi interni, vede il bicchiere mezzo pieno: “Domenica il Malcesine sul nostro terreno ha dimostrato di essere una buona squadra, dotata di giocatori che si conoscono da tempo e giocano quasi a memoria, in panchina hanno poi un mister che sa il fatto suo. Noi abbiamo provato a vincere ma non c’è stato verso”.

 Tedesco sa che la sua squadra può fare molto bene in campionato ma la concorrenza è grande, con Alba B.Roma, Lugagnano e Pedemonte che vogliono mettere il bastone fra le ruote ai giallorossi. “Il nostro campionato – continua il portiere giallorosso – è partito quest’anno con grosse aspettative, visto il girone di ritorno fenomenale che avevamo fatto l’anno scorso e con la finale play off persa 1 a 0 ad un minuto dalla disputa dei calci di rigore contro l’Atletico Città di Cerea. Un brutto smacco per noi ma purtroppo è andata così. Quest’anno in campionato siamo partiti bene, perdendo qualche punto per strada, vedi la gara in casa contro il Caselle, con l’attenuante del campo di gioco quasi impossibile per giocare, ma ci sta. Al momento siamo in piena corsa play off e possiamo dire la nostra con competenza e lustro anche per il titolo. Serve un forte gioco di squadra e maggiore efficacia sotto porta cercando di segnare gol pesantissimi con autorevolezza e decisione”.

Tedesco fa le carte al girone A di Prima categoria: “Vedo francamente un’Alba Borgo Roma fortissima. Dispone di un organico di prima grandezza con giocatori davvero molto validi. Ma dobbiamo stare molto attenti anche alla qualità di Lugagnano, Pedemonte e Cadidavid. Neanche a farlo apposta, domenica prossima faremo visita proprio all’Unione Lugagnano di mister Nicola Santelli, una partita da tripla dove può succedere davvero di tutto”.

Sta benissimo al Dossobuono dove si può giocare a calcio senza grosse pressioni. “I miei compagni sono fortissimi, siamo un gruppo di amici fuori e dentro il rettangolo di gioco. Un plauso al mio compagno di squadra, e portiere come me, Andrea Donatoni, arrivato quest’anno dal CastelnuovoSandrà. Un ragazzo meraviglioso e prodigo di consigli utili per tutti. La nostra è una sana rivalità sportiva per giocarci il posto da titolare e va benissimo così”. Tedesco sta aspettando il punto di svolta del campionato e dice che il suo Dossobuono non ha segreti: “E’ una società seria che non lascia nulla al caso, ha un buon staff tecnico e dirigenziale che ti fa sentire come a casa. A 250 ragazzi tesserati che compongono il settore giovanile e dispone di tecnici qualificati. Qui la tanta passione per il calcio e il sano divertimento fanno la differenza. Giocatori della prima squadra come Peroni, Locatelli, Carminati, Cereda, Bonato e Gordi rappresentano per noi un valore eccezionale, ma non dimentico i giovani di quantità e qualità come Pigatto, Pascarella e Caldana. Tutti ragazzi guidati con maestria dal bravissimo mister Matteo Meneghetti”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata