5.9 C
Verona
venerdì, 28 Gennaio 2022

Il punto sulla Prima categoria: 12^ giornata

Il Pastrengo difende la leader-ship del girone A, idem la Pro Sambonifacese nel B, ora incalzata dalla Scaligera. Sconfitte casalinghe per S.Giovanni Ilarione e Valdalpone nel C, ma, anche il Bevilacqua nel girone E non sorride!

La testa della classifica del girone “A” di Prima è dipinta ancora di giallo e di verde, i colori del Pastrengo di mister Paolo Brentegani: 26 i punti, uno in più del Malcesine, 3 rispetto al Pedemonte, 6 rispetto al San Peretto. Ieri, i “carabinieri con gli scarpini” hanno espugnato – 1 a 2 – l'”Alberto Tosoni” di Caselle di Sommacampagna, e decisiva ai fini della vittoria si è rivelata la doppietta fatta crepitare da Nicola Beverari, furetto offensivo ex A.C. Garda. Per i giallo-blu casellini di mister Gabriele Gelmetti, inutile l’urlo di gioia emesso da Albrigo. Vince, e largamente, 4 a 2, sul sintetico della frazione di Cassone, il Malcesine di mister Stefano Marchiori: la vittima di turno – esattamente la settima dei granata – è l’Alpo Club ’98 di mister Riccardo Adami, passato in vantaggio grazie al 1991 Michele Sandrini, raggiunto dallo squillo festoso emesso dall’ex Dro, il 1988 Tommaso Tavernini, superato dal classe 2003, l’ex Arco di Trento, Nikolas Betta, e surclassato da bomber Serxhio Avdullari, nato il 1° gennaio 2001, ed ex A.C. Garda. Poi, è l’ex Zevio, il 1990 Nikola Filipovic a riaccendere le speranze di rimonta per i rosso-neri dell’umile presidente Mirko Rampazzo, ma è il bianco-granata alto-gardesano Andrea Poli (1988) a negare definitivamente agli ospiti la possibile spartizione dell’intero bottino.

Vince in Postumia, 2 a 4, il Pedemonte di mister “Zaccheroni” Antonio Ferronato: eppure, in vantaggio la Pol. Quaderni di mister Lucio Marconi grazie al villafranchese Daniele Buzzacchero, imitato una quindicina di minuti più tardi dall’ex Correggese ed ex enfant prodige del Chievo, il mancino Mattia Franchini, classe 1999. Ma, poi, una doppia di Marco Ambra (1992) e gli assoli emessi prima da panzer Nicola Vicentini (1994) e dal “bocia del ’99”, Enrico Rizzi, piegano i “nero-verdi” del Pc in carne ed ossa, Aldo Perina. Vittoria stagionale numero 4 per il Bussolengo di mister Umberto Ridolfi – penultimo a 12 punti con l’Atletico Vigasio (con una gara in meno, alla pari del Valpolicella) – e davanti al solitario, melanconico ed ultimo in classifica, a 2 punti e basta, Arbizzano. I rosso-verdi del presidentissimo Emilio Montresor scavalcano, 2 a 1, l’Atletico Vigasio di mister Stefano “Tiziano” Ferro (in illusorio vantaggio con bomber Simone Garofolo: splendido il suo gol di tacco, alla Roberto Bettega!), e lo fanno in rimonta, grazie ai piattelli polverizzati dal 1996 Filippo Montresor e dal classe 1999 Damiano Bottura. Al “Pace”, va in onda la 10^ battuta d’arresto dell’Arbizzano: il quale ce la mette proprio tutta, in quanto cade in piedi, sul risultato di 2 a 3 che arride invece alla Montebaldina di mister Marzio Menegotti. Per i caprinesi, vanno in rete il ghanese Theodore Kakou Appiah (1992), il “leone del Maghreb”, al secolo Mohammed Rkaiba (1989) e “Ciro Immobile” Mario Di Cristo (1993). Per l’Arbizzano, invece, scuote la rete prima Mattia Gandolfi, classe 1989, poi, Cambiaso; appena entrato a sostituire David Lucas Rodriguez.

Nulla di concreto, in fatto di gol, a Fumane, tra il Valpolicella di mister Manuel Bonazzi e il Parona dell’omologo della panchina, Roberto Pienazza, il mister-corniciaio di borgo San Pancrazio, classe 1967. Espulso il bianco-verde Alberto Nortilli, il quale salterà la gara la prossima gara al “Bertani” contro la Pol. Quaderni. Pareggio anche al “Manuel Cerini” di Peschiera, 2 a 2 tra gli arilicensi di mister Luca Righetti, alla solinga e quinta boa a 18 punti, e il San Peretto del collega Alberto Cipriani. Sempre il verdetto che strizza l’occhiolino a favore delle “giubbe rosso-nere” del giovane presidente Paolo Menegazzi: al bersaglio, infatti, ci vanno il 1988 Marco Lonardi, detto “El Vaia” (sì, purtroppo, come la tempesta che ha sterminato più di 10 milioni di abeti nell’Altopiano di Asiago e nelle Dolomiti), e l’ex bocca di fuoco dell’F.C. Valgatara, il 1992 Matteo Tommasi. Per i “rosso-blu del basso Garda”, invece, hanno gioito il 1994 Haris Dzafic e l’ex crozzino, il “sismico” Gezim Tellosi.

Nel girone “B”, è ancora la Pro Sambonifacese di trainer Maurizio Battistella – imprenditore metalmeccanico di San Bonifacio – che fa l’andatura: 23 i punti, 2 in più della Scaligera, la novità che spunta dietro alle spalle dei “rosso-blu dell’Est veronese”, con alle spalle ora a quota 20 punti la coppia Valtramigna Cazzano-Tregnago. Poi, il sorprendente A.C. Pozzo, a quota 19, e rosso-blu di mister Davide Godi e club della frazione lupatotina bloccati sullo 0 a 0 all'”Emilio Steccanella” di Cazzano di Tramigna, proprio dal Valtramigna di mister Omar Lovato. Condizioni al limite della praticabilità, quelle registrate ieri pomeriggio nell’impianto di Cazzano di Tramigna. Espulso, nel finale di partita, l’estremo difensore pozzano Mauro Tedesco, classe 1993. I due Superbomber – da una parte “mister 250 reti o quasi”…Christian Turozzi per i bianco-rossi, e Sascia Alexandar Pesic sono stati ben monitorizzati da entrambe le retroguardie. L’A.C. Tregnago di mister Antonio Sorgente non zampilla, alla maniera in cui quest’anno ci ha abituati, al “Luigi Ciresa” di Dossobuono: scivola per 3 a 1, e il gol degli alto-valligiani giallo-blu arriva ad inizio di ripresa per merito dell’ex Soave, il 1999 Alberto Saggioro, ma non fa da molla per l’eventuale rimonta tregnaghese. Infatti, sono tanti i 3 gol griffati dai giallo-rossi del mister-sindacalista Uil (non in sciopero, però, di vittorie, ieri pomeriggio!, come pretende, invece, Landini della Fiom in questi giorni!) Beppe “Mazzini” Bozzini: è un turn over realizzativo, quello dossobuonese, a firma del 1998 Tommaso Faccioli, del 1999 Federico Pigatto e dell’infallibile rigorista, il 1997 Marco “Giorgio” Bassani. Al “Comunale” di via Ponte Asse, in Albaredo d’Adige, i bianco-blu del sambonifacese coach Fiorenzo Bognin sono costretti a raggiungere sull’1 a 1 il mancato fuggiasco Real GrezzanaLugo di mister Luca Tosi. E’ sempre Christopher Taffarel, per i “lupi nero-verdi” valpantenati a mettere la palla in rete; ma, l’albaretano Nicola Martini, classe 2001, ex Provese, nega a chi era in vantaggio di portarsi via la gerla con il malloppo prezioso dentro.

La Scaligera è oggi la vice-regina del girone “B” di Prima: i giallo-rossi isolani di mister Piergiorgio Troccoli si impongono, 0 a 1, al “Tino Guidotti”, casa dell’Olimpia Ponte Crencano del mister – originario di Isola della Scala (fatalità!) – Giordano Rossi, ex Ravenna. Il tiro da 3 punti lo effettua la punta datata 1990 Luca Andriani, ex Isola RizzaRoverchiara, ed ex anche Pro Sambonifacese. La Scaligera può anche permettersi il lusso di fallire un rigore con l’appena entrato, il duemillenario Gioele Faccini, esorcizzato tra i pali dal navigato (1980) Mattia Passarini. Al “Cavallaro”, il Bovolone di mister Nicola Manara by-passa, 2 a 1, l’Illasi di mister “Totò” Salvatore Mantovani. Marvin “Hagler” Favalli spolvera con profitto per due volte il dischetto, mentre ai colligiani del diesse tregnaghese Fabio Castagnini “Cuccoli” resta solo il dolcetto-scherzetto dell’inutile gol realizzato da Jovic al 91mo, direttamente su calcio di punizione. Al “Padovani” di Castel d’Azzano, 1 a 1 tra i bianco-rossi di casa di mister Francesco Marafioti e il Santo Stefano Bonaldo del collega Paolo Borotto. Gol all’incontrario del bonaldese, l’ex “bandiera” colognese, il 1987 Matteo Morin, poi, pari definitivo del noventano (Noventa Vicentina), il dr (in Economia) Riccardo Trivellin, classe 1987. Appena entrato al posto del 1999 Alberto Scalzotto. Al “Leo Todeschini” di Zevio, 2 a 2 tra lo Zevio di mister Andrea Danese e la Pro Sambonifacese: sempre in vantaggio i “rosso-blu dell’Est” veronese, prima con l’ex Nogara, il 1994 Antonio Corbo e poi con l’ex albaronchesano Tommaso Zanaga, classe 1998. I bianco-neri zeviani, infatti, riescono a recuperare entrambi gli svantaggi e lo fanno prima con il nigeriano Patrick Okonji (1984) e poi con l’ex Montorio, il 2001, Alessandro Manente.

Nel girone “C”, sempre di Prima categoria, Santa Lucia porta carbone amaro alle nostre due rappresentanti veronesi dell’Est: al parrocchiale “San Giovanni Bosco”, il San Giovanni Ilarione di mister Marco Gianesello cade – 1 a 2 – sotto i colpi sferratigli contro dal Montecchio San Pietro di mister Piergiovanni Ritzittu. Apre e chiude la tabella dei marcatori la compagine monscledense vicentina grazie al Duemila Marco Maccà e all’avanti 1994 Edoardo Peruffo. Inutile il gol dei “leoni biancazzurri” del diesse Omar Rossetto, il 2002 Alberto Mainente. A Montecchia di Crosara, scivola – 1 a 2 -, anche se immeritatamente – come ci ha vocalizzato il diesse nonché commercialista, il dr Emilio Cavazza – l’SSD ValdalponeRoncà di mister, il leoniceno Beppe Allocca. Passa il Due Monti di mister Zordan, ma dopo che il giallo-amaranto monscledense Simone Strapparava (classe 2004) aveva illuso la truppa. Debi “Vodafone” Mbaye, per i montecchiesi, non riesce a sintonizzarsi con la rete, ed allora passano gli avversari, grazie al “vignettista” bianco-rosso vicentino Prosdocimi e al centrocampista, il duemmilenario Andrea Trevisan.

Infine, nel girone “E” di Prima categoria, picche anche per l’unica nostra rappresentante veronese, il Bevilacqua del polesano trainer Antonio Marini, che si sbuccia le ginocchia nello stadio del suo capoluogo di provincia, ovvero il “Gabrielli” di Rovigo. Rodigini, allenati da mister Davide Pizzo, che superano, 2 a 1, la “Cremonese della Bassa”, subito sotto di due gol – marcatori Armando De Simone (1986) ed Enrico Magon (1998) – e in rete solamente una volta e in zona Cesarini grazie al numero 9 Mattia Coriani, classe 2002. Bevilacqua, che ora scivola al 6° posto, a quota 20 freccette, scavalcato anche dall’Union Vis e con in testa ora il Rovigo a 27 punti, tallonato a 26 dall’Euganea Rovolon, poi c’è la Solinese a 24, Fiessese a 22 e la rodigina Vis di Lendinara dell’ex oppeanese ed ex Castelbaldo Masi, Pietro Princi a quota 21 punti. Domenica prossima i grigio-rossi del presidente Marco Calonego nell’ultima partita di andata e del 2021 ospiteranno l’Ospedaletto Euganeo, penultimo in classifica con 7 punti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
foschia
5.9 ° C
9.1 °
3.2 °
87 %
1kmh
2 %
Ven
6 °
Sab
8 °
Dom
9 °
Lun
7 °
Mar
9 °