La Pro San Bonifacio saluta mister Gianfranco Brendolan e chiama Fiorenzo Bognin

759

Dura soltanto quattro domeniche mister Gianfranco Brendolan alla conduzione tecnica della Pro San Bonifacio: l’1 a 2 subito domenica scorsa al “Renzo Tizian” per mano del Sovizzo costa la panca al trainer vicentino, l’anno scorso al timone del Chiampo, e prima ancora dell’Alba Borgo Roma. Il quart’ultimo posto assoluto e i soli 3 punti raccolti sui 12 in palio nelle già disputate 4 domeniche non bastano a far desistere i dirigenti pro-sambonifacesi dall’intimargli l’esonero. Così motiva la drastica decisione il diesse ed ex compagno di gioco di Brendolan – ai tempi del Monteforte, allora in Prima categoria, dove il mister vicentino giocava difensore e il dirigente invece in attacco -, Massimo Franchetto: “Voglio puntualizzare che la scelta è solo mia e non è stata presa dagli altri dirigenti, in quanto sono stato io a chiamare Brendolan alla guida dei nostri ragazzi. L’ho fatto solo per cercare di dare una svolta alla squadra, che mi è apparsa senza identità, dotata di poca brillantezza e abbastanza in confusione. Ritengo che non si sarebbe dovuto aspettare altro tempo, che so altre 4-5 feste, per non finire in fondo alla classifica ed interpretare in tal modo un altro tipo di campionato. Infatti, con l’arrivo del sambonifacese Fiorenzo Bognin (nella foto grande), mister del luogo e con il quale ci siamo subito messi d’accordo, trionfatore ai play off a maggio con il Montebello Vicentino e quindi provvisto di una mentalità vincente, desideriamo, come Pro Sambo, rilanciare il gruppo verso il trenino delle prime della classe”.

“Quindi” aggiunge il diesse Massimo Franchetto “non è stato solo per la penuria di risultati fin qui raccolta, ma è stata una serie di fattori che mi hanno spinto a chiudere il rapporto di collaborazione con mister Gianfranco Brendolan; il quale, forse, ha avuto l’unico torto di non essere riuscito a trasmettere ai giocatori il suo credo calcistico. Approfitto di questo spazio per rivolgergli, a nome di tutta la mia dirigenza, un sentito grazie per la sua grande professionalità, per la serietà e per quanto ha dato al nostro club, augurandogli le migliori fortune per il suo futuro calcistico”. 

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata