Prima categoria girone A: il punto sulla 5^ giornata

Caslav Jovic, croce e delizia dell'Alba, raggiunta sul 2 a 2 dalla Montebaldina sempre più Rkaibana (cannoniere del girone). Tonfo malcesinese, il "derby" va al Lugagnano, Arbizzano e Cadidavid versione export, Valpolicella ed A.C. San Zeno Vr da cin cin.

986

Al “Guglielmi”, l’Unione Lugagnano di mister, il mozzecanese Nicola Santelli, scolora, 2 a 0, la Pol. Caselle del mister-sindacalista della Uil Giuseppe Bozzini; e lo fa grazie ai bersagli polverizzati da Nicola Vantini e dal 1996 Matteo Zanetti. E’ però l’Alba Borgo Roma di mister Devis Padovani da Isola della Scala a svettare con 11 punti nel girone “A” della Prima categoria veronese. Ai giallo-rossi del presidente Fabio Venturi basta anche il 2 a 2 condiviso con la Montebaldina di mister Luca Mancini per tenere lo sfavillante scettro del comando di questo raggruppamento. Prima della gara c’è stato l’abbraccio tra il serbo Caslav Jovic e il marocchino Mohammed Rkaiba (foto grande) la dice lunga, a livello profetico, di chi saranno i mattatori della sfida tra due che mancano quest’anno dalla Promozione. Infatti, Caslav risulta essere la croce e la delizia degli alba-borgo-romani, griffando sia il gol regolare sia quello all’incontrario. Per i caprinesi, su rigore decide il pari definitivo “il leone del Mahgreb”, classe 1989, in testa alla classifica cannonieri di Prima “A” con le sue 6 reti. Per l’Alba, secondo gol realizzato da Danese. Mattia, classe 1999. Alle spalle dell’Alba Borgo Roma del dirigente Rosario Leonardi, un quintetto molto agguerrito a 10 punti: San Peretto, A.C. Cadidavid, Unione Lugagnano, A.C. San Zeno Vr e Valpolicella (quest’ultima, fino ad ora, è la sorpresa del girone!).

Il derby valpolicellese arride all’Arbizzano di mister Ruggero Napoleone: 1 a 2 per i giallo e blu, con reti di Mattia Gandolfi e del 2000 Giacomo Terracciano. Giacomo Zumerle aveva provato a far rifiatare le cornamuse rossonere sanperettiane di mister Franco Tommasi, alla loro prima sconfitta, da matricola, in Prima categoria (imbattute ancora solo l’Alba Borgo Roma e l’Olimpica Dossobuono). Al “Luigi Ceresa” di Dossobuono, l’Olimpica di mister “Trap” Matteo Meneghetti deve appellarsi all’albanese Drittan Gordi per scongiurare il capitombolo interno, causato anche dal gol all’incontrario siglato dal giallo-rosso stopper, il 1990 Alessandro Carminati. Il Valpolicella del coach Andrea Crema supera 2 a 1 a Fumane la Pol. Quaderni di mister Nicola Chieppe, sola ed ultima in classifica con un solo punto, e brutta copia, quella finora vista, dell’andata della passata stagione sportiva. Ancora “Durbans” Simone Maffesanti, ma prima Zardini direttamente dal dischetto e poi Murari – Pietro, “bocia del ’99” – sovvertono umori e verdetto ribaltandolo come un calzino inamidato.

Al “Manuel Fiorito”, in borgo Milano, passa l’A.C. Cadidavid del coach Fabrizio Sona: bisogna attendere, però, fino ad una decina di minuti al termine per vedere sorridere il bomber ex Albaronco e san Giovanni Lupatoto Nicola Avesani che va in rete direttamente dal dischetto di gesso bianco. Comunque, ai punti, avrebbe meritato il trionfo la compagine del diesse “eterno” Adelino Biondani ora seconda a -1 dalla capolista in compagnia di altre quattro agguerrite squadre, a testimoniare il grande equilibrio di questo raggruppamento.

Nella “busa” con tanto di mezzo busto bronzeo dedicata alla figura di Arrigo Ligabò, detto “Molena”, l’A.C. San Zeno Vr del biblico trainer Mosè Strazieri supera quel tanto che basta, 1 a 0 (mattatore il difensore 1993 Alessandro Pasini; rosso per proteste al diesse Marian Ionita dalla panchina) il Pedemonte di mister Antonio Ferronato. Pesante scivolone casalingo, 0 a 3, del Malcesine di mister Marco Martini che sul sintetico dell’impianto della frazione di Cassone è travolto da quel Real GrezzanaLugo di mister Luca Tosi, che ci aveva impressionato al “Memorial Giorgio Nocini”. A procurare tanta noia agli alto-gardesani del presidente, l’ottimo trattore Simeone Casella sono, Andrea Castelli (autore di una bella doppietta) e con l’acuto emesso da “taglio” Cesareo, Angelo, 15 dicembre 2000.  

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata