Prima categoria – girone B: il punto sulla 4^ giornata

Finalmente Bovolone: vittima la Scaligera! Colpacci di Valdalpone, Illasi e Sovizzo, cinque ruggiti dei Casaleoncini, lo Zevio del "re magio" Baldassarre supera il Tregnago.

918

Una vicentina, il Sovizzo, sempre al comando della graduatoria del girone “B” di Prima categoria. I bianco-nero-verdi del coach Sartori, espugnano il nobile “Renzo Tizian”, mandando in crisi la pattuglia del timoniere vicentino Gianfranco Brendolan, il quale fino ad ora ha raccolto solo 3 punti e non ha mai vinto. I sovizzesi passano, 1 a 2, grazie al doppiettista, l’avanti 1999 Lorenzo Bregalda, spietato anche dal dischetto oltre che su azione. E, pensare che era stato Beltramo ad aprire le danze, ma, mai e poi mai avrebbe pensato che la festa si sarebbe trasformata in un pericoloso harakiri. Un bel trittico fiata alle spalle della capolista: è quello formato da Casaleone, SSD Valdalpone ed A.C. Zevio, con 8 freccette. I bianco-neri, nel loro tempio, l'”Elio Todeschini”, hanno la meglio, 1 a 0, dell’A. C. Tregnago di mister Adriano Laperni: mattatore è il “re magio” zeviano, Andrea Baldassarre che l’anno scorso era in forza proprio ai gialloblu tregnaghesi. Prima del suo gol, “Skizzo” Stefano Rognini aveva fallito la più ghiotta delle opportunità: il penalty. Ma tutto è bene ciò che finisce bene!

Ustionante “cinquina” del Casaleone di mister, il mantovano Cesare Bruschi: la vittima è la matricola nonché ultima per ora della classe a quota zero punti – in compagnia dell’A.C. Pozzo – Casteldazzano del coach Francesco Marafioti (in rete con bomber Nikola Filipovic). Poi, il bottino è tutto di marca giallo e blu, per via delle doppie di Leonardo “da Vinci” Pinotti, classe 1998, juventino, di “Charlie” Luca Pasquali ed acuto del “richiamato in patria” dal Gips Salizzole, Alessio Moio…dala voia de butarla dentro…, classe 1996. San Giovanni Ilarione-Chiampo non ha potuto avere una sua regolare conclusione a causa di un infortunio occorso nella ripresa al direttore di gara, il signor Porceddu di Vicenza. La gara era in quel momento ferma sull’1 a 0 a favore dei biancazzurri locali per via del gol realizzato da Stiven Sinaj. Ricordiamo che con il nuovo regolamento si riprenderà la gara dal minuto interrotto e con lo stesso punteggio.

Ad Arzignano, il Real San Zeno di mister Christian Vinoli mostra la corda e i denti alla lanciata Valtramigna Cazzano del collega Omar Lovato. Sempre in rimonta i pari colorati bianco-rossi vicentini con il difensore 1997 Filippo Mantovani prima e con Romellini in pieno extra time (al 95° minuto!!!). Vantaggio cazzanese iniziale grazie alla testa di Marcazzàn e sorpasso effimero a cura di Rodella. Peccato per i tre punti persi negli ultimi secondi dai biancorossi di bomber Christian Turozzi che oggi festeggia il suo 30° compleanno.

Al “Cavallaro”, finalmente il Bovolone 1918 che t’aspetti: i “mobilieri” del giovane presidente Paolo Zago e del trainer mantovano Matteo Branchini superano, 1 a 0, la bella matricola della Scaligera di Isola della Scala di mister Alessandro Ghirigato, grazie allo spunto vincente di Giacomino Bissoli, classe 1987. La sua punizione risulta imprendibile per l’estremo Andrea Negri da Spinimbecco di Villabartolomea, ex isolarizzano.

Al “Nicola Pasetto” di Pozzo, va in scena la sconfitta numero 4 – troppe, eh! – per l’A.C. Pozzo del trainer lupatotino Massimiliano Canovo. 2 a 5 e a far festa, stavolta, è l’SSD Valdalpone di mister Beppe Allocca, con in buca un bel turn over di “cecchini”: dal 1996 Daniel Rugolotto, al 1993 Debi Mbaye, da Tirapelle a Michele Castagnini e per finire a Posenato. La replica pozzana è affidata al solo, intramontabile Gigi Onofrio, classe 1985. Al “Tiberghien” di San Michele, 2 a 3 e passa la matricola Illasi di mister Cristian Cordioli. Vantaggio illasiano grazie a Bejar, poi, l’uno-due audacino a cura di Pippo Menini e del “fenomenale” Francesco Gasparato. Ma, ancora Bejar e al 95mo Dimitri Soave strappano il bottino pieno dalle mani dei sanmichelati guidati da Matteo Biroli.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata