Prima categoria girone B: il punto sulla 6^ giornata

Grappoli di reti dell'Illasi (3-5) a S.Giovanni Ilarione, "poker" audacino al "Cavallaro" di Bovolone, 6^ sconfitta del Pozzo, prima vittoria della Pro San Bonifacio, sacco matto del Valdalpone al "Perlato" di Tregnago.

939

Sta stupendo l’SSD Valdalpone del diesse e dottor commercialista Emilio Cavazza: un gruppo infarcito prevalentemente di giovani della Juniores locale, una volta svuotatosi dei grandi assi, per lo più “seguaci” dell’ex diesse Massimo Franchetto nella nuova destinazione a Pro San Bonifacio. Il colpaccio, 0 a 2, ottenuto all'”Antonio Perlato” di Tregnago, non è un caso: l’undici guidato da Beppe Allocca, ex Bo.Ca. Junior, proietta al 2° posto a 12 punti il gruppo monscledense del presidente Giuseppe Steccanella. L’immarcescibile Antony Gambin imita nell’impresa realizzativa Filippo Gecchele; rosso, al 95° minuto (gulp!) comminato al difensore destro Martella in forza all’A.C. Tregnago del soavese coach Adriano Laperni. Grave l’infortunio occorso al difensore 1998 Riccardo Cavazza dei montecchiesi. A lui auguriamo di rientrare il prima possibile sui nostri campi dilettantistici. E’, dunque, il Valdalpone il primo contraltare al dominio vicentino nel girone “B” di Prima categoria: dove campeggia sempre al primo posto il Sovizzo, a 16 freccette, forte anche del successo esterno, striminzito quanto si vuole, ma pur sempre successo, riportato dai bianco-nero-verdi sovizzesi allenati da Sartori grazie al penalty, trasformato in gol ancora nel primo tempo da Tugnoli, in casa del Pozzo di mister Massimiliano Canovo.

Bella sorpresa l’A.C. Illasi di mister Cristian Cordioli, matricola, per ora, assestatasi al 3° gradino di bronzo con i suoi 11 punti: ieri, vittoria grassa, 3 a 5, sul sintetico “San Giovanni Bosco” di San Giovanni Ilarione, contro i biancazzurri “leoni della Lessinia orientale” in rete col solo, “desertico” Sinaj (anche su rigore, a completare il suo fantastico trifoglio realizzativo). Per i biancazzurri colligiani del presidente Renato Cengia, in buca ci vanno il difensore ed ex tregnaghese Stefano Perlati, classe 1992, il centrocampista 1996 Nicolò Baldo, Dimitri Soave e per due volte Daniel Rizzin, ex Tregnago. Zero reti all'”Elio Todeschini” di Zevio, tra i bianco-neri di mister Antonio Sorgente e il Valtramigna Cazzano del collega della panca Omar Lovato.

Ad Arzignano, il Real San Zeno di mister Vinoli supera, quel tanto che basta, e cioé 1 a 0, il Casteldazzano di trainer Francesco Marafioti, battuto da un’unghiata velenosissima sferrata da Faccìn. I “castellani” gridano alla sfortuna per il palo pieno colto da Nikola Filipovic, cui fa pari la traversa scheggiata dal bianco-rosso berico Bodini in tuffo. Al “Bertoldi” di Casaleone, 2 a 2 tra i “leoni giallo e blu della Bassa veronese” sguinzagliati da mister Cesare Bruschi e la vicentina Chiampo dello skipper Rezzadore. Sempre in vantaggio i padroni di casa: Matteo Peroni, il 1998 ex ceretano, delizioso il suo pallonetto, pari Chiampo a firma di Cavazza, nuovamente vantaggio casaleonese con il rigorista “Charlie” Luca Pasquali, pari definitivo ad opera del gol realizzato nella porta sbagliata dal terzino sinistro ed ex suzzarese Alessandro Recchia, classe 1995.

Al “Renzo Tizian”, va finalmente in onda la prima puntata del successo stagionale della Pro San Bonifacio di mister Fiorenzo Bognin: 1 a 0 e la vittima è una di quelle illustri, visto e considerato che si chiama Scaligera, coach Alessandro Ghirigato. E, chi se non “panzer” Luca Scarabello da Bovolone, tifosissimo helladino, non poteva regalare il primo bottino intero al team sambonifacese? Al “Cavallaro” di Bovolone, invece, va in onda la quarta capitolazione dei “mobilieri” rosso-neri del traghettatore Luca Possenti (in serata ci arriva la comunicazione che il nuovo mister è Lucio Manganotti). L’Audace calcio di mister Matteo Biroli maramaldeggia letteralmente, 0 a 4, facendo garrire le reti alle spalle di Johnny Greguoldo, classe 1994, con l’ex tregnaghese ed ex Illasi Luiz Enrique Herber, due volte con il 1990 Marco Cristofoli ed ancora una volta con il 1993 Denis Mignolli.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata