Prima categoria girone B: il punto sulla 9^ giornata

Lo Zevio sgambetta l'ancora capolista Sovizzo, la Pro San Bonifacio sbanca a Chiampo, l'Illasi precipita davanti al Valdalpone. Ustionante "cinquina" audacina rifilata al Casaleone, il S.Giovanni Ilarione riapre il tunnel della crisi a Bovolone.

823

Girone, il “B” di Prima categoria, anche questo caratterizzato dai rinvii di Casteldazzano-A.C. Pozzo, Real San Zeno Arzignano-Scaligera e da ValtramignaCazzano-A.C. Tregnago. La vetta della classifica subisce non proprio un terremoto, ma un bradisisma di un certo effetto, quello sì. Infatti, le due battistrada vicentine Sovizzo e Chiampo cadono, sgambettate rispettivamente dall’A.C. Zevio di mister Antonio Sorgente – l’unica ancora a difendere il primato di imbattibilità – e dalla Pro San Bonifacio di mister Fiorenzo Bognìn. Sovizzo ancora al comando a 20 punti, ieri superato in casa propria da una punizione battuta dall’ex lupatotino Federico Bressan. Bianco-neri zeviani di capitan 500 presenze Daniele Scolari ora al 3° posto a 17 punti, alla pari dell’Illasi di mister Cristian Cordioli.

Illasi ieri sconfitto al “Venturini” per 1 a 3 da un ammirevole SSD Valdalpone dei tanti giovani lanciati dal diesse, il commercialista e “Lyon” Emilio Cavazza. In vantaggio, i monscledensi del coach Beppe Allocca con Vilnis Coku (classe 1992), raggiunti dall’illasiano Andrè Bejar, poi, nuovamente a fare la voce grossa e a staccare il biglietto della lotteria dei tre punti in palio con il preciso rigorista Mirko Tirapelle (fallo commesso ai danni di Alberto Cavazza) e con il neo entrato n.13 Alessio Fattori. Montecchiesi squadra da trasferta: 4 le vittorie fino ad ora riportate nelle 4 gare giocate lontano da Montecchia di Crosara. Partita molto bella, dai toni sostenuti e caratterizzata dall’ottimo gioco messo in mostra dalle due compagini (meglio il primo round per gli illasiani del diesse, il tregnaghese Fabio “Cuccoli” Castagnini).

A Chiampo, è la Pro San Bonifacio del sambonifacese caoch Fiorenzo Bognìn a gettare sapone sugli scarpini dei giallo-verdi vicentini di mister Rezzadore: 2 a 3 e per i “Pro” la cacciano in buca l’ex Valdalpone, il classe 1991 Antonio Cardone, il 1995 nonché mantovano Marco Signorini e la complicità di un’autorete firmata dal 1996 Giulio Diquigiovanni. Troppo bravo, costui, ogni festa a trovare lo spiraglio giusto, ma, questa volta, ahilui!, dalla parte sbagliata.

Sul sintetico del “San Giovanni Bosco”, il San Giovanni Ilarione di mister Fabio Gonella ritrova il sorriso e l’occasione di incamerare i 3 punti: 3 a 1 a spese di un Bovolone di mister Lucio Manganotti ancora in alta marea, con in settimana l’ex ceretano avanti Umberto Ambrosi lasciato fuori rosa. Per i sangiovannei è festa grande per il…”desertico…Sinaj, autore della fantastica tripletta che graffia i “mobilieri”. Questi ultimi in rete solo con l'”ussaro” Aleksandar Pesic, bomber girovago quanto sempre decisivo sotto rete.

Al “Tiberghien”, il Casaleone del mantovano coach Cesare Bruschi accusa una frenata molto…brusca: gli audacini di mister Matteo Biroli rifilano ai “casaleoncini”, anche loro abituati a suonarle così impietosamente agli avversari (ricordate l’1 a 5 in Coppa a Cà di David?), un’ustionante manina. Dopo una decina di minuti, i sanmichelati si trovavano già in doppio vantaggio, grazie ai centri di Francesco Savoia (tripletta per lui e gol anche su rigore) e al graffio mortale sferrato da Diego Gatto. Accanto alle altre due reti…”savoiarde”…, c’è da registrare l’acuto emesso da Righetti. Comunque, al di là di quanto attesta il già pingue verdetto, gran bella squadra l’Audace calcio del presidente Roberto Purgato, classe 1974. 

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata