3.1 C
Verona
giovedì, 9 Dicembre 2021

Il punto sulla Promozione: 9^ giornata

L'Isola...felice per essere più "atletica" del Cerea e per essere ora co-capolista con il "Piccolo Toro". Il "derby dei rioni ad Est di Verona" va alla Pol. Virtus, Oppeano con l'asciugamani sui cavalponici, "Pove" e lupatotini "pirati", Cadidavid ammazza-grandi. Nel girone "B", Alba accecata in casa dal Caldogno!

 Si profila un girone “A” di Promozione veneto davvero molto interessante. Al “Pelaloca”, ieri dopo un primo tempo di grande studio, è l’Isola RizzaRoverchiara di mister Andrea “Pirlo” Corrent ad allungare le mani sul bottino pieno, rivelandosi l’autentica bestia nera del lanciato “Piccolo Toro” del mister-notaio Claudio Berlini. Infatti, tra campionato e Coppa, gli isolani del presidente Graziano Molinari rifilano 5 reti a un avversario che sembra non digerire il gioco sciorinato dagli avversari. L’Isola, dopo la bruciante sconfitta casalinga subita negli impianti di via Sabbionare per mano del Cadidavid – che poi vedremo ieri ha giustiziato l’ex capolista Castelnuovo -, torna a contare sugli uomini della sua retroguardia, sacrificando in panca “Iannacci” Artioli da Casaleone. E’, a mettere un po’ di zenzero e cannella alla sfida, la partita di ben 8 ex ceretani che indossano la casacca biancazzurra dell’ex Isola Porca Rizza: Mattia Facci, direttamente su punizione, imita Alex Del Piero e manda il cuoio a polverizzare le ragnatele annidatesi all’incrocio, alla destra dell’incolpevolissimo 2001 Alessandro Rossignoli. “Occhi verdi” Andrea Miatton colpisce troppo morbidamente la sfera e gli ospiti passano al raddoppio grazie all’ex Matteo Peroni, il quale si produrrà successivamente in assist-man per il terzo gol realizzato dal 2004, il milanista Davide Malagnini.

L’Isola RizzaRoverchiara, dunque, aggancia al vertice a 19 punti l’Atletico Città di Cerea, mentre il Castelnuovo rimane a 17 – perchè caduto a Cà di David per 2 a 0 contro i biancazzurri di mister Fabrizio Sona, impallinato dai revolver fatti esplodere dal 1993 Christopher Marcolini e dal classe ’96 Riccardo Cacciatori – raggiunge quota 14 punti e l’Albaronco, entrambi sesti classificati. Già, l’Albaronco: l’undici guidato dal belfiorese bancario Marco Burato scivola, 0 a 2, all'”Erasmo Zamperlini” sgambettato da quel San Giovanni Lupatoto, che, da quando è arrivato il raldonate trainer Simone Marocchio, ha conquistato 6 punti in 180 minuti. Per i “lupi bianco-rossi” decide Luca Marastoni, bravo a impallinare l’esperto Bertacco, mentre dall’altra schiera giganteggiava il buon Giacomo Rossi, il “para tutto”. Il “derby dei rioni ad Est di Verona”, quello disputatosi ieri pomeriggio al “Tiberghien”, tra l’Audace calcio di mister Matteo Biroli e la Pol. Virtus B.V., si conclude, 1 a 2, a favore dei rosso e blu ospiti di mister Andrea Annechini. Partenza razzo grazie al gol dopo sessanta secondi firmato da “Speedy Gonzales” Luiz Henrique Herber, poi, il tabellino dei marcatori si inchiostra di rosso e di blu in seguito ai ritratti disegnati da “trottolino” Paolo Forgia (1999) e dal 2002 Filippo Barion.

Altra mazzata sul capo già sanguinante del Nogara di mister Walter Bampa, melanconico “fanalino di coda” del girone “A” di Promozione: al “Remo Soave” passa anche la volonterosa compagine del Povegliano del mister e funzionario di banca, il dr Peter Taccardi. E, lo fa, grazie ai colpi vincenti sferrati dall’ex enfant prodife del Chievo, il 2001 Pietro Piacenza (ricordiamo ancora un gol suo, allora appena 16enne, nel colpaccio (0 a 1) consumato al “Donato-Smanio” di Castelbaldo padovano di 4 stagioni fa!) e dal 1999 Vittorio Bettinardi da Villafontana di Oppeano, dr (Triennale) di Economia alla “Cattolica” di Milano. Vittoria davvero sudata, con l’ausilio dell’asciugamani, da parte dell’Oppeano di mister Michele Cherobin: gli stessi “bianco-rossi del Piganzo” del diesse Roberto Visentini avevano avuto ragione in Coppa, nella serata vinta e giocata a Roverchiara. Ebbene, la vittoria oppeanese giunge sul fil della sirena, al 90mo, quando Filippo Ferrari supera l’estremo Alessandro Pastorello da Roveredo di Guà, poi, espulso nel finale mal digerito della singolar tenzone. Al “Guglielmi”, il Lugagnano del mozzecanese trainer Nicola Santelli prova, con l’immarcescibile Davide Bertoletti, a sgaiattolare via al PGS Concordia Borgo Milano di mister Doriano “Ghepardo” Pigatto, ma viene raggiunto nella ripresa dal bianco-viola numero 11 Federico Cristanini.

Nel girone “B” di Promozione, si registra l’1 a 1 del Trissino affidato al coach sambonifacese Flavio Carnovelli contro il Sitland Rivereel, i tre fantastici quanto vincenti assist propinati da bomber Alberto Sacconi, classe 2000, ed ex Caldiero, CastelbaldoMasi ed ex Albaronco, due dei quali a favore di Enrico Cavazza, nella trasferta vinta dallo stesso Chiampo per 2 a 4 contro l’ex capolista Marosticense di mister Ezio Glerean, agganciata a quota 20 dall’Union La Rocca Altavilla (quella che ha eliminato dalla Coppa l’Oppeano, e che annovera Loris Giordani, Andrea Bianco e Nicolò Pangrazio). A guidare il raggruppamento “B” è il Sarcedo a 23 punti, mentre per l’unica nostra rappresentante veronese, l’Alba Borgo Roma di mister “Trap” Matteo Meneghetti arriva il carbone dolce dell’amara sconfitta – notare l’ossimoro, ah! – patita all'”Esterino Avanzi” per mano e per piè dei vicentini del Caldogno di mister Zuccon, ora al 5° posto a 16 punti, alle spalle dei giallo-verdi del Chiampo a 19. Il buon e solo giallo-rosso cecchino d’area Roberto Carlos Savi non basta all’Alba, in quanto gli ospiti vicentini erano passati in duplice vantaggio grazie agli estri di Battaglin e del 2001 Alberto Savio. I giallorossi del presidente Fabio Venturi sono sempre in zona rossa, agganciati dal Sitland Rivereel al penultimo posto a 6 punti, e domenica prossima andranno a far visita al Montebello, sesto in classifica con 14 punti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
nubi sparse
3.1 ° C
5.7 °
0.9 °
93 %
3.6kmh
75 %
Gio
5 °
Ven
5 °
Sab
7 °
Dom
7 °
Lun
3 °