16.2 C
Verona
lunedì, 1 Giugno 2020
More

    Michel Visentini (Isola 1966): “stiamo provando una bella sensazione!”

    Con la sua immensa tecnica, i suoi tagli, i suoi passaggi filtranti, Michel Visentini, punta, classe 1991, è stato uno degli artefici della vittoria in Coppa Veneto, la scorsa primavera, dell’Isola 1966 del riconfermato mister Andrea Corrent: “Stiamo provando una bella sensazione, la Promozione è una categoria interessante, in cui abbiamo come gruppo trovato un buon feeling e nello stesso tempo la capacità di soffrire e di esprimere il nostro calcio”. Nelle 22 giornate giocate finora, i “biancazzurri isolarizzani” hanno conquistato una serena posizione di classifica: “Ma, il Torneo non ha tradito le attese dell’equilibrio, in cui le prime a trarne frutto sono le squadre che mostrano maggior compattezza e voglia di combattere”. La punta, nella vita di tutti i giorni odontoiatra nel gabinetto da anni avviato dal padre Roberto, ex presidente dell’Isola Rizza, e odontotecnico, indica nel Montorio l’avversaria che ha visto meglio fino ad ora: “Non molla nessun pallone, non cala mai il ritmo nei 90 e più minuti, non si disunisce quando le cose si mettono male. Eppoi, ha cambiato poco la scorsa estate”.

    Già, il Montorio, matricola di Promozione alla pari della capolista Pescantina Settimo, della lanciata Atletico Città di Cerea e della stessa Isola 1966, detentrice della Coppa Veneto di Prima categoria, trofeo conquistato a spese prima del Bassano e poi dei polesani dello Scardovari al neutro della padovana Bagnoli di Sopra: “Questo nostro campionato ci insegna che non fanno necessariamente la differenza i grandi squadroni, o i nomi altisonanti, ma i gruppi disposti al sacrificio continuo. Sono del parere che le ritardatarie Mozzecane, Albaronco ed Aurora Veronella (dispone del miglior centrocampo grazie ai vari Piccoli, Sartori e Colognese) hanno il tempo, nelle restanti 8 gare che mancano al traguardo, di recuperare punti e performance, perché la qualità prima o poi è destinata a venire fuori”. La sosta dovuta per arginare il corona virus un po’ danneggerà le squadre lanciate: “Sì, chi andava forte, forse, accuserà qualche lieve rallentamento. Per noi, ad esempio, speriamo che serva per ritararci, e speriamo di raggiungere il prima possibile la salvezza per poi vedere cosa possiamo chiedere ancora al campionato. Voglio dire che se ci trovassimo in zona play off, non lasceremo nulla al caso e all’intentato”.

    Si sta facendo onore, nella vostra prima linea un ragazzino del 2002, tale Michele Malagnini, figlio dell’ex bomber Gianmatteo: “Ha il “killer istinct” e molti margini di crescita, sta a lui giocarsi le carte nei prossimi anni. Finora l’ha anche cacciata dentro 3 volte, giocando non sempre gare intere e sfruttando sviluppi da calci piazzati. Il fiuto del gol ce l’ha proprio nel sangue, nel DNA trasmessosi dal padre!” E, il più forte avversario? “Dico Mattia Pauletto, ora in forza al Pescantina Settimo, e Federico Braggio, centrocampista del Montorio”.

    Tra i giovani del vostro girone, chi ti ha più impressionato? “Il terzino sinistro del Povegliano, Pietro Piacenza, classe 2001, davvero molto forte, mi ha messo spesso in difficoltà! Poi, mi è piaciuto Paolo Forgia, centrocampista offensivo della Polisportiva Virtus, classe 1999”. La stagione scorsa, bomber Michel Visentini – cresciuto, dopo i primi calci nel club del suo paese, l’A.C. Isola Rizza, soprattutto nelle giovanili della gloriosa A.C. Sambonifacese, fino a militare nella Berretti rosso-blu, per poi militare nell’Oppeano, nel S.Giovanni Lupatoto (3° anno di fila a Isola Rizza, dopo essere stato in Spagna per 5 anni al fine di conseguire la laurea Magistrale in Odontoiatria a Madrid) – ha firmato tra campionato (9) e Coppa (6) 15 gol: quest’anno, il suo scudetto è fare segnare i compagni e centrare subito il primario obiettivo, quello della permanenza – storica! – in Promozione dei “biancazzurri del Piganzo”. Non è impresa di poco conto, eh!

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

    © Riproduzione Riservata

    Leggi ancora ...

    pagine visitate
    123.389.114
    visitatori online
    2

    Ultimi articoli

    Per Roberto Praga (Pozzo) il top sarebbe annullare il campionato

    "Sono molto sereno" confessa il geometra Roberto Praga, presidente dell'A.S.D. Pozzo 1961 "anche perché i verdetti li conosceremo, con ogni probabilità, dopo...

    L’Asd Parona del presidente Enrico Guardini sta programmando il futuro. Sarà ancora con mister Marzio Menegotti?

    Al suo primo anno al Parona, reduce dalla bella salvezza ottenuta l’anno scorso in Seconda categoria con il Valdadige del presidente Michele...

    Ennio Fedrigoli (Pol. La Vetta): “La nostra speranza è quella di restare in 2^ categoria!”

    Ennio Fedrigoli, classe 1952, informatico, è una sorta di "memoria storica" della Pol. La Vetta di Domegliara: è dirigente dal 1985, presidente...

    Marco Burato è il nuovo mister dell’Albaronco!

    Classe 1962, di professione bancario, Marco Burato da Belfiore d'Adige è il nuovo mister dell'U.S. Albaronco del direttore generale Alessandro Romio. L'accordo...

    Il Garda del presidente Zampini passa nelle mani di mister Davide Zomer

    E’ pronto a ripartire con la programmazione della stagione 2020-2021, il Garda del presidente Vittorino Zampini, che sarà ancora ai nastri di...

    I Nostri Social