Ancora una delusione per il Vigo col Cadeglioppi (1-1)

217

Ancora punti buttati al vento, ancora una prova mediocre dei granata locali che giocano una partita svogliata, disattenta, con troppi errori. Gli ospiti ringraziano, lottano su ogni pallone e portano a casa un punto prezioso per la salvezza, lasciando ai nostri ancora una domenica amara. Primo tempo disordinato, con squadre timorose, che evitano di farsi del male. Da segnalare due traverse per il Vigo: la palla che danza sulla parte superiore del legno su iniziativa di Rossignoli prima e Trevisani poi, ma non riesce ad entrare in porta. Per due volte ci prova poi Barini, ma prima si guadagna un corner, poi ruba palla ai difensori ma conclude fiacco che più fiacco non si può. Gli ospiti si fanno vivi con un sinistro dal limite di Tobaldo che Saleri devia in angolo e col gol a sorpresa di De Togni che, lasciato solo in area su azione da corner, inventa una mezza rovesciata volante sotto la traversa: 0 a 1, tutto molto bello ma i nostri dove erano? Mounir poi si impappina in area su affondo di Trevisani, che mette una gran palla in centro, e viene murato dai difensori avversari. Il mister scalda carica a mille i locali chiedendo una ripresa di grande intensità e dopo un tentativo alto di Mounir arriva il pareggio: affondo di Bonomi sulla destra e girata di testa di Trevisani all’angolo per il meritato pareggio. Il Vigo insiste e sbaglia l’inverosimile con Ziviani (due volte in buona posizione sulla destra) e con un traversone invitante da sinistra di Pasti con tre giocatori del Vigo a guardar palla ad un metro dalla porta! Gli ospiti si fanno vivi solo con una bella punizione di Marchiori deviata in corner da Saleri ma la vera occasione da gol capita a Morin che da sinistra inventa un gran tiro a giro che Bottari devia splendidamente sull’incrocio dei pali e quindi in corner: incredibile ma vero… Il risultato non cambia, la situazione in classifica nemmeno e domenica prossima al Vigo aspetta una dura trasferta coi Boys Gazzo. (#forzavigo – B. Tagliaferro)

© Riproduzione riservata