5.9 C
Verona
venerdì, 28 Gennaio 2022

Il punto sulla Seconda categoria: 13^ giornata

L'Academy Pescantina, già campione d'inverno, ora ha un'altra contendente oltre il Consolini: il Colà Villa dei Cedri. L'Alpo Lepanto è la vice-regina del girone "B" al posto dell'Avesa e a -5 dall'imbattuta Dorial. Nel "C" il Borgoprimomaggio è campione nel big-match contro l'Aurora Marchesino ed anche d'inverno! L'invincibile Bonavigo (campione d'inverno del girone D) è ora imprendibile: la Spes Pojana cade a Monteforte e si allontana di 8 tacche (un gradino sotto il Gazzolo 2014)

Nel girone “A” di Seconda categoria, anche il pari casalingo – 1 a 1 – (reti dell'”accademico” Said Ouzdou, classe 2000, e del lacisiense difensore, il 1988 Alessio Dalle Vedove) contro il Lazise dello skipper Andrea Urbenti è un buon viatico per impedire che nessuno possa svellere lo sfavillante scettro dai ragazzi di mister Alberto Pizzini. Ora, a 28 punti, e a +3 dalla nuova coppia, quella formata dalla rampicante Pol. Consolini di mister Luca Ponzini e dal Colà Villa dei Cedri di mister Raffaele Pachera. In buona sostanza, sono i giallo-verdi “cedrini” a perfezionare l’operazione-aggancio con i costermanesi, battendo di misura – 1 a 0 – il Team san Lorenzo Pescantina di trainer Devis Zampini, mattatore, guastafeste il centrocampista classe 1998 Diego Germiniani. All'”Adolfo Consolini”, finisce senza vincitori né vinti, cioé 1 a 1, il match tra la Pol. Consolini e il Gargagnago del tandem tecnico Stefano Bressan-Giorgia Brenzan. Entrambe le marcature scaturiscono nella ripresa, grazie al costermanese Bonati e alla risposta di pari intensità e valore data dall’ex Valpolicella Calcio, il 1993 Matteo Ferrari.

Al 4° posto, a 22 freccette, oltre al già ricordato Lazise, ecco altre due compagini: la Juventina Valpantena di mister Alberto Tommasi e l’Ausonia Sona United del collega della panca Christian Campagnari. I bianco-neri poianesi lasciano le proprie penne, forse incantati, dal “Belvedere”…in tutti i sensi dello scorcio del lago offerto dalla frazione bardolinese di Calmasino: 1 a 0, con Granozio vera freccia che va a segno per i bianco-verdi di mister “baffo” Mario Marai. Vince, a Palazzolo di Sona, sua casa, l’Ausonia Sona United: 2 a 1 e la vittima è il Burecorrubbio di mister Nicola Martini (eppure, non ebbure…, in vantaggio i valpolicellesi grazie al 1998 Daniele Salzani). Ma, a cambiare le carte in tavola è il centrocampista 1989 Nicolò Vallenari, il quale con la sua doppietta consente alla propria scuderia di ottenere il successo stagionale numero 6. A San Floriano di San Pietro in Cariano, altra importante, ossigenante vittoria dei “falchi della Lessinia” del Sant’Anna d’Alfaedo del “falconiere” Davide “Satana” Campostrini: 0 a 2, e reti di Damiano Tommasi, sì, lui, l’ex Nazionale, ex helladino ed ex romanista, classe 1974, e il 1985 Simone Benedetti, algido, spietatamente cinico dal dischetto, nel battere l’estremo pievano Lovito.

Nello scontro fratricida, quello svoltosi al “Montindon”, tra la Pol. La Vetta di mister Maurizio Zanferrari e l’F.C. Valdadige del coach Mazzucchi, ebbene, il piattino della bilancia alla fine strizza l’occhiolino a quelli con campo a Rivalta di Brentino Belluno (2 a 4 lo score finale), presieduti dal più alto scranno da Michele Cipriani. Doppia realizzata dall’ex Caprino classe 1994 Elia Turrina, poi, gli infallibili rigoristi Riccardo Miglioranzi (1984) e l’ex difensore dell’A.C. Cavaion, il 1993 Raffaele Gandini completano il poker biancazzurro. Per i domegliaresi dello sconsolato vice-presidente Francesco Pasetto vanno a segno il 1992 Daniele Camponogara, preceduto dall’urletto del compagno di scuderia, il difensore del Duemila Davide Pagliarini.

Nel girone “B”, rimangono immutati i 5 punti di vantaggio (il rapporto è di 31 a 26, più ricordiamo anche il primato di squadra imbattuta) con i quali la Dorial di mister Isacco Marostica – vera sorpresissima di questo raggruppamento!- si è già da tempo laureata regina d’inverno e grazie ai quali dà del “lei” all’Alpo Lepanto di kaiser Massimiliano Signoretto e i 6 di distacco dall’Avesa di mister “baffo” Flavio Marai. Dorial, che inanella la vittoria numero 9 della stagione sul proprio campo e a scapito del Real San Massimo del nuovo presidente, il commercialista Fernando Bonvicini e di mister Roberto Albertini. Un turn over di realizzatori per gli invincibili capolisti: il difensore 1998 Matteo Merzi, il preciso rigorista, l’ex Alpo Lepanto e classe 1999 Alessandro Filippi, e l’ex Povegliano, il duemillenario Gianluca Nardone. Brutta ed inattesa battuta d’arresto rovina-feste natalizie per l’Avesa: capita in casa del Giovane Povegliano, dove l’undici di mister Antonio Como batte i colligiani rosso e blu del presidente Maurizio Gambadoro per 3 a 0 (le reti sono a cura di “Pio” Nicola Semeghini (1996), del coetaneo Andrea “Marlon” Prando, infine, del 1991 Thomas Caliari.

Anche il SommaCustoza del leccese trainer Antonio Sperani, classe 1997, ed ex trequartista di una squadra svizzera come leggeremo su un prossimo servizio che pubblicheremo in questi giorni a margine della cena natalizia alla quale siamo stati invitati, vince, a Sommacampagna, per 3 a 0 ai danni del San Marco Borgo Milano di “Fergusson” Emanuele Battocchio. E, lo fa, affidandosi ai precisi “arcieri”, il notissimo bomber Nicolò Bolla, il duemillenario Luca Lonardi e al duemilauno Alessio Sospetti. Sul campo di via Marin Faliero, “campo amico” del Saval Maddalena allenato da Edgar Fasola Genovesi, 0 a 2 a favore del Lessinia di mister Massimo Burato; che passa grazie al gol della punta datata 1989 Giovanni Todeschini e grazie al tiro di Rancan con l’aiuto del tocco sfortunato del giallo-rosso savalese Tommaso De Nardi, classe 1998, ex Pol. Borgo Trento. Borgo-trentini, guidati da mister Gianni Pierno, i quali vengono stinti – 0 a 4 – a Quinzano dal più deciso, più voglioso di vincere Alpo Lepanto. Giallo-verdi in rete (due volte) con l’avanti del 2001 Lorenzo Gasparini, una invece con il 1998 Davide Vignola e con il 1999 Mourad Bouakou.

Al “Polisportivo Avesani”, in zona Ponte Crencano, 3 punti preziosi ottenuti dall’U.S. Cadore di mister Massimo Zito, e che permettono ai cadorini di scavalcare di un punto – portandosi a 10 ora – il Saval Maddalena. 1 a 0 per il Cadore, vittima la Gabetti Valeggio di mister Luca Carletti, e “carnefice”… è il classe 2002 Amedeo Lugoboni, prodotto del vivaio neroverde. A Pizzoletta, delusione tra i quotati “pronipoti del magico Pollo Miglioranza”, allenati dall’avvocato Simone Ghirotto e ben rifocillati dal “re dei fornelli”, Graziano Magalini, gestore assieme alla consorte e ai figli (Marcello è un ex calciatore pizzolettese) dell’affollato ristorante “La Carmela”, in via Postumia, all’altezza di Pizzoletta: soltanto un gelido, insignificante 0 a 0 contro i Boys Buttapedra di mister Tiziano “Titti” Salvagno. Il mancato successo inchioda “El Pizzo” al 5° posto, a 23 punti, un gradino sotto il SommaCustoza.

Nel girone “C”, il BorgoPrimomaggio, andando ad aggiudicarsi – 0 a 1 – il big match al “Rino Dalle Vedove” di Marchesino, casa dell’Aurora, stacca il braccio al quale era avvinghiata fino a domenica mattina la sua preda, la sua vittima e stacca anche il biglietto di “Regina d’inverno” a 32 punti, lasciando i giallo-blu di mister Paolo Novali al 2° posto e a -3 (32 a 29 è il nuovo rapporto numerico). “Draghi rossi” borgatari di mister Andrea Lunardi con nella casella delle sconfitte un solo 1, e mattatore, “giustiziere” è l’ex Team S.Lucia Alessandro Morando. Il Gips Salizzole di mister Andrea Greggio non si fa certo perdere la ghiotta occasione per poter ridurre le distanze da entrambe le sovrastanti ai rosso-blu, non si perde nel pettinare le bambole, ma si mette a…pettinare all’ombra del suo scaligero maniero il Noi La Sorgente di mister Igor Gladich. Basta, e, alla fine avanza, l’unghiata velenosa sferrata nel cuore della ripresa – come una stilettata dritta all’organo vitale che pulsa battiti in continuazione – dal centrocampista del 1991 Nicholas Marzari. Rosso-blu salizzolesi terzi a quota 28: come dire, tutto è immensamente ancora possibile! Al “Leo Todeschini” di Zevio, non gioca solo l’A.C. Zevio, ma pure la Nuova Cometa di mister Filippini e del tanto atteso debutto – a quando? A dopo le festività? – dell’ex Hellas Verona, Stefano Garzon, 40 primavere già festeggiate. Ebbene, l “cometini” del presidente Davide Falavigna hanno ragione, 1 a 0, dell’Union Best di mister Luca Bortoletto, e questo in virtù del tiro da 3 punti scoccato dal “caldaista” Alberto Vailati, classe 1995, ex BorgoPrimomaggio.

Al 4° posto, a 24 carati, brilla l’Intrepida del federmaresciallo Antonio Donatiello: ieri, per i rosso-neri “madonnari”, 1 a 3 al “Bertoldi” di Casaleone, in casa dei Lions Casaleone di mister Davide “Ranch” Peroni (in illusorio e momentaneo pareggio con Premoli). Per il club di Madonna di Campagna gioiscono Victor Landry Ama (1989), il 1997 Marco Corsi e l’avanti 1998 Gabriele Quarati. Colognola ai Colli – mister è lo psicologo Manuel Pauciullo – e Boys Gazzo (mister è “Ferguson” Matteo Gobbetti – seguono appaiati a quota 20 punti tondi tondi. Al “Fano”, i colligiani del presidente Tiziano Tregnaghi stingono – 3 a 0 – il già opaco Raldon di mister Stefano Castaldo; e lo fanno grazie ai piattelli polverizzati due volte dal 2002, l’avanti Enrich Kuqi, preceduti dall’assolo emesso dal 1997 Tobia Fraccarollo. I maccacaresi si recano in borgo Santa Croce – zona borgo Venezia – e impattano – 0 a 0 – in casa della matricola Ares Calcio Vr di mister Martin Marrone. Al “Lorenzo Molinaroli”, 4 a 3 per la Scaligera Lavagno di mister, il belfiorese Simone Marini, a scapito dell’ASD Venera di mister Marco Turrini e del suo più stretto collaboratore Patrick Parolin. Crepitano le doppiette imbracciate dal “venerato” 1999 Tommaso Avanzini (ex Bevilacqua) e dal lavagnese e suo coetaneo Juliano Ortega. Per lo Sporting in rete anche il 1999 Lorenzo Sterzi e il 1996 Gabriele Verzì. Per i “venerati” del vice-presidente Andrea Ceresoli segna anche l’ex Sona Calcio, il 2001 Riccardo Bissolo.

Nel girone “D”, è strapotere del non ancora battuto Bonavigo di mister Manuel Cuccu: primato anche in graduatoria a 35 punti, e forbice di vantaggio sulla prima che accorre, che insegue – la vicentina Spes Pojana – di ben 8 punti (il rapporto è di 35 a 27; con il Gazzolo 2014 che tallona a 26 punti). Ieri, all'”Orvile Venturato”, i bonadicensi, dopo aver offerto un omaggio floreale al figlio dell’indimenticato presidente – inghiottito dal Covid-19 – Rino Gambin (gentilissimo e nobile pensiero raccolto a nome della famiglia intera dal figlio e immobiliarista con agenzia a Minerbe, Massimo, dalle mani del capitano, il 1989 Luca Negrini) -, si sono scatenati, percuotendo per 7 a 1 il malcapitato – ma cosa può essere mai successo, mister Luis Gustavo Passera? Non siete squadra-materasso. è stata, si vede, una domenica proprio bestiale, per dirla alla Fabio Concato!).

Villa Bartolomea, 5° in classifica in chiassoso condominio, con Vigo, Porto Legnago e Locara, a 20 punti. Eppure, stando a quanto ci ha whatsappato in redazione lo stesso mister Manuel Cuccu, il Bonavigo dopo 20 minuti restava in campo in 10 uomini e poi andava sotto in seguito a una punizione calciata dall’ex Cerea Paolo Tagliaferro, classe 1985. Questo inatteso pugno nello stomaco deve aver messo in moto la voglia di vincere ai bonadicensi, scatenatisi con un irresistibile Andrea Pesarìn, il bomber-cuoco-cacciatore di reti e di lepri nell’Oppeanese, a un tiro di schioppo … passateci la battuta! – dalla sua Isola Rizza. Pensate: 5 gol segnati tutti in una sola gara per il mancino isolarizzano, davvero un lusso consacrato per questa categoria! Poi, ad imitarlo ecco il 1989 Riccardo Soave e il 2002 Francesco Valle.

Il “Fa.Lou. Sal.” di Monteforte d’Alpone risulta fatale, “mortale” per la Spes Pojana di mister Davide Pialli: a …piallare i quotatissimi – soprattutto forti a livello di collettivo, di insieme – giallo-blu vicentini ci pensano lo spedizioniere (non sappiamo se di Amazon o di Viago) Marco Tracco (1987) e Kassum Compaore. Per i berici, accenna alla rimonta – quella pragmatica, realizzativa – il solo 1992 Stefano Padrin. Non riesce a cogliere l’attimo, l’occasione propizia il Gazzolo 2014 di mister Tiziano Barbieri, dovendosi “accontentare”, suo malgrado, di un 1 a 1 al “Comunale” di Gazzolo d’Arcole contro la “ritardataria”…di punti perché quotatissima, Locara di mister Carlo Danieli. L’interessante braccio di ferro sprigiona le scintille del locarese difensore del 1989 Francesco Marchese e, in tutta risposta, arriva la replica – ad inizio della ripresa – del giallo-blu gazzolese Gianesini. Il Porto di Legnago di trainer Matteo Zancanella, regola, 1 a 0, al “Comunale” di via Nenni, la pratica avviata contro un’altra clamorosa “ritardataria” di punti, ossia la forte U.S. Provese del soavese trainer Mirko Dalle Ave: decide uno solo, il centrocampista bianco-rosso portuense Alessandro Morello, non in parentela con quello di “Striscia la notizia…”, l’inviato Moreno…

Al parrocchiale di Vigo di Legnago – saremo ospiti mercoledì sera 22 dicembre in una nota locanda di Cologna Veneta – il GSP Vigo 1944 può trascorrere una bella serata e serene vacanze natalizie: i ragazzi di mister Adriano Rossignoli e del presidente, il padovano (di Saletto) Raimondo De Angeli, si congedano e dal pubblico amico e dall’anno vecchio 2021, battendo per 4 a 2 il nobile decaduto Lonigo, affidato dal diesse sambonifacese Carlino Facchin, al belfiorese e trainer Loris Fedrigo. Ai leoniceni resta l’amaro in bocca e i due urli strozzati in gola, quelli emessi a metà da Dorjan Molla (1986) e da El Quasimi, appena entrato al posto di …Nicola di…Bari…(Leonardo, classe 1995, centrocampista dall’ottimo passo). Scusate la battuta ironica, ma siamo già in clima di festività natalizie e di “Sanremo Giovani”, o no? Debutto il prossimo 1° febbraio del 2022. Per i bianco-granata – a che punto siamo, cara Giunta comunale di Legnago, con le trattative per l’acquisto del parrocchiale dalla Curia? Vero sogno del presidente De Angeli? – segnano il molisano di pasta buona (come la pasta molisana della famosa reclame!) Antonio Ciocca – autore della doppia, classe 1984 e costruttore di questo buon complesso vighiano, o vighese? – , il nuovo arrivato Umberto Ambrosi e l’agente immobiliare, con lavoro a Cologna Veneta, il 1995 Nicola Tedesco. A Megliadino San Fidenzio – siamo nel Padovano – in casa dell’Union CUS di mister Giuseppe Schivo, purtroppo, altra sconfitta di misura per il volonteroso, combattivo Cà degli Oppi di mister “Liverpool” Gianmatteo Malagnini, classe 1969, longevo nostro “punteros”, soprattutto in forza al vecchio, caro Cerea: 2 a 1, segna la punta di diamante cadeglioppina – il bovolonese Massimiliano Gramegna -, ma per il club anche di Casale di Scodosia fanno la differenza i gol di Simone Magaraggia, classe 2001, ex CastelbaldoMasi, ed anche se per poche settimane, ex GSP Vigo 1944, e Crosara.

Al campo “A” di via Aldo Moro di Sossano, 0 a 0 tra il Sossano Villaga Orgiano di mister Alberto Strazzacappa e la matricola colognese dell’ASD Sule di mister Stefano Rossignoli, detto “El Cina”. Un punto, importante per muovere la classifica e per non brindare con un calice amaro l’anno vecchio che se ne sta sfumando e inneggiare a quello nuovo, a suon di fette di profumata soppressa confezionata dal supertifoso Emanuele Bressan, classe 1961, da moltissimi amato, conosciuto, venerato e rispettato con il soprannome di “El Messico”, per la sua bravura di giovane calciatore, e nomignolo appioppatogli durante i Mondiali vinti in Messico nel 1970 dal Brasile del grande asso Pelè, di Rivelino (ricordate le sue potentissime punizioni?), di Carlos Alberto, Jairzinho, Gerson, di Clodoaldo, di Tostao, e che battè nella finalissima all’Estadio “Azteca” proprio i nostri azzurri per 4 a 1. Quella notte di quel torrido, calientissimo 21 giugno 1970, forse, anche il nostro “Messico” di Sule sognava di diventare un giorno un campione di calcio. Ma, è rimasto lo stesso un campione di uomo, circondato da tante belle persone che meritano il suo affetto e che condividono la sua quaterna (Cologna Veneta, Albaredo, Sule ed Aurora Veronella), smisurata, cristallina – come l’amicizia che ti offre – passione per il gioco – dicono – più bello del mondo: el futball… A tutti i nostri affezionati (e, pazienti!) lettori, giungano i più sinceri auguri di serene feste e di Buon Natale!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
foschia
5.9 ° C
9.1 °
3.2 °
87 %
1kmh
2 %
Ven
6 °
Sab
8 °
Dom
9 °
Lun
7 °
Mar
9 °