27.1 C
Verona
giovedì, 30 Giugno 2022

Il punto sulla Seconda categoria: 16^ giornata

La Pol. Consolini conquista il big match e il primato assoluto nel girone A, pareggio esterno per l'ancora imbattuta Dorial nen B, Aurora Marchesino "tennistica", ma sempre a -3 dal Borgoprimomaggio nel C. Bonavigo, marcia trionfale nel girone D senza sosta alcuna.

Il colpaccio messo a segno ieri pomeriggio – stiamo riferendoci al girone “A” – dalla Pol. Consolini di mister Luca Ponzini frutta il sorpasso al vertice dei costermanesi sull’Academy Pescantina Settimo del collega della panca Alberto Pizzini. Ora la classifica parla a favore della Polisportiva del presidente Riccardo Borsoi, balzata a quota 31 punti, lasciando a quota 29 gli “accademici della Crusca” pescantinesi, con il Colà Villa dei Cedri di mister Raffaele Pachera che alita il fiato sul loro collo a 28 freccette. Il tiro cestistico da 3 punti, nello 0 a 1, con cui ha trionfato il Consolini al “Comunale” di Settimo di Pescantina, l’ha sganciato verso la mezz’ora della ripresa il 1994 Stefano Coppini. Al “Comunale” di Palazzolo di Sona, rocambolesco, picaresco 4 a 3 tra i padroni di casa dell’Ausonia Sona United di mister Christian Campagnari – tornati, dunque, alla vittoria nel nuovo anno solare 2022 – e il Team San Lorenzo Pescantina di mister Adriano Zampini. Doppia griffata da bomber Riccardo Cappagli (anche su rigore), assolo del 1998 Andrea Zocca per i “bianco-rosso-blu del velodromo”; Luca “Stromberg” Cinquetti, l'”eterno” (1979) Diego Pasetto, il 1991 Matteo Speranza, e bomber Nicola Vantini (infallibile anche dal dischetto, l’ex pedemontano, classe 1991). Ausonia Sona United 6° ora a quota 25, mentre il Team S.Lorenzo è al quart’ultimo posto a 18 carati.

Sul campo Brigaldara, in San Pietro In Cariano, la Pieve San Floriano di mister Matteo Zanotti assapora la sconfitta interna, la numero 6 stagionale: 0 a 1 e il match winner della contesa è l’esperto quanto freddo “cecchino dagli 11 metri”, il 1996, Michele Conti, ex Calmasino. L’episodio apicale e decisivo scoccava quando mancavano ancora una decina di giri al 90° minuto. Al 4° posto, appaiati a 26 troviamo la Juventina Valpantena di mister Alberto Tommasi e il Lazise dello skipper Andrea Urbenti. Delle due compagini ora appollaiate sullo stesso trespolo ha vinto quella bianco-nera poianese, al suo “Lorenzo Bellamoli”, dove ha superato – 2 a 1 – i lanciati, ultimamente, “falchi della Lessinia” di mister “Satana” Davide Campostrini, guidati a centrocampo dall’ex romanista ed ex Nazionale oltre che helladino Damiano Tommasi, uno dei candidati a sindaco di Verona (in gara con lui anche Flavio Tosi e l’avvocato Federico Sboarina). Ebbene, per i valpantenati, in rete il 1999 Mahdi Hamlich e poi, dopo l’illusorio pareggio dei bianco-granata a firma del difensore del 1998 Davide Ronconi, ecco il gol del sorpasso e della vittoria a cura di …Piazza Renato…Simoni, che di nome fa Marco, avanti datato 1993.

Per il Lazise, invece, 1 a 1 al “Belvedere” di Calmasino, ed è ancora Matteo Sebastiano, classe 1993, il figlio del medico e primo cittadino della località lacustre, Luca, a rendere di mezza importanza il gol pochi minuti prima griffato da Budic. Finalmente, un punto, da considerarsi come un cucchiaio di brodo per convalescenti, il pari al “Montindon” di Domegliara ottenuto, dopo tante (13) sconfitte amare ed ancora nessuna vittoria oltre all’ultimo posto in classifica (con soli 2 punti; sopra, a 5, c’è solo l’F.C. Valdadige!) dalla Pol. La Vetta di mister “Zorro” Maurizio Zanferrari contro il Gargagnago del n.4, il medico Marco Stocchero, classe 1996. La sfida termina sull’1 a 1, con i domegliaresi inizialmente in vantaggio grazie al preciso rigorista Christian Tommasi, classe 1998, ma gioia subito in parte strozzata dal gol all’incontrario realizzato dal difensore 1999 Davide Chesini, ex Ausonia Sona United. Al Resort di Castelrotto di Negarine di San Pietro in Cariano, un’infortunio all’arbitro, che al 45′ del primo tempo non se l’è proprio più sentita di portare fisicamente a termine la gara, cristallizza sullo 0 a 0 la sfida del BureCorrubbio di mister Nicola Martini contro l’F.C. Valdadige di mister Mazzucchi. Gara, dunque, che dovrà riprendere dal risultato di 0 a 0.

Nel girone “B”, è ancora l’imbattuta Dorial (0 a 0 ieri nel rione Saval, in casa del Maddalena) di mister Isacco “Newton” Marostica a fare l’andatura, ancora imbattuta, e sempre con 3 punti di vantaggio (il rapporto è ora di 35 a 32) sull’indomita Alpo Lepanto del presidente e concessionario di auto e barche Andrea Pozzerle e team guidato da Massimiliano Signoretto. Giallo-verdi del club della frazione villafranchese, ieri, vittoriosi per 0 a 1 all'”Eliseo Zendrini” di Buttapietra, grazie al colpo fatale, mortale sferrato dal 1999 Mourad Bouakou, proprio quando l’arbitro, in netto extra time, stava portando il fischietto per decretare la fine delle ostilità, e cioé al 95° minuto. Per i battuti Boys Buttapedra di mister Tiziano “Titti” Salvagno restano i 20 punti e il 6° posto assoluto in graduatoria. Al 3° posto, si piglia un bel 30 e lode il SommaCustoza del trainer leccese Antonio Sperani, classe 1957, al suo 11mo risultato utile consecutivo e alla sua 7^ vittoria di fila. Incredibile – ha commentato stamattina assieme a noi anche la “memoria storica” del Magico Vecchio Sommacampagna, Gian Lorenzo Quaini – la lunga striscia positiva dei “tamburini sardi” del diggì Moreno Trevisani e del team manager Anthony De Bortoli! Al “Comunale” di Povegliano, vittoria per 1 a 3 dei sommacustozani a spese del Giovane Povegliano di mister Antonio Como (in rete soltanto con Nicola Fasoli). Per gli attualmente terzi meglio classificati, l’hanno cacciata dentro con la forza della percussione su un tamburo l’infallibile rigorista Stefano Sperani (1988), il 1999 Francesco Greco e al 90mo l’ex casellino Valentino Adami, classe 1998. Non si è giocata la gara fra la Gabetti Valeggio e il Lessinia perchè l’arbitro era ammalato.

Al “Comunale” di via Marin Faliero (Doge della Serenissima Repubblica di Venezia), in zona Saval, il Maddalena di mister Edgar Fasola Genovesi blocca sullo 0 a 0 l’ancora imbattuta Dorial del già citato sopra mister Andrea Marostica. Per i giallo-rossi “ragazzi della via…Pal”, pardon, Saval del presidente …”vai,” Flavio Massaro!!!, penultimo posto ex aequo con il San Marco Borgo Milano (vittorioso ieri per 1 a 3 a Ponte Crencano, casa dell’U.S. Cadore di mister Massimo Zito) a quota 11 punti, e “maglia nera” ora indossata mal volentieri proprio dai nero-verdi cadorini del presidente, il foggiano ingegnere Giacomo Michele Caserta. Segna il gol della magra consolazione per “quelli del Ponte (Crencano”, il n.9 Ciserani, mentre per i rosso-verdi “leoni della San Marco” di mister “Fergusson” Emanuele Battocchio vanno in gol (due volte) il 1996 Pietro Gobbi, una, invece, l’ex Olimpica Dossobuono, il centrocampista 2001 Nicola Bonetti.

A Quinzano, 2 a 2 tra la Pol. Borgo Trento di mister Gianni Pierno e l’Avesa HSM di mister “baffo” Flavio Marai, adesso 5° a quota 26 punti. Per i borgo-trentini del presidente ed immobiliarista Paolo Padovani esultano l’ex Montorio, classe Duemila, Giacomo Lonardoni, e il centrocampista del 1999 Luca Maria Boaretto; per i “colligiani” rosso-blu del presidente Maurizio Gambadoro, invece, il duemillenario Davide Cerpelloni e Feroni. Altro risultato infarcito di una buona fragranza di reti – 4 a 3 -, quello visto a Pizzoletta, tra “El Pizzo” e il Real San Massimo del nuovo presidente, il dottore commercialista Ferdinando Bonvicini, classe 1960, da anni nella dirigenza dei nero-verdi rionali, e compagine allenata da Roberto Albertini. Crepitano le doppiette fatte fumare dall’ex casellino, bomber Marco Secchi (1992) per i “pronipoti del Magico Pollo Miglioranza”, a fronte di quella fatta crepitare da Bresciani, accompagnata dall’assolo emesso dal compagno di scuderia Simeoni. Mentre risulta decisiva, dopo la rete in apertura siglata dal 1993 Mohammed Sabbar per il “Pizzo”, quella dell’esperto Ionut Topala. Pizzoletta, ora 4° a un sol punto dal Sommacustoza, e ben ristorato dal generoso trattore de “La Carmela”, Graziano Magalini.

Nel girone “C”, BorgoPrimomaggio ed Aurora Marchesino continuano a mantenere la distanza di 3 punti e continuano a sfidarsi a vittorie, questa volta molto squillanti per entrambi. Infatti, i borgatari di mister, il sanzenate Andrea Lunardi, ottengono nel proprio “Monterotondo” un superbo 5 a 1 contro un avversario a dir poco ostico ed ostinato, qual è l’Intrepida di mister Antonio Donatiello (al gol della magra consolazione con l’avanti datato 1998 Davide Quarati. Per i “draghi rossi” del diggì Enrico Sgreva (a proposito, Enrico, sentitissime condoglianze per l’improvvisa dipartita del tuo amato papà da parte della redazione e di tutti i veri sportivi!) zompano sull’altare della celebrità Stefano Ferrarese, preceduto dal 1992 ed ex Aurora Marchesino Marco Negri, il 1998 Ignacio Joaquin Lluch e poi doppietta della “vedova nera paraguagia”, Christian Molas, classe 1985. In borgo Santa Croce, quartiere Venezia, riscatto dell’Ares Calcio Vr di mister Martin Marrone nell’1 a 0 casalingo inflitto, grazie all’ex “falco della Lessinia”, il classe 1998 Davide Ederle, alla Scaligera Sport Club di mister, il belfiorese Simone Marini.

Al “Rino Dalle Vedove”, tennistico 7 a 1 dell’Aurora Marchesino del lupatotino trainer Paolo Novali, che sminuzza l’A.C. Raldon di mister Stefano Castaldo (in rete solamente con il nero-verde Thomas Poli, classe 1997). Per i giallo-blu inseguitori del fuggitivo “Borgo”, fanno “bingoooo!” per due volte a testa il “punteros” 1992 Carlo Alberto “di Savoia” Provolo e il 1990 Valerio Manzini, imitati una sola volta (e cosa volevi ancora?) da Andrea Sabbion (gol a giro alla Alex Del Piero, tanta roba per l’intramontabile bomber lupatotino), classe 1988, e dai due Danese, il 1996 Nicola, e il 1992 Francesco. Gips Salizzole, ma che ti sta succedendo? Ancora una sconfitta, di troppo, per la massima considerazione che nutriamo nei confronti di un telaio di lusso e per un mister – Andrea Greggio – davvero bravo. Succede anche questo: che i rosso-blu del castello scaligero soccombano per 1 a 2 anche al cospetto dei forse più fortunati, ma più convinti Boys Gazzo di mister “Fergusson” Matteo Gobetti. Troppo tardivo e troppo poco il gol realizzato dal salizzolese Denis Schiavo: due puledri di puro sangue maccacaresi – il 1990 Mauro Andreetto e il 1992 Luca “Sambuca” Molinari, ex Nogara – avevano già lasciato la propria scuderia! 1 a 1 al “Polisportivo Europa”, tra Noi La Sorgente di mister Igor Gladich e l’Union Best di mister Luca Bortoletto. Per gli erbetani raggiungeva il pari definitivo il duemillenario avanti Yuri Nahari, dopo che l’ex Alba Borgo Roma, il 2002 Gabriele Esposito aveva provato la fuga con il suo gol messo a segno prima degli ospiti avversari.

Al “Bertoldi” di Casaleone, i Lions sguinzagliati dal mister milanista Davide Peroni non appaiono ieri spumeggianti, ed allora, subiscono la dura sconfitta di 0 a 3 dal Venera di mister – uno degli ex di turno – Marco Turrini (coadiuvato da Patrick Parolin da Campalano di Nogara, patria di un risotto buonissimo, ma mai, per nostra disgrazia, assaggiato!). Per i “venerati” del factotum e generosissimo trattore Andrea “El Cere” Ceresoli segnano Eddy De Carli, il difensore datato 1989 Stefano Bertozzo, e il 1994 Mattia Vicentini. Sul versante recuperi, brutte notizie circa la ripresa del bomber minerbese Alessandro “Grattacielo” Guerra, classe 1994, infortunatosi nuovamente e seriamente. Sul parrocchiale di Santa Maria di Zevio, la Nuova Cometa di mister Anderloni si fa sgambettare – 0 a 2 – dal più spavaldo Colognola ai Colli del mister e psicologo Manuel Pauciullo, ex colonna del “vecio” San Zeno Vr. A far la differenza per i nerazzurri “colligiani” del presidente Tiziano Tregnaghi, il solo doppiettista Mattia Donini, classe 1996, ex Lessinia. Dal basso verso l’alto, la classifica vede sempre all’ultimo posto i Lions Casaleone a quota 7, con il Raldon a 10, la Scaligera Lavagno a 11 e Noi La Sorgente a 14, sovrastata di un punto (a 15) dall’Union Best del vice-presidente, il geometra erbetano Claudio Zuccotto.

Nel girone “D”, sempre di Seconda categoria, non accenna a sbadigli la marcia trionfale dell’ancora imbattuta (dopo 15 tappe) Bonavigo di mister Manuel Cuccu, detto il cagliaritano per le origini paterne. Ieri, all'”Orvile Venturato”, è andato in onda il successo stagionale n. 13 (2 soli i pareggi, caspita!!!) dei bianco-blu bonadicensi del giovane presidente Angelo Zangari, vittima, questo giro, il buon Real Monteforte del professore di Italiano Latino e Greco al “Scipione Maffei” di Verona, Dionisio Zamperini. Prima il 1990 Lorenzo Menini, poi, Mohammed El Hasnoui (1993) hanno fatto saltare, con una bombardata per tempo, la basculante difesa inutilmente dall’estremo ospite, il classe 1981 Davide Tirapelle. Primato sempre solitario e mezzo (forse anche trequarti) scudetto cucito già sul petto del Bonavigo, ora a 41 punti, qualcosa come 11 punti di distacco dal primo che lo insegue, ovvero il già battuto nella bassa vicentina, Spes Pojana, proprio 8 giorni fa. Giallo-blu pojanesi, ciononostante obbligati al colpaccio – 0 a 2 – in quel di Sossano, in casa del Villaga Orgiano di mister Alberto Strazzacappa, classe 1980. E al bersaglio – con un gol per tempo – il centrocampista offensivo, il classe 1993 Luca Fongaro (doppietta per lui!). Al 3° posto, a quota 27 punti, il Gazzolo 2014 del presidentissimo Paolo Valle e di mister Tiziano Barbieri: “giallo-blu del rinomato asparago” della frazione di Arcole fermati sul nulla di fatto – 0 a 0 a Casale di Scodosia, in casa dei padovani dell’Union CUS di mister Giuseppe Schivo.

Al 4° scranno a 26 troviamo seduta l’US Provese di mister, il sambonifacese Freddy “Mercury” Serato, “ricercatore del bel calcio-spettacolo”, ieri vittorioso sul campo dei rosso-neri della frazione di San Bonifacio per 2 a 0 a dispetto del Villa Bartolomea del coach italo-argentino Luis Gustavo Passera. L’hanno cacciata in fondo al sacco il dr in Legge Pierluigi Dal Bosco, classe 1987, e il difensore nato nel 1992 Manuel Palazzin. Provese, che perfeziona, vincendo, l’operazione-aggancio con i rosso-neri delle Grandi Valli Veronesi, presiedute dal più alto scranno dal carrozziere di fama nazionale, il “Pininfarina dell’estrema Bassa veronese”, l’umile Lucio Albarello. Dietro la coppia appena citata, a quota 21 il Porto Legnago di mister Matteo Zancanella, ieri fermato sul proprio “Comunale” di via Nenni sul 2 a 2 da un irriducibile Cà degli Oppi di mister Gianmatteo Malagnini, classe 1969. I bianco-rossi portuensi della presidentessa Beatrice Zancanella sono andati sotto di ben due reti, frutto dei gol realizzati dai cadeglioppini Massimiliano Gramegna e dalla punta datata 1995 Giacomo Rossignoli. Per la rimonta, il Porto si è affidato ai colpi fatali del 1999 Mamadou Amar e dell’avanti del 1999 Alfredo De Martini.

Ancora un’altra tegola spiove sulla testa della simpatica matricola ASD Sule dell’appassionata famiglia Pellizzaro, gruppo guidato dal legnaghese mister Stefano “El Cina” Rossignoli: ad Arcole passa, 1 a 3, il Lonigo di mister Ricky Perlotto e del diggì sambonifacese Carlino Facchìn. Per i “pirati dell’antica città di Baldaria” firma il gol della magrissima consolazione l’appena entrato Mohsine, mentre per i leoniceni hanno esultato El Quasimi, Bisic e su rigore il centrocampista del 1997, Federico Menini. Sul parrocchiale di Vigo, il GSP 1944 del presidentissimo (da 25 anni ininterrotti!) Raimondo De Angeli, originario della padovana Saletto, deve passare la mano – 2 a 3 – al Locara di mister Carlo Danieli, in gol con il 1995 Andrea Castegnaro, con il 1993 Roberto Perez Ventura e con l’avanti del 1997 Kevin “Keegan” Crestani. Ma, il Vigo di trainer Adriano Rossignoli si lamenta di non essere – una volta passato dallo 0 a 1 al 2-1 – riuscito a tenere il bottino tra le mani, cosa che pareva impresa già fatta dopo i gol realizzati dal molisano – anche diesse della scuderia bianco-granata – Antonio Ciocca (1984) e dal “Bel” Davide non di Donatello né di Michelangelo Buonarotti, bensì Ferrigato, classe 1995, ex Duomo di Rovigo.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
27.1 ° C
28.1 °
25.4 °
61 %
1kmh
0 %
Gio
34 °
Ven
33 °
Sab
34 °
Dom
37 °
Lun
39 °