19.6 C
Verona
lunedì, 21 Settembre 2020

La Gabetti Valeggio quest’anno vuole fare la…lepre, non il cacciatore

Si è tenuta lunedì sera, in maniera molto sobria, nel piazzale antistante al palazzo del Municipio la presentazione della Gabetti Valeggio 2020-21. Il primo cittadino, l’ex portiere Alessandro Gardoni, scortato dall’Assessore allo Sport Alessandro Remelli, dopo aver porto ai presenti i saluti della comunità valeggiana, ha augurato un anno ricco di soddisfazioni e di successi ai ragazzi della Prima squadra rosso e blu: “Cercate” si è raccomandato “di essere esempio per le leve più giovani, trasmettendo i valori che da sempre lo sport incardina (correttezza, lealtà, spirito di gruppo, senso di appartenenza, umiltà, rispetto). Siate…portatori sani, non asintomatici – per restare in tema con il delicato contesto sanitario – di questi comportamenti!”. Dopo di lui, hanno parlato i due capitani della Gabetti, Patrik Cavalletti (fermo per squalifica, “sarò sempre a vostra disposizione anche fuori dal campo e lontano dalle gare ufficiali”) ed Ivan Gorna (“più che le parole, vale l’esempio che noi atleti dobbiamo dare in campo”).

Per la Figc di Verona, presente il Delegato, il vigasiano Claudio Prando: “Valeggio gode di un’impiantistica invidiabile e questo connubio tra l’Amministrazione e la società sportiva è un grande vantaggio per chi fa sport e per tutto il territorio. I collaboratori sono giovani e preparati e mai come nel contesto che viviamo risultano fondamentali. L’auspicio è che il campionato possa partire e possa arrivare al suo termine, visto che abbiamo fatto indigestione di un calcio visto in tivù da qualche mese”. “Bisogna che ci riprendiamo la nostra vita”: così la segretaria della Delegazione scaligera, Ilaria Bazzerla. “Quest’anno sarà un anno di grossa responsabilità per presidenti che si sono mostrati fino ad ora coraggiosi e vogliosi di tornare a fare calcio. Chiedo attenzione ed osservanza di tutte le precauzioni contemplate dal protocollo sanitario. Il campionato potrà avere – speriamo proprio di no – anche delle soste, ma noi siamo in grado di ricalendarizzare i Tornei. Sarà una stagione di transizione e bisogna prendere tutto il buono che ci verrà dato!”

E, da quale miglior pulpito, se non quello occupato dal medico sociale, la dottoressa Mariella Varaschìn, originaria di Vittorio Veneto e mamma dell’ex a lungo giocatore del Valeggio, Federico Bertaiola, possono giungere le raccomandazioni migliori per combattere quel “nemico invisibile” – il Covid-19 – che ci ha cambiato la vita? “Siamo tutti consapevoli di ciò che abbiamo vissuto a marzo di quest’anno, delle migliaia di morti che il Corona virus ha causato, dello sforzo che ha visto tantissimi medici e paramedici impegnati in prima linea a cercare di salvare vite umane. Dobbiamo avere rispetto per la salute nostra, dei nostri cari familiari, di chi frequentiamo, ma anche di chi lotta per strappare alla morte vite umane. Oggi esistono 4 armi per combattere il Covid-19: il vaccino – che è ancora da testare -, la mascherina, il distanziamento sociale e la necessità di aprire le finestre nei luoghi dove ci troviamo a vivere, lavorare, studiare e giocare”.

Il presidente e gran cerimoniere, l’immobiliarista Gianni Pasotto, classe 1961, ha informato che la società Gabetti Valeggio si è provvista, a proprie spese, di una macchina per nebulizzare gli spogliatoi, dove stanzieranno una dozzina di atleti. Non solo, ma anche grandi quantità di materiale per igienizzare le aree dove si svolge l’attività sportiva, gel e quant’altro. “Abolite” ha proseguito il massimo dirigente rosso e blu “le cene del dopo allenamento infrasettimanale. Il posto della casetta è troppo piccolo per onorare il distanziamento sociale”. La società annovera ai nastri di partenza una “rosa” – riaffidata a mister Luca Carletti – di 24 tesserati, di cui ben 18 espressione del vivaio, e alcuni dei quali ancora in età di Allievi: “Sono giovani da formare, ma per fortuna che abbiamo delle chiocce esperte in grado di farli crescere”. Di necessità virtù: la pandemia ha fatto conoscere più realtà alla Gabetti Valeggio: “Da noi, quest’anno, non esistono più i rimborsi spese, nè i premi partita, nè faremo pagare il biglietto all’entrata, ma consentiremo solo agli spettatori di poter esprimere un’offerta libera. Ridiamo così un senso al gioco dilettantistico, strada inevitabilmente da percorrere ed unica fonte di esistenza per un club che dovrebbe definirsi tale. I miei ragazzi, per fortuna, che l’hanno capito e tutti hanno accettato di giocare a zero centesimi. Ora dobbiamo adeguarci il più possibile a protocolli sanitari, che meritano ancora di essere ritoccati perché ancora troppo rigidi, ed anche per rendere più sicura la nostra salute”.

Tornando alla “rosa” della Prima squadra che militerà in Seconda categoria, ritorno di fiamma di Luca Bracciolano, forte attaccante 38enne arrivato dalla sua Sicilia. Nell’ambito della cerimonia, sono state premiate con un omaggio floreale – porto a loro da Amorino Turato, classe 1962 – le signore Letizia, moglie de “el Pacio”, al secolo Ernestino Darra, e Luciana, la mamma del presidente e vedova di Gigi Pasotto. A loro volta, sono state incaricate di premiare con i premi intitolati ai rispettivi mariti Giandomenico Cressoni, Responsabile del Progetto Formativo ed allenatore delle giovani leve dei portieri rosso-blu, e Giuseppe Serino, l’attuale Responsabile del Settore Giovanile del club valeggiano. Premiato inoltre Ionut Topala come miglior giocatore rossoblu della scorsa stagione. Poi, tutti a cena presso lo storico ristorante “La lepre”, fiore all’occhiello di un paese, Valeggio, che registra il più alto numero di tavole calde rispetto alla sua popolazione.

Lo chef pluristellato Fausto Gottardi (classe 1944, juventino dai piedi fino alla punta del cappello di cuoco), coadiuvato in cucina dalle figlie Arianna, Veronica, Irene, e da Corrado – tutti con il minimo comun denominatore la “erre”…moscia come quella del simpaticissimo ed espertissimo titolare, Fausto, forte della cucina di 3 anni frequentata a Milano, e di una settimana condivisa dietro ai fornelli con l’indimenticabile ed impareggiabile Gualtiero Marchesi – ha offerto una cena davvero inimitabile, con sue creazioni davvero innovative, originali e personali. Raccontiamole: come primo piatto un bel bis di tagliatelle al ragù di carne accompagnato da un piatto di pasticcio irrorato da funghi e Taleggio. Roast-beef all’inglese come secondo, scortato da contorni di stagione e come dessert una buonissima panna cotta, con coulis ai frutti di bosco…roba da far guizzare fuori dalla vasca adiacente a dove abbiamo cenato (annotazione appuntataci dal vice-presidente rosso-blu, classe 1956, Guerrino Venturelli, attovagliato con il diesse Marcello Vesentini) gli splendidi esemplari di carpe Koit (o giapponesi), che sembrano essere figlie di un concerto tenuto dai Pink Floyd, tanto hanno squame ricoperte da variopinti, cangianti, suggestivi e psichedelici colori.

Tra questi, anche i colori arancio e neri della Viscontea, società che lo stesso Fausto Gottardi guidò a metà degli anni 80 (1984-85 e 1985-86), oggi inghiottita dalla notte dei tempi, e in cui militavano bomber Amorino Burato, la punta Giuseppe Bertaiola, la mezz’ala Marcello Vesentini (in porta, Franchini da Quaderni, poi, Roberto Mondini, Saverio Foroni, Vito Darra, Enore Belladelli, Giovanni Canesso; in difesa: Ivano Cona e Francesco Crestoni. Ma, anche Cucchi, Crescimbeni, Mazzi detto “Curcio” per il foulard rosso sempre attorno al collo, Franco Fabretto, Giuseppe Bertaiola, la cui madre lavava le maglie. Allenatori? Ennore Oliosi e Valentino Biancardi). Frammenti di calcio dilettantistico “ante litteram”, vero e proprio, inghiottiti dal tempo, ma ancora vivi nella memoria di Fausto Gottardi. Ma, alla pari delle carpe koit, schegge intrise di emozioni e di colori, per un nuovo film calcistico che tutta la Valeggio calcistica si aspetta dai suoi beniamini e dai pronipoti di quella Viscontea arancio-nera di una volta. Di un passato, che, come si sa, ha sempre la schiena pulita e sa provocare emozioni e dolcissime lacrime.

La rosa della Gabetti Valeggio 2020-21:
Portieri: Marco Foroncelli, Manuele Galli, Enrico Guzzi.
Difensori: Mattia Cordioli, Ivan Gorna, Ionut Topala, Federico Bertaiola, Andrea Mecenate, Federico Voltolini, Mattia Parisse, Marco Malvasini.
Centrocampisti: Matteo Lorenzi, Alessandro Antolini, Jacopo Cappiello, Marco Mecenate, Patric Cavalletti, Daniele Campoli, Lorenzo De Santi.
Punte: Gezim Tellosi, Alessandro Fortunato, Davide Tovazzi.
Nuovi arrivi: il difensore Simone Germiniani, i centrocampisti Mattia Mazzi, Ruslan Bertagna, Denis Venturelli e le punte Luca Bracciolano, Michele Pratelli, Simone Fornari e David Fornari.

Staff Tecnico della Gabetti Valeggio 2020-21:
Allenatore Luca Carletti
Vice allenatore Michele Simonetti
Allenatore dei Portieri Orazio Dall’Oca
Medico sociale Mariella Varaschin

Staff dirigenziale della Gabetti Valeggio 2020-21:
Presidente Giovanni Pasotto
Vice Presidente Guerrino Venturelli
D.S. Marcello Vesentini
Segreteria Andrea Malvisini e Roberta Vincenzi
Cassiere Nicola Mazzi.
Responsabile magazzino Amorino Turato
Sponsor: Gabetti Agency e Fondazione Exodus.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

pagine visitate
124.382.541
visitatori online
45

Ultimi articoli

Guarda tutto quello che è successo di oggi

Oggi alle ore 15.30 si è scesi in campo in molti campionati della nostra provincia per la 2^ giornata del 1° turno...

Tutte le partite in programma oggi e le designazioni arbitrali

GIRONE 1 GARDA - VILLAFRANCA Arbitro Marco La Verde di VeronaAssistenti Marco Bonello di Este e Matteo Martinelli di VeronaPESCANTINA SETTIMO -...

Cristian Carigi (PescantinaSettimo): “Possiamo stupire ancora!”

Ha lavorato sodo il PescantinaSettimo del capitano Cristian Carigi per preparare la prossima sfida del 1° turno di Coppa Italia di Eccellenza...

Alberto Zanolli (Peschiera): “Il nostro obiettivo è quello di rimanere in Prima categoria”.

Dopo un lungo corteggiamento l'attaccante 31enne Alberto Zanolli veste quest'anno la casacca granata del Peschiera del presidente Umberto Chincarini. Domani alle ore...

Il Burecorrubbio è pronto per una nuova stagione da vivere da protagonista

E' pronto al debutto in campionato, previsto per domenica 20 settembre, anche il Burecorrubbio del presidente Massimiliano Zago. I biancoblu del riconfermato...

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
19.6 ° C
20.6 °
19 °
77 %
3.1kmh
0 %
Lun
26 °
Mar
24 °
Mer
25 °
Gio
25 °
Ven
20 °