Mister Andrea Turozzi (Sustinenza): “Salvezza subito, poi si vedrà!”

820

Dopo il campionato tribolato dell’ultima edizione, l’ASD Sustinenza 1978 presidente Marco Zuliani e del vice Paolo Leardini, punta, come principale obiettivo, alla conquista della permanenza in Seconda categoria. Nuovo il mister, quell’Andrea Turozzi, classe 1961, il quale si trova a lavorare con una squadra giovane e dalla buona qualità, come ha avuto modo lui stesso di ricordarci durante l’allenamento al “Luca Davi”: “Sono arrivati 4-5 elementi nuovi e le recenti amichevoli sostenute con l’Atletico Città di Cerea e con lo Zevio – entrambe perdute di misura – hanno dimostrato che abbiamo tenuto il campo con dignità con squadre di categoria superiore. Molti atleti, c’è da precisare, sono ancora in vacanza, ma la “rosa” dei 22 elementi che la società mi ha assegnato mi fa ben sperare per il futuro. I primi giocatori di valore che mi vengono in mente sono Zonzin, Modini ed Alberto Ziviani”. Il karma del “sergente di ferro” Turozzi, coadiuvato nella seduta atletica dal giovane Matteo De Fanti e dal preparatore dei portieri Sergio Savoncelli, al suo terzo anno consecutivo in biancazzurro, e al lavoro con Roberto Cuoghi (’94) e con Matteo Patuzzo (’83), è “lavoro e sacrificio”: “La parola d’ordine che ho fatto girare nel gruppo è “stupire!”, visto che qualcuno ci ha già dato sulla carta per già retrocessi. Ma, a me, per chi mi conosce, le sfide eccitano!”

Mister, un’altra volta il girone “D” della Bassa per lei e per la “Celeste della Bassa”… “E’ da sempre un girone tosto, in cui se non possiedi la tecnica supplisci con il carattere; ed è cosparso di tanti combattuti e sentiti derby. La novità è che si sono aggiunte compagini dell’Est veronese, quali il Giovane Santo Stefano, la matricola Bo.Ca. Junior, il Colognola ai Colli e il Lavagno Mezzane. Il Bo. Ca. Junior ha addirittura trionfato in Terza categoria con 6 turni di anticipo, il Santo Stefano è squadra che recentemente gareggia per il podio e dispone di una squadra importante. In pole position, prevedo l’Albaredo e proprio il Giovane Santo Stefano. Ma, anche il Gips Salizzole si è ben rinforzato quest’estate, nonostante la perdita di bomber Odaro che ha deciso di cambiare casacca scegliendo l’Atletico Vigasio”.

L’obiettivo sustinentese si fa presto a immaginarlo: “Dobbiamo raggiungere subito la salvezza, per poi eventualmente giocarci le nostre carte migliori: la società che mi ha scelto merita per passione e impegno molte soddisfazioni, e noi faremo di tutto per accontentarla. Il gruppo, poi, è affiatato e con elementi davvero interessanti”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata