15.4 C
Verona
lunedì, 28 Settembre 2020

Presentato il rivoluzionato GSP Vigo 1944 che nella stagione 2020-21 punta a far bene

Colpa, forse, di quei lampioni che rischiaravano il retro del Duomo di San Martino (edificio a croce latina eretto nella prima metà del XIII secolo), donando alla via un’atmosfera suggestiva, propria da calle veneziana, colpa – soprattutto – della grande voglia di ciascuno di noi di riprenderci la vita che ci è stata privata nei cento giorni di lock down, ma, ieri sera nel cuore di Legnago, nei pressi del “Birreria La Gabbia”, la piazza non pareva più quella metafisica come quella dipinta dal grande Giorgio De Chirico. Parte da questo vicolo bandito a festa dal gestore Roberto Bronuzzi, dal figlio Riccardo e dai suoi solerti collaboratori, e che sfrutta la superficie del plateatico rispettando il distanziamento sociale, che si è consumato l’incontro conviviale del GSP Vigo 1944 della stagione 2020-21. Sui tavoli, hanno sfilato prosciutto di Montagna e melone, risotto al tastasal, hanno danzato come appannate e impettite dame di vetro i Prosecchi imbottigliati, di produzione dello stesso trattore Roberto Bronuzzi, uno dei tanti sponsor del GSP Vigo 1944.

Un gruppo rivoltato come un calzino se è vero che della passata stagione i “reduci” sono solo tre, “rosa” con petali giovani e che emanano energetica fragranza messa assieme con passione, competenza e dovizia di particolari dal nuovo direttore sportivo, il minerbese Riccardo Antonioli, l’anno scorso al servizio del Real Minerbe 2014. Il passionale salottiere di Saletto padovano, il presidente Raimondo De Angeli, sempre affiancato dal vice e fratello Giuseppe, riparte, lancia in resta, per il secondo anno zero – come ama battezzarlo lui – del suo secondo decennio (dal 19 luglio 2000) di presidenza bianco-granata: “Siamo un ente parrocchiale” esordisce nel rituale “discorso alla Nazione” di inizio anno “e viviamo di volontariato e di sponsor (presenti i titolari delle aziende Alter di Sandro Muschio, Santinello padre e figlio, dell’azienda Beggioni). Sarei stato intenzionato a chiudere con il calcio, ma a farmi ritornare la grande voglia, a riaccendermi il motore è stato Riccardo Antonioli, con il quale ho trascorso notti in sede e al telefono per dar vita a questo nuovo gruppo di atleti. Che dovranno interpretare un ciclo triennale di grande interesse per il calcio della nostra frazione, che, come riporta la stessa denominazione, pulsa vitalità dal 1944”.

Anfitrione della serata molto afosa di mezz’estate, l’ingegnere Bruno Tagliaferro, una sorta, assieme a Francesco De Conti e a Chieppe sr del “fubal” della frazione legnaghese (Segretario è l’indomabile Daniele Cappellari, ex calcio di Spinimbecco e scudiero del compianto Antonello Degliuomini). Sempre riferita al contesto la relazione del massimo dirigente vighese con quel suo “non si sono spente in molti giocatori le pretese circa i rimborsi economici”, a dimostrazione che il Covid-19 ha lasciato di brutto anche questo strascico, continuando a far compiere alle società quei salti mortali che non dovrebbe affrontare, tanto meno in un periodo così difficile di emergenza economica, la quale rischia di riflettersi nel sociale”. Sempre De Angeli ha chiesto la conquista della permanenza in Seconda categoria, obiettivo da conseguire meglio se con qualche settimana di anticipo: “Mi aspetto una squadra di gladiatori in campo e quel tutti per uno, uno per tutti che denota la formazione di una vera famiglia”.

A raccogliere il guanto della sfida un giovane trainer Gian Luca Marchesini, polesano di San Bellino, che noi avevamo avuto l’occasione di apprezzare quando 2-3 anni fa era alla guida delle riserve del Castelbaldo Masi di “paròn” Michele Ottoboni da Menà di Castagnaro di Verona. Il trainer, ex anche dellla rodigina Canda, si è portato via l’elegante centrale di centrocampo dotato di fiuto del gol, Mirko Magaraggia, classe 2000, abbronzatura da divo di rotocalco, e il figlio, la punta Michael, classe 1999. “Un gruppo” lo ha tratteggiato con carica vulcanica ed antica passione pedatoria il “Cassano di Minerbe”, al secolo il diesse Riccardo Antonioli “che deve diventare subito una famiglia, formato da giovani molto interessanti (vedi il centrale difensivo “La tigre del Bengala”, ossia il 2000 Kabir Lucato, futuro sommellier di fama nazionale ed ex Casaleone) e da esperte “chiocce”, in primis, il molisano Antonio Ciocca, difensore datato 1984, proveniente dalla Pro San Bonifacio assieme ai centrocampisti, l'”intellettuale” (diplomi e pergamene di laurea in Scienze Sociali) El Hattas El Medhi (1994) e il 1997 Matteo Laganà. L’obiettivo? Dico solo che sono qui per vincere, chiuso e a capo!”

Dei pochi cosiddetti “reduci”, Moustaphà Kouziba, difensore del 1992, ex Coriano, il “Pirlo della nebbia”, Emanuele Mucchi, classe 1995, il portiere 1995 Nicola Bisco, l’indiano Singh Sarkaria (2000), il difensore Matteo Bonomo (1993). L’attacco promette bocche di fuoco schiumanti di rabbia e prepotenza, quali “l’uomo immagine” Davide Ferrigato, “re del Torneo di Tombazosana di Ronco all’Adige”, classe 1995, lo “squalo crotonese” Alfonso Frontera (1997), il 2000 Alberto Righetti giunto dalla Sampietrina. A questi vanno aggiunti scalpitanti “cavalli di ritorno”: è il caso di Nicholas Andriani, classe 1994, di Carpi di Villabartolomea, per fortuna senza gli inseparabili occhiali a specchio anche dopo il tramonto, e l’ex oppeanese Samuele Barini, classe 2000, fisico alla Dorando Petri, da corazziere cioè, ed altro riconfermato rispetto la passata e “monca” stagione sportiva.

Non potevano mancare i saluti del vice-presidente del C.R.V. Figc, il certeano Mario Furlan (“occhio ai decreti ministeriali per la regolare ripresa e per la sicurezza sanitaria!”), e la “benedizione” di clavigero, di chi – don Luciano da Bevilacqua – tiene in mano le chiavi dell’impianto sportivo parrocchiale di via Rovigo: “Il calcio è come una famiglia, tutti si devono dare una mano, uno deve venire incontro all’esigenza dell’altro. Il gioco del pallone è parodia della vita e il pallone bisogna spingerlo in rete non da soli ma tutti insieme!”Allenatore ed allevatore-educatore di giovani, il nuovo mister Gianluca Marchesini: “Con i giovani non c’è tempo di vederli crescere in quanto ti fa pressing il risultato. Ma, anche il calcio, alla pari della natura ha i suoi tempi – “natura non fecit saltus” -, e il primo obiettivo è fare gruppo, creare lo spogliatoio vincente”.

La “rosa” 2020-21 del GSP VIGO 1944:
PORTIERI: Bisco Nicola (95) e Filippo Caldonazzo (2000, Oppeano).
DIFENSORI: Ciocca Antonio (84, Pro Sambo), Kabir Lucato (2000, Casaleone), Bonomo Matteo (93), Mungari Fabrizio (95, Caldiero), Jalel Moudick (98, SSD Valdalpone), Sing Sarkaria (2000).
CENTROCAMPISTI: Zanini Cristian (93, Bonavigo), Mpustapha Kouziba (92), Mucchi Emanuele (95), Magaraggia Mirko (2000, Canda di Rovigo), Michael Marchesini (99, Canda di Rovigo), Simone La Sferza (97, Bonarubiana), El Hattas El Medhi (94, Pro Sambo), Laganà Matteo (97, Pro Sambo).
ATTACCANTI: Ferrigato Davide (95, ASD GS Duono), Alfonso Frontera (97, Porto Legnago), Domenico Pepe (87, Nuova Audace di Bagnolo), Righetti Alberto (Sampietrina), Nicholas Andriani (94, Castagnaro), Samuele Braini (2000).

Staff dirigenziale del GSP VIGO 1944:
Presidente Raimondo De Angeli
vice-presidente Giuseppe De Angeli
diggì Giuseppe Manara
diesse Riccardo Antonioli.
Team Manager è l’ing. Bruno Tagliaferro
Segretario Daniele Cappellari
Magazziniere Riccardo Scarmagnani.
Staff tecnico del GSP VIGO 1944:
Mister Gian Luca Marchesini
Preparatore dei portieri Gabriele Marchesini
Medico sociale il dr Luca Ambroso
Fisioterapista il dr Alessandro Beozzi

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

pagine visitate
124.500.550
visitatori online
245

Ultimi articoli

Seconda categoria girone C: il punto sulla 3^ giornata

Delle 4 compagini che hanno la leadership del girone C in larga parte vicentino, ben 3 parlano il dialetto veronese. E sono...

Seconda categoria girone B: il punto sulla 3^ giornata

Tutto ancora da decifrare l'avvincente girone "B" di Seconda categoria, che, al momento, vede al comando il trio Lescano, quello formato da...

Seconda categoria girone A: il punto sulla 3^ giornata

Un allegro quintetto sta facendo l'andatura nel girone "A" di Seconda categoria: è quello composto da Colà Villa dei Cedri, SommaCustoza, Pol....

Prima categoria girone B: il punto sulla 3^ giornata

Ed eccolo il terzetto, al quale è affidata la leadership del girone "B" di Prima categoria: Pro Sambonifacese (mister Maurizio Battistella), Bevilacqua...

Prima categoria girone A: il punto sulla 3^ giornata

Peschiera ed Olimpica Dossobuono fanno l'andatura, a punteggio pieno, nel girone "A" di Prima categoria. Gli arilicensi dello skipper Luca "Tortuga" Righetti...

I Nostri Social

Verona
pioggia leggera
15.4 ° C
15.6 °
15 °
67 %
1kmh
75 %
Lun
17 °
Mar
20 °
Mer
21 °
Gio
21 °
Ven
20 °