Seconda categoria girone A: il punto sulla 1^ giornata

Peschiera a forza 4, Consolini da trasferta, Valdadige non più "cenerentola", il "Garga" ammutolisce i "tamburini" sommacustozani, non svetta il La Vetta sul Colà, S.Anna-Bussolengo rinviata per impraticabilità del campo.

904

Nel girone “A” di Seconda categoria, si parte già con un asterisco che rende virtuale la prima bozza della classifica: è la gara rinviata, per l’impraticabilità del campo dopo l’abbondante pioggia caduta, tra i “falchi della Lessinia” di capitan Damiano Tommasi e il quotato Bussolengo di mister Roby Pienazza, il corniciaio di borgo San Pancrazio a Verona, zona periferia Est. Il neo-retrocesso Peschiera dello skipper, nuovo, l’arilicense assessore Luca Righetti, parte col botto, rifilando 4 pappine al resort di Castelrotto di Negarine di San Pietro In Cariano, patria del Burecorrubbio di mister Nicola Martini, ex coach della Pol. La Vetta. Nessun doppiettista tra i vincitori, ma a turno la cacciano in fondo alla buca il 1995 Enrico Marcolini, il difensore 1988 Omar “Sivori” Lorenzi, Zamboni e il 1996 Mattia Leanza. Per i burecorrubbiesi, il solo Stefano Righetti, studente di Economia a Verona e fratello del bomber 2000 Nicolò in forza all’Ambrosiana.

Vince lontano dal pubblico amico anche la Pol. Consolini di mister Luca Ponzini, l’anno scorso sulla panca audacina: 1 a 3 all’ombra dei forti austroungarici pastrenghesi, e questo era il big match tanto temuto dallo stesso mister del Pastrengo, Paolone Brentegani. Le reti costermanesi sono a cura di Juan Pablo Ometto (1987), Andrea Cinquetti (1985) e di Fenner; per il gol-consolazione dei “carabinieri con gli scarpini”, invece, bomber Andrea Pignato, classe 1983. Vince pure l’F.C. Valdadige, che quest’estate ha deciso di non voler indossare più lo scomodo costume di squadra-Cenerentola del girone più a Nord di Seconda categoria: l’undici del nuovo trainer Alessandro Saiani, subentrato a Marzio Menegotti, prevale, 2 a 1, sul neo-retrocesso Calmasino di mister Luca Bozzini (in illusorio pareggio con Donini). Per il club più alto geograficamente del girone, quello valdadigino, in rete vanno il centrocampista 1984 Giulio Cipriani e “monsignor” Nicola Ravasi, classe 1996.

Zero a zero a Lazise tra gli azulgrana dello skipper Gabriele Gelmetti e la matricola Pieve San Floriano di mister Gasparini. La partita tra la Dorial, matricola pure lei di Seconda categoria, e la navigata A.C. Cavaion terminano sull’1 a 1; per i bianco-nero-rossi del comprensorio villafranchese in rete Omar Jmili, classe 1996, forte mahgrebino l’anno scorso in forza all’A.C. Oppeano dove era giunto dal Real San Massimo 2000, per i montebaldini il solito ing. Jurij Brognara, ex Montebaldina Consolini.

Chiassoso 3 a 3 al “Montindon”, tra la Pol. La Vetta del nuovo trainer Manuel Pignatelli e il Colà Villa dei Cedri di mister Raffaele Pachera. Per i giallo-verdi cedrini, segna …”Ora…Pro…” Nobis, l’ex valeggiano Luca, classe 1988 – per lui doppia su rigore! – e il …velenoso Francesco Acampora, classe 1997, ex Primavera ’99. Per i biancazzurri domegliaresi, invece, Davide Zampini, ex Team S.L. Pescantina, e doppia del 1996 Arledjo Laska, ex anche Bussolengo. Il Gargagnago del nuovo coach Massimo Beggio, subentrato in estate al collega Gianni Pierno, ammutolisce, 2 a 1, i tamburini sardi sommacustozani che aveva rullato di gran carriera per primi con bomber Nicolò Bolla. Ma, prima l’ex F.C. Valgatara, il 1993 Matteo Ferrari e poi il 1987 Mattia Galvani rovesciano come un guanto il verdetto della gara.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata