Seconda categoria girone A: il punto sulla 5^ giornata

Peschiera da "wanted" ma il Pastrengo dei "gemelli del gol" fa paura. Si fa minaccioso anche il Consolini, mentre il Calmasino esce indenne da Sommacampagna e sbircia le big. Tre punti d’oro per i "falchi della Lessinia" contro il Cavaion.

622

Sempre più all’insegna del fuggiasco Peschiera dello skipper Luca “Tortuga” Righetti questo girone “A” di Seconda categoria: dove non è ancora tutto già definito, almeno, in testa, e dove in coda, invece, battono un pochino in testa la simpatica matricola Pieve San Floriano, il BureCorrubbio e un irriconoscibile – rispetto al trand dell’anno scorso – A.C. Cavaion. Gli arilicensi dell’ex senatore e onorevole della Lega Umberto Chincarini, vedono scattare il verde anche a Gargagnago, team allenato da Massimo Baggio, il quale aveva iniziato alla grande il Torneo. Le tre marcature dei “rosso e blu del basso Garda” recano le impronte digitali di Luca Pace, classe 1984 ex Montebaldina e Team S.Lucia (doppia per lui!) e del centrocampista classe 1996, Mattia Leanza.

 Dietro di una tacca, a quota 12 punti, non molla un passo il Pastrengo di mister Paolo Brentegani: ieri, tennistico 1 a 6 a San Pietro Incariano, in casa dei bianco e blu pievani del presidente Giovanni Flora e gruppo guidato da Valentino Dall’Ora (in rete soltanto con l’ala mancina ex Gargagnago Filippo Ceschi). Per i “carabinieri con gli scarpini”, invece, doppia di Alberto Ronconi, ex Caldiero, fantastico tris di Davide De Carli, il “sollevatore degli animi gialloverdi” e demolitore delle difese avversarie (foto grande), e sigillo di “Gattuso” Andrea Benedetti. La Pol. Adolfo Consolini del coach è bella terza a quota 11 punti, in virtù anche dell’exploit esterno compiuto ieri – 0 a 2 – al “Montindon”, casa della Pol. La Vetta di mister Manuel Pignatelli. Per il gruppo di Costermano di mister Luca Ponzini, acuti del caprinese 1989 Alberto Zanolli e di Jan Pablo Ometto.

A la Rizza di Villafranca, 4° pari in 5 gare per la matricola Do.Ri.Al di mister Manuel Caliari, squadra che deve ancora gustare il sapore della prima vittoria stagionale assieme a BureCorrubbio e alla Pieve San Floriano: 1 a 1 tra i “doriani del Villafranchese” e il Lazise dello skipper Gabriele Gelmetti. Per i lacisiensi illude il 1993 Edoardo Di Nucci, perché poco dopo è l’avanti 1987 Mattia Bertini a negargli la gioia del tiro da 3 punti. Terminano sul nulla di fatto e di gol le gare fra il BureCorrubbio di mister Nicola Martini contro il Colà Villa dei Cedri del coach Raffaele Pachera e quella fra il SommaCustoza di mister Antonio Sperani e il Calmasino di mister Luca Bozzini.

Tre punti di grande rilancio sulla sua piattaforma, o voliera visto che parliamo dei “falchi della Lessinia” del Sant’Anna d’Alfaedo di mister Mauro Pia: vittoria per 1 a 0 nella propria terra…basca a spese dell’A.C. Cavaion dello skipper Alberto Cipriani, match winner, ad inizio di ripresa, Damiano Tommasi, classe 1974, ex Roma, Hellas Verona ed ex azzurro. A Rivalta di Brentino Belluno, cade l’F.C. Valdadige di mister Alessandro Saiani: 2 a 3 e a staccare il pass dei 3 punti è il Bussolengo del mister-corniciaio Roberto Pienazza. Crepita la “M2”, e cioè la premiata ditta del gol valdadigese, quella formata dal 1984 Riccardo Miglioranzi e da Stefano Mignolli; per i rosso-verdi bussolenghesi, autorete dello stopper Da Costa, il 1997 Davide Oliviero e il bomber Damiano Giacopuzzi, ex Pol. La Vetta e Pieve S.Floriano. Rossoverdi del presidente Emilio Montresor sempre a -2 dalla vetta al 3° posto alla pari della Pol. Adolfo Consolini.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata