Seconda categoria girone B: il punto sulla 9^ giornata

Domenica da "la caduta degli dei": scivolano Pizzoletta e Olimpia Ponte Crencano. Rinviata Parona-Alpo Lepanto. Giornata di colpacci per Juventina, Avesa e Intrepida. "El borgo" graziato da un'autorete avversaria in quel di San Massimo.

489

Solamente due le gare non risparmiate dalla scure del maltempo che ieri ha imperversato in tutta, ma non solo, la nostra provincia, e nella fattispecie, nel “girone cosiddetto della città”, il “B” di Seconda categoria veronese. Clamorosi gli scivoloni da “La caduta degli dèi” per Olimpia Ponte Crencano e Pizzoletta: se per i giallo e blu di mister Giordano Rossi si è trattato di una resa fuori casa, nel Club più esclusivo del raggruppamento, il 1998, per la matricola Pizzoletta, guidata da mister Roberto Di Stefano, si è registrata la prima “luna nera” in casa e la perdita del primato dell’imbattibilità. Ma, procediamo con ordine: i “geniali pontieri” soccombono per 2 a 1 ai padroni di casa rosso-neri dell’ondulante Alpo Club ’98 di mister Stefano Ferro. Duplice il vantaggio dei ragazzi del presidente e trattore Carlo Parolin: prima esulta Mimmo Marino, poi, l'”eroico” (per via del cognome) Giosuè “Carducci” De Battisti, classe 1995. Il solo Abbey, ahilui!, non basta per i pontecrencanesi del presidente Roberto Donà e del vice e broker finanziario Gabriele Ferrari.

Il Pizzoletta del presidente Moreno Maragna inciampa a sorpresa in casa sua per 0 a 1 e contro i neo retrocessi Boys Buttapedra del diesse Sergio Ursicino guidati da mister Andrea Lunardi: mattatore è Simone Bezzan. Convince anche l’1 a 3 della Juventina Valpantena di mister Massimo Burato perché i bianco-neri stanno vivendo un buon momento. Ieri, al “Comunale” di Quinzano, i poianesi dei fratelli Diego e Giorgio Malaffo passano in casa del Borgo Trento grazie alla doppia di Matteo Beltrame e all’acuto emesso prima dall’ex tregnaghese, il 1997 Mattia Bogoni. Tiene alto l’onore degli sconfitti borgo-trentini sguinzagliati da mister Cristian Bertolini il solo Buratto.

Nè carne né pesce sa l’1 a 1 ottenuto dai “draghi rossi” del Borgoprimomaggio di mister Tiziano “Titti” Salvagno al “Benali-Bonomo” di San Massimo, in casa del Real dello skipper Roberto Sorio. Sono, addirittura, i nero-verdi rionali a provarci con “case” Mazzi, ma, alla fine, esattamente al 92mo, è il centrocampista 1989 Simone Zerpelloni a regalare il tiro all’incontrario dei 3 punti agli avversari altolocati borgatari del diggì Enrico Sgreva. Rinviate ad altra data Parona-Alpo Lepanto e Saval Maddalena-U.S. Cadore. Vittoria esterna per l’Avesa HSM del coach Flavio “baffo” Marai. 1 a 2 a Valeggio, in casa della Gabetti guidata da Luca Carletti. All’avesano Cerpelloni replica il valeggiano rosso e blu Parisse, ma, alla fine, la differenza la fa l’ex Olimpia Ponte Crencano, il classe 1997 Andrea Righetti, broker finanziario e mister anche di una squadra giovanile. “Cinquina” non secca, ma bagnata dal gol della magra consolazione realizzato da Nweke, quella rifilata dalla Pol. Intrepida di mister Massimiliano Signoretto in casa del Verona International di mister Gentjan Cani e del presidente Rodrigo De Souza. Per i rosso-neri “madonari”, hanno crepitato le doppiette imbracciate da Gianmaria Donisi e dal 1989 Michele Filippi, più c’è l’acuto emesso da Victor Ama…te stesso…come il prossimo tuo…

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata