6.2 C
Verona
lunedì, 8 Marzo 2021

Conosciamo Emilio Marinaro, il nuovo portiere dell’Ambrosiana

E’ entrato quasi in punta di piedi, il nuovo portiere dell’Ambrosiana Emilio Marinaro, che sabato scorso ha debuttato con la maglia rossonera contro i friulani del Cjarlins Muzane. Emilio ha fatto delle ottime parate negando anche alcuni possibili gol alla formazione avversaria. Una buona prova, la sua, di personalità e sicurezza tra i pali. Alla fine l’Ambrosiana, che era in svantaggio di due reti ad una, è riuscita nell’impresa di conquistare un meritato pareggio, in piena “zona Cesarini”, al 96° minuto di gioco, grazie alla sfortunata autorete del difensore ospite Nallo. “Sono contento della prova di carattere offerta dalla mia nuova squadra – dice Marinaro -. Siamo entrati in campo per fare nostra la partita e non lo nascondo speravamo nei tre punti, ma alla fine ci siamo dovuti accontentare di un pareggio che comunque ci mantiene in corsa per il discorso salvezza”. In classifica l’Ambrosiana, in attesa della prossima gara casalinga di campionato in programma domani alle ore 14.30 al “Montindon” contro l’Este, vanta 14 punti dopo le 16 gare disputate finora, ed è terz’ultima e tiene a distanza di sicurezza il Campodarsego a 8 e il Chions a 6 punti (le ultime due retrocedono direttamente). Il portiere classe 2002 Emilio Marinaro arriva dalla Primavera dell’Ascoli dove di fatto non ha mai giocato, visto il campionato è stato fermato per Covid-19. Prima aveva militato nella berretti della Ternana, nella Primavera della Fiorentina e nella prima squadra della Ternana in serie C.

Emilio ci tiene a ringraziare i tecnici e allenatori dei portieri che lo hanno allenato finora, tra i quali Alessio De Angelis (alla Berretti della Ternana), Matteo Testi (nella Primavera della Fiorentina) e Pietro Spinosa (nella prima squadra Ternana). Nonchè i suoi genitori Claudia e Massimo e il suo procuratore. Ora il nuovo portiere rossonero vive in un appartamento con altri due compagni di squadra a Cavaion. La sua squadra del cuore è la Lazio e ammira come portieri professionisti Reina, che quest’anno è proprio alla corte del presidente Lotito, e il guardiano dei pali dell’Atletico Madrid, lo sloveno Jan Oblak. Il suo sogno è quello di giocare un giorno in serie A. “Due portieri, Oblak e Reina, completi in tutti i fondamentali ed abili anche ad usare i piedi, che nel calcio moderno non guasta. Gli ammiro molto e li seguo con estremo interesse”. Si è già trovato bene all’Ambrosiana: “Ho trovato dei ragazzi meravigliosi con i quali ho subito fatto amicizia. Lo spogliatoio è coeso e solido. Dobbiamo crescere e lavorare molto per conquistarci il nostro scudetto personale che è quello della salvezza”.

Con mister Tommaso Chiecchi e il vice Stefano Ghirardello ha già legato: “Sono due ottimi tecnici che mi hanno fatto un ottima impressione. Due ottimi motivatori che regalano tanta serenità e libertà. Ma sta a noi ragazzi della rosa della prima squadra a non deluderli. Domani arriva a trovarci l’Este che vanta dieci punti più di noi in graduatoria. Mi aspetto un aspra battaglia dove saremo chiamati a giocare la partita perfetta per conquistare quei tre punti che sarebbero importantissimi in ottica salvezza”. A poche ore dalla chiusura del calcio mercato la società rossonera del diesse Mattia Bergamaschi ha perfezionato il ritorno in rossonero di Antonio Metlika, centrocampista classe 2001 che torna in rossonero dalle giovanili del Chievo.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
6.2 ° C
10 °
0 °
57 %
2.6kmh
0 %
Lun
11 °
Mar
12 °
Mer
12 °
Gio
13 °
Ven
9 °