7 C
Verona
lunedì, 1 Marzo 2021

Gianmarco Gerevini (Sona): “La salvezza è alla nostra portata”

Sa bene che il girone B di serie D è un raggruppamento molto tosto, Gianmarco Gerevini bresciano doc arrivato quest’anno nel neo promosso Sona del presidente Paolo Pradella. Ha in testa un unica cosa, portare in salvo i rossoblù del nuovo mister Filippo Damini. Unità d’intenti e voglia di mettere in campo anima e la voglia di superare l’avversario è quello che serve. Sabato scorso, nell’anticipo della 18^ giornata di campionato, il suo Sona ha lasciato l’intera posta agli avversari lombardi del Breno che si sono imposti a Sona per 2 a 0. Gerevini, che non era in campo perchè squalificato dal giudice sportivo, commenta: “Ero a bordo campo con i miei due cani ed ho sofferto come un pazzo! Abbiamo regalato i tre punti giocando male e prestando il fianco ai nostri avversari bresciani. Non doveva andare così ma già da domani pomeriggio a Caravaggio possiamo rialzare la testa. Dobbiamo giocare senza nessuna paura, credendo nelle nostre possibilità e alzando il ritmo partita”.

I rossoblù veronesi sono al 14° posto in classifica alla pari del Villa Valle con 19 punti conquistati in 18 partite, frutto di 5 vittorie, 4 pareggi e 9 sconfitte. Il Sona spera di vedere presto la luce in fondo al tunnel. Dietro in classifica ci sono solo tre squadre, Tritium, Scanzorosciate ed il fanalino di coda Caravaggio. Il Sona deve dare domani una svolta al suo campionato ritrovando una buona prestazione e la vittoria in casa dei bergamaschi del Caravaggio che come i rossoblù hanno un grande bisogno di punti per la salvezza. “Dobbiamo scendere in campo propositivi e fiduciosi come non mai, giocando come sappiamo fare con tanto ritmo e grande forza per cercare di portare a casa tre punti indispensabili per la classifica e per il morale. Sono dispiaciuto che mister Tommasoni sia stato esonerato. Io dico sempre che gli allenatori contano nel calcio ma non sono i responsabili, siamo noi giocatori che andiamo in campo”. Secondo lui il Seregno è la squadra più forte del suo girone: “E’ una squadra fortissima, votata al sacrificio che dispone di ottimi elementi. La candido tranquillamente alla vittoria finale. Le sue avversarie per il titolo e i posti play-off sono Casatese, Crema, Busaporto, NibbionOggiono e Calvina Desenzano”.

Brescia calcio, dove ha fatto tutta la trafila delle giovanili fino a giocare in Primavera, poi Adriese, Latina, Ischia, Olhanense in Portogallo, Matelica, Monterosi, Viareggio ed Atletico Cp sono state le sue squadre. Gerevini ha fatto sempre la sua parta guidato da tecnici che sono stati i suoi maestri di calcio e di vita, primo fra tutti Stefano Cuoghi ai tempi dell’Esperia Viareggio e Tiozzo al Matelica. Ricorda con piacere il talent scout Roberto Clerici, colui che ha scoperto Andrea Pirlo allenatore attuale della Juventus che aveva preso dal Desenzano da piccolino portandolo a Brescia. Ha portato una ventata di positività l’arrivo dell’ ex nerazzurro Maicon: “E’ un campione umile e sempre disponibile a regalarci splendide nozioni di calcio e di vita. Fortissimo in tutti i sensi”. Salutandoci spende belle parole per la società rossoblù: “Fin da quando sono arrivato qui mi sono trovato molto bene con la dirigenza ed in particolar modo con la famiglia Valbusa ed il presidente Pradella. Persone schiette come il sottoscritto. Dobbiamo fare ancora tanta strada assieme per conquistare quest’anno il sogno della salvezza”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
7 ° C
10.6 °
2.2 °
61 %
1kmh
0 %
Lun
15 °
Mar
14 °
Mer
15 °
Gio
14 °
Ven
13 °