30.7 C
Verona
giovedì, 30 Giugno 2022

Il Caldiero del presidente Filippo Berti continua a stupire

I gialloverdi di mister Tommaso Chiecchi hanno raccolto 22 punti, sui 24 disponibili, nelle ultime 8 gare di campionato

Ogni anno alza sempre più l’asticella il sorprendente Calcio Caldiero Terme del giovane presidente Filippo Berti che siede sulla massima poltrona dei gialloverdi termali da ben 18 anni. Come tutti noi, di questi tempi, Berti è preoccupato per la situazione della guerra in Ucraina. Per noi è sempre un piacere parlare con lui, persona schietta ed innamorata della vita e della sua famiglia. “Dopo la pandemia dovuta al Covid-19, che per fortuna di questi tempi è in sensibile diminuzione di contagi – dice Berti -, come se non bastasse è arrivata, come una mazzata, l’invasione delle armate Russe in Ucraina. Una situazione che mi amareggia molto e che mi interessa in prima persona, visto che come molte aziende europee anche la mia azienda tratta affari anche con l’Ucraina e la Russia. Diventa sempre più difficile spedire i nostri macchinari agricoli in zone di guerra e ricevere il pagamento delle nostre commesse. Speriamo che arrivi prestissimo una tregua e tutto si risolva con la pace il prima possibile per il bene di tutta l’umanità”.

La squadra termale del bomber e capitano Lorenzo Zerbato domenica avrebbe voluto indossare una maglia a favore della pace per dimostrare la vicinanza alla popolazione colpita dalla guerra in Ucraina ma la Lega calcio non ha concesso il permesso. Sarebbe stato un bel messaggio di pace visto che la gara di domenica sarà visibile in diretta su Sportitalia. Il palcoscenico della serie D è molto ambito non solo dalla famiglia Berti ma è motivo di vanto per tutto il paese delle Terme di Giunone. “Nella mia vita arriva prima di tutto il lavoro e la mia famiglia. Il calcio è pura passione e saper gestire un sodalizio sportivo, soprattutto di questi tempi di crisi economica globale, non è certo facile. Noi andiamo avanti rispettando un budget appropriato per questa categoria, senza fare spese folli. Da noi c’è la massima organizzazione ed ognuno rispetta con responsabilità ed attenzione il proprio incarico, questo mi fa sentire tranquillo. Il Caldiero è una piccola famiglia costituita da molti validi collaboratori, dal sottoscritto passando da chi taglia l’erba dei nostri campi di gioco fino ad arrivare a chi pulisce tutti i giorni gli spogliatoi”.

Parlando dell’attuale stagione 2021-22 di serie D, il patron Berti è molto soddisfatto: “Stiamo migliorando il piazzamento in classifica della stagione scorsa quindi direi che siamo in linea con quanto avevamo programmato questa estate. Siamo partiti innanzitutto per mantenere la categoria per poi crescere, gara dopo gara, giocando con qualità ed intensità. Ricordo che eravamo partiti in maniera non troppo brillante, evidentemente i meccanismi con il nuovo mister Tommaso Chiecchi e il suo staff non erano ancora ben oliati. Ma poi, dopo la gara persa contro la compagine delle Dolomiti Bellunesi, il 12 dicembre dell’anno scorso, c’è stato un fattivo confronto con il mister dove lui ha ammesso con umiltà e tranquillità alcuni errori commessi. Da lì siamo ripartiti più forti di prima e più consapevoli dei nostri mezzi”.

In seguito i termali del diesse Fabio Brutti guidati da mister Chiecchi hanno raccolto ben 22 punti nelle ultime 8 partite, conquistando 7 vittorie ed un pareggio che li hanno proiettati al 4° posto con 40 punti. Domenica allo stadio “Berti” di Caldiero arriva la capolista Arzignano Chiampo di mister Giuseppe Bianchini, un match che promette grande spettacolo. Ma qual è il sogno nel cassetto di Filippo Berti? “In tutti questi anni il Caldiero mi ha regalato tante emozioni che mi porterò sempre dentro. Ogni anno parto con entusiasmo e con grande voglia di divertirmi. A mio parere, questa che stiamo intraprendendo, è la strada giusta. Stiamo mettendo in campo carattere ed umiltà. Gli avversari possono essere più forti di noi ma l’importante è giocare dando tutto e di più durante la partita, facendo felici i nostri tifosi che ci seguono sempre sugli spalti con grande calore. Il sogno è di rimanere a lungo in serie D, una vetrina importante e bellissima per un piccolo paese come il nostro”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
poche nuvole
30.7 ° C
33 °
29.5 °
51 %
2.6kmh
20 %
Gio
34 °
Ven
33 °
Sab
34 °
Dom
37 °
Lun
39 °