28.6 C
Verona
sabato, 4 Luglio 2020
More

    Il centrocampista del Caldiero Alberto Filiciotto sogna di tornare presto in campo

    Ha nostalgia della Sicilia e della sua Messina, dove è nato 28 anni fa, il fantasista del centrocampo giallo-verde del Caldiero Alberto Filiciotto. Gli manca terribilmente il mare, visto che per ora è vietato ancora uscire dalla regione Veneto. Spera di poter trascorrere questa estate con la famiglia una bella vacanza anti stress. Da due anni veste la maglia del Caldiero con il quale è approdato questa estate in di serie D, ed è pieno di orgoglio di indossare la sgargiante maglietta della compagine guidata dal giovane e capace presidente Filippo Berti. E’ di questi giorni la riconferma del bravo tecnico Cristian Soave alla guida della prima squadra termale anche per la prossima stagione: “Sono rimasto contento di questa scelta fatta dalla società – confessa il giocatore -. Soave è un mister che sa il fatto suo e che può fare molto bene a Caldiero anche in futuro. Speriamo presto di ripartire, anche se al momento non sappiamo ancora nulla sulle sorti del campionato”.

    Una stagione, quella attuale, con tantissime probabilità di essere data per finita dalla Federazione. “Non ho idea di cosa decideranno della stagione attuale di serie D – dice Filiciotto -. Ho appreso che ci sono voci che sostengono che la prima classificata di ogni girone conquisti il pass per la serie C, che nel nostro caso è il Campodarsego di mister Antonio Andreucci, squadra tosta e ben attrezzata per il passaggio di categoria. Io sono d’accordo su questo ma il mio parere conta davvero poco. Aspetto con ansia, nella quiete di casa mia, la decisione della Lega Nazionale Dilettanti. E’ chiaro che io penso che ormai non ci sia più il tempo per chiudere la stagione regolarmente, anche se io personalmente, in piena sicurezza dal contagio del virus, sarei pronto a ritornare in campo”.

    Filiciotto è contento della stagione fatta dal Caldiero, fino al momento dello stop per il CoronaVirus, e stende parole di elogio alla sua squadra: “Noi del Caldiero siamo dopo le 27 gare giocate finora all’undicesimo posto a quota 37 punti, con 10 partite vinte, 7 pareggi e 10 sconfitte. Davvero un bel bottino per una neo promossa che si stava guadagnando con merito la permanenza in serie D. Credo che con il passare delle giornate stavamo facendo conoscere a tutti il valore di questa squadra e noi stavamo facendo esperienza in questa nuova serie in un girone duro e molto competitivo. Complimenti alle due squadre veronesi, Legnago e Ambrosiana, che sono rispettivamente seconde e terze classificate, nel nostro girone C di serie D, e che se la stavano giocando alla grande. Noi non siamo da meno e potevamo, se il campionato non fosse stato fermato all’improvviso, fare altri punti importanti”.

     Ora si può uscire a correre, ma prima bisognava fare di necessità virtù allenandosi a casa. “Non potevamo fare altrimenti. Non si poteva uscire e non è stato certo facile allenarsi da soli. lo vi confesso che con due bambini piccoli per casa era dura ma grazie a mia moglie ce l’abbiamo fatta e ci siamo tenuti in forma come potevamo”. Montichiari, Pergolettese e Alessandria, poi Bardolino in Eccellenza, queste le sue tappe prima di approdare a Caldiero. “Ogni stagione, si sa, ti regala sempre qualcosa, nel bene e nel male. Ricordo con piacere l’esperienza molto bella con i grigio-rossi dell’Alessandria in C2, un ambiente che merita palcoscenici importanti per blasone e competenza calcistica. Ma anche al Montichiari sono stato benissimo ed ho vinto un campionato salendo dalla serie D fino alla C2. Un ambiente sano dove sono stato amato e dove ho dato il cuore ricevendo tantissimo in cambio”. Alberto, dopo la sua famiglia, ha in testa solo il pallone. E come dargli torto visto che il calcio è lo sport più bello del mondo! Non sa ancora quale sarà il suo futuro: “Vorrei restare a Caldiero, ma non si sa ancora come e quando riprenderà il calcio. Da parte mio ho le pile cariche e sono pronto a tornare a giocare anche domani ma purtroppo non dipende da me. Giocare indossando la divisa del Caldiero vi confesso che è davvero stupendo!”

    Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

    © Riproduzione Riservata

    Leggi ancora ...

    pagine visitate
    123.673.229
    visitatori online
    154

    Ultimi articoli

    Altre pillole di calcio mercato. L’Arbizzano fa sul serio!

    E' pronto per una nuova avventura calcistica il forte difensore classe 1989 Nicolò Dalla Pellegrina, quest'anno in forza al Garda di mister...

    Caldiero e Borgo Soave si uniscono. Filippo Berti: “Il progetto è solido e aumenterà l’attività giovanile del nostro territorio”

    Mercoledì 1 luglio è comincia ufficialmente la nuova avventura dell’ASD Calcio Caldiero Terme nel comune di Soave. La società termale è subentrata...

    Andrea D’Alessandro è il nuovo Responsabile Sanitario gialloblù

    L'A.C. ChievoVerona comunica che Andrea D'Alessandro è il nuovo Responsabile Sanitario della Prima squadra gialloblù. Il Dott. D'Alessandro, laureato in Medicina e...

    E’ di nuovo Seconda categoria per il Lessinia 2018!

    Altra squadra promossa in Seconda categoria è il Lessinia 2018 del presidente Matteo Guglielmini, imprenditore agricolo ed agente immobiliare classe 1977. Per...

    Michele Sberveglieri (BNC Noi): “Con mister Andrea Crema possiamo crescere e migliorarci”

    E' molto attaccato alla maglia giallo-verde del BNC Noi del presidente Sergio Sgulmar, che milita nel girone A di Terza categoria, il...

    I Nostri Social

    Verona
    poche nuvole
    28.6 ° C
    28.9 °
    28 °
    48 %
    2.6kmh
    20 %
    Sab
    27 °
    Dom
    30 °
    Lun
    31 °
    Mar
    24 °
    Mer
    26 °