Il derby Ambrosiana – Caldiero Terme finisce in parità

375

Un punto importante, quello conquistato ieri al “Montindon” di sant’Ambrogio di Valpolicella, per il Caldiero che si lascia alle spalle le ultime quattro sconfitte consecutive, cogliendo un pareggio prezioso contro l’Ambrosiana di mister Tommaso Chiecchi che veniva dalla convincente vittoria in casa del Villafranca per 4 a 2. Una risposta positiva, anche sotto il profilo psicologico, quella offerta ieri dai gialloverdi termali del presidente Filippo Berti. Nel primo tempo gli uomini di mister Cristian Soave vedono le streghe con l’ennesimo episodio sfortunato di questo periodo. Il difensore termale Baschirotto infila la propria porta siglando l’autogol che porta in vantaggio l’Ambrosiana. Inevitabilmente sale il nervosismo, che nel corso della gara costerà i rossi sventolati in faccia dal signor Selvatici di Rovigo a capitan Lorenzo Zerbato e al portiere Stefano Fortunato, quest’ultimo cacciato per proteste dalla panchina. Il primo tempo si chiude con i rossoneri locali del presidente Gianluigi Pietropoli in vantaggio per 1 a 0.

Il Caldiero nella ripresa prova a reagire e mister Soave prova a cambiare, al 12° toglie Boudraa ed inserisce l’attaccante Brunazzi e inserisce Martone al posto di Rossignoli. Dopo soli tre minuti Lorenzo Zerbato viene espulso per doppia ammonizione lasciando i termali in 10 e senza il loro miglior cannoniere. Seppur in inferiorità numerica il Caldiero rimane però attaccato alla partita. Una tenacia che viene premiata al 33° minuto di gioco. Mattia Negri, appena entrato, spizza in area per Luca Viviani, che, ben appostato sul secondo palo, devìa in rete per il pareggio gialloverde. Un gol fondamentale e meritato che spazza finalmente via tutte le paure di un ennesima sconfitta. Il Caldiero ritorna a muovere la classifica dopo quattro partite negative e si porta a 18 punti. Il peggio è finalmente alle spalle. Domenica prossima allo stadio “Mario Berti” un nuovo esame contro il Belluno che insegue i termali a -3 e che sabato ha perso in casa 2 a 0 contro il Cartigliano. Intanto però un sospiro di sollievo per il Caldiero che può riprendere la marcia verso la salvezza.

Ambrosiana (4-2-3-1): Zalewski, N’Ze, Manfroni, Santuari, Colella (40’st Cherubin), Biasi, Speri (36’st Pangrazio), Lonardi, Moscatelli (40’st Righetti), Lauricella (21’st Pereira), Testi (29’st Alba). A disp: Scalera, Frinzi, Filippini, Costa. All. Chiecchi.
Caldiero (3-5-2): Anderloni, Boudraa (12’st Brunazzi), Falchetto, Colman Castro, Baschirotto, Rossignoli (12’st Martone), Filiciotto (30’st Negri), Viviani, Baldani, Zerbato, Santi (30’st Ferretti). A disp: Fortunato, Sacchetto, Braga, Marini, Laperni. All. Soave.
Arbitro: Selvatici di Rovigo.
Reti: 27’pt Baschirotto (aut), 33’st Viviani.
Ammoniti: Zerbato, Colman Castro, Boudraa, Viviani, Martone.
Espulsi: al 15’st Zerbato per doppia ammonizione. 28’st espulso Fortunato per proteste.
Recuperi: 1’pt, 5’st

Ufficio Stampa ASD Calcio Caldiero Terme

© Riproduzione riservata